La metà degli aerei da combattimento in Europa sarà costruita dalla Lockheed-Martin nel 2035.

Con l'annuncio di un prossimo ordine di 48 aerei da caccia F-35A da parte della Romania, Lockheed-Martin si assicura una posizione dominante all'interno delle flotte di caccia europee entro il 2035, quando a quella data equipaggerà più di tre quarti delle forze aeree del vecchio continente .

Questo appetito delle forze aeree europee per i caccia americani, mentre tre produttori di aerei producono caccia di qualità sul loro territorio, non può essere soddisfatto con le sole spiegazioni articolate attorno ai soliti sospetti, vale a dire la dipendenza dalla protezione e dalle tecnologie americane.

In questo contesto, come spiegare il successo dei caccia americani in Europa, anche con le forze aeree dei paesi che partecipano alla costruzione dei caccia europei? È possibile agire per contenere o limitare questo fenomeno nei decenni a venire?

La Romania ordinerà 48 F-35A alla Lockheed-Martin

Dopo Paesi Bassi, Italia, Polonia e altri 8 paesi europei, La Romania si rivolgerà al caccia Lockheed-Martin F-35 modernizzare la propria aeronautica. Secondo un documento diffuso ieri da siti specializzati rumeni, Bucarest prevede di acquisire 48 aerei in due fasi.

Il primo, che inizierà entro la fine dell'anno, coinvolgerebbe 32 aerei, ovvero due squadroni di caccia, per un budget di 6,5 miliardi di dollari, e comprenderà anche tutti i sistemi necessari per l'implementazione di questo nuovo cacciatore.

F-16 Romania
Gli F-35 che saranno ordinati dalla Romania sostituiranno gli F-16 di seconda mano recentemente acquisiti da Bucarest come soluzione provvisoria.

Successivamente verrà lanciata una seconda fase che comprenderà 16 F-35A aggiuntivi, ovvero un terzo squadrone, e sarà considerata molto meno costosa. Ciò comporterà probabilmente la sostituzione degli F-3C/D acquistati di seconda mano e la cui durata operativa rimane limitata.

Si tratta di un altro grande successo per Lockheed-Martin e i suoi F-35 in Europa, mentre anche altre forze aeree (Spagna, Repubblica Ceca e Grecia) dovrebbero annunciare un ordine per il caccia americano.

La sovrarappresentazione degli aerei da combattimento americani in Europa nel 2035

Il fatto è che, secondo le informazioni finora conosciute, da 12 a 14 delle 20 forze aeree europee che dispongono di una flotta di caccia dovrebbero essere parzialmente o completamente equipaggiate con F-35 A e B nel 2035.

Questo range va da 15 a 17 se si prende in considerazione l'F-16, sempre della Lockheed-Martin. In totale, il 75% e l’85% delle forze aeree europee utilizzeranno caccia progettati e prodotti dalla Lockheed-Martin nel 2035.

Più del 50% dei caccia Lockheed-Martin in Europa

Analizzando il numero di aerei, ci saranno da 500 a 730 F-35A e B e da 192 a 210 F-16, principalmente Block 70/72 o successivi, su un totale di 1680-1990 caccia in servizio nell'aria europea. forze nel 2035.

Dassault Rafale B Grecia
La Grecia è stato il primo paese europeo ad acquisire il caccia francese Rafale

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Germania | Alleanze militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

5 Commenti

  1. Non avevo visto questo articolo lo scorso novembre e quindi l'ho scoperto oggi.
    Analisi interessante, fuori dagli schemi, che mette in discussione la politica nucleare francese che in realtà manca di coerenza.
    Detto questo, nel campo delle commesse militari (come altrove) il costo, almeno di acquisizione, mi sembra un altro fattore decisivo. L'entità delle commesse interne negli USA permette di offrire per l'esportazione aerei il cui costo è meglio ammortizzato rispetto alla comparabile produzione europea (in termini di qualità e non di quantità quindi), quindi meno costosi.
    Detto questo, se questa logica economica sembra esistere per altri equipaggiamenti militari (aerei da trasporto, sistemi di difesa aria-terra (missili Patriot), missili aria-aria), apparentemente non è così per altri: artiglieria, veicoli da combattimento compresi i carri armati , barche e sottomarini in particolare.
    Per le artiglierie e i veicoli da combattimento possiamo pensare che essendo meno complessi da progettare, costruirli sia alla portata di più Paesi, e che il fenomeno delle dimensioni di serie incida meno sul prezzo offerto.
    Invece, per quanto riguarda le barche e i sottomarini, ammetto di non capire, perché mi sembra che il debole posizionamento degli USA nelle esportazioni risalga a prima dei recenti problemi di costruzione e di consegna molto ben documentati su questo sito.
    Eventuali risposte?

    Cordiali saluti a tutti

    • Per i sottomarini ciò è legato al fatto che dagli anni ’60 la Marina americana ha costruito solo sottomarini a propulsione nucleare. Nel settore delle unità di superficie, invece, la fregata precedente, la OH Perry, si era comportata molto bene. Fu dal momento in cui la Marina americana venne coinvolta nel programma LCS e con i cacciatorpediniere super pesanti che le esportazioni crollarono.

  2. Grazie per queste risposte interessanti.
    Va notato, tuttavia, che la Francia ha fatto la stessa scelta di ricorrere all’energia completamente nucleare (in termini di propulsione) all’inizio degli anni ’80, sostituendo gradualmente i suoi sottomarini d’attacco “diesel” di tipo Agosta con SSN di tipo Rubis (ora sostituito da SSN di tipo Suffren).
    Tuttavia, Naval Group offre ancora e con successo (complimenti a loro) sottomarini d'attacco convenzionali, Scorpène e Barracuda (quest'ultimo è un Suffren a propulsione convenzionale, in breve).
    Ciò dimostra che possiamo diventare completamente nucleari e continuare ad esportare sottomarini a propulsione convenzionale. Quindi ci devono essere altri elementi di spiegazione da parte americana…

    • La Francia è sola in questa situazione, perché il BITD francese ha bisogno delle esportazioni per bilanciare la sua attività industriale complessiva. Gran Bretagna e Stati Uniti hanno abbandonato la vendita di sottomarini, la prima negli anni '90, la seconda negli anni '70, la Cina e la Russia utilizzano sottomarini nucleari e convenzionali nelle rispettive flotte ed esportano i loro modelli convenzionali.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE