La produzione di sottomarini nucleari per la Marina americana aumenterà del 150% entro il 2028

Mentre la produzione di sottomarini nucleari americani oggi raggiunge solo 1,3 nuovi sottomarini nucleari d'attacco di classe Virginia ogni anno, dovrà produrre 2028 SSN di classe Virginia entro il 2. Virginia e un SSBN di classe Columbia all'anno, e addirittura 2,3 Virginia dal 2030, fino a assorbire le consegne in Australia.

L’industria navale militare americana dovrà, nei prossimi 5 anni, moltiplicare per 2,5 la produzione di sottomarini nucleari, il che genererà una trasformazione radicale come quella avvenuta dopo l’attacco a Pearl Harbor, questa volta lanciando la sfida cinese.

A lungo vittima di un pregiudizio tecnologo legato alla percezione di un calo delle tensioni navali nel mondo, la Marina statunitense è ora impegnata in uno sforzo molto importante per modernizzare la propria flotta, per affrontare la sfida posta dalla Marina cinese e dall’industria navale del Medio Regno.

Infatti, se la Marina americana rimane oggi la forza navale più imponente in termini di tonnellaggio e potenza delle sue navi, la Marina di Pechino cresce e si modernizza, sia in numero che in tonnellaggio e capacità operative, molto più rapidamente di quella americana. La Marina non riesce a modernizzarsi.

MareWolf, Zumwalt, LCS: questi programmi che hanno fatto naufragare per 25 anni la modernizzazione della Marina americana

Va detto che tra i fallimenti dei programmi SSN Sea Wolf, DDG Zumwalt e LCS Independence and Freedom, ha subito notevoli perdite di potenziale con, ad esempio, il ritiro delle fregate antisommergibili di classe OH Perry non compensate dalle scarse prestazioni della LCS e perdite di volume.

D'altra parte, questi programmi si sono rivelati immensi assorbitori senza fondi di bilancio, essendo costati ciascuno più di 20 miliardi di dollari, l'equivalente di 5 sottomarini di classe Virginia, 7 cacciatorpediniere Arleigh Burke, 15 fregate di classe Constellation e persino quasi due di classe Ford portaerei, mentre produssero solo tre sottomarini, tre cacciatorpediniere e una trentina di LCS quasi inutili.

Oggi, infatti, la Marina statunitense deve assorbire le conseguenze di questi fallimenti, rinnovare e aumentare la propria flotta, per tenere testa alla Marina cinese che accoglie una decina di cacciatorpediniere e fregate ogni anno, oltre a solo uno o due grandi navi anfibie o navali e due o tre nuovi sottomarini, è vero che sono ancora prevalentemente a propulsione convenzionale.

Se negli ultimi anni il Pentagono ha ottenuto dall’esecutivo e dal Congresso i fondi necessari per questo sforzo che probabilmente non avrà nulla da invidiare a quello intrapreso negli anni ’80 con il piano Lehman, dal nome Il segretario della Marina di Ronald Reagan, John Lehman che, nel 1982, lanciò un'iniziativa per portare la Marina americana a 600 navi per rispondere alla modernizzazione della flotta sovietica avviata dall'ammiraglio Gorshkov negli anni '70.

La produzione di sottomarini nucleari per la Marina americana deve aumentare del 150% in 5 anni

Per far fronte a questa sfida, il Pentagono intende aumentare considerevolmente la produzione industriale navale militare americana, passando dalla consegna di un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke e di 2 LCS all'anno, a quella di più di due cacciatorpediniere Burke e di una fregata di classe Constellation, navi che sono molto più efficienti e meglio armati della LCS, la cui produzione cesserà presto.

Lo sforzo più importante si concentrerà sulla produzione di sottomarini nucleari americani. Infatti, oggi, la Marina americana ne riceve, in media, 1,3 nuovo sottomarino d'attacco nucleare classe SSN Virginia ogni anno, la produzione non è nemmeno sufficiente a sostituire il ritiro degli SSN di classe Los Angeles ancora in servizio.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Costruzioni navali militari | Notizie sulla difesa | Contratti di difesa e bandi di gara

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli