Nuova Delhi vuole aumentare le dimensioni della Marina indiana del 30% entro il 2030 per affrontare la Cina

Negli ultimi vent'anni, la Marina indiana ha intrapreso un vasto sforzo per modernizzare ed espandere il proprio formato. In questo periodo furono così lanciati numerosi programmi emblematici, come il P75 per 6 sottomarini convenzionali della classe Kalvari derivati ​​dallo Scorpène del Naval Group, la portaerei INS Vikrant da 45.000 tonnellate o i cacciatorpediniere Progetto 15A della classe Kolkata.

Sebbene gli sforzi e i budget siano indubbiamente aumentati, la Marina indiana soffre tuttavia di due handicap significativi. Il primo è legato alla difficoltà del Paese nel portare avanti rapidamente grandi programmi, mobilitando fondi significativi.

Ostacoli che ostacolano il progresso della Marina indiana

Numerosi ostacoli, siano essi politici o industriali, spesso ritardano o addirittura fanno deragliare programmi di difesa critici. È così che il programma P-75i, che dovrebbe consentire la costruzione di sei nuovi sottomarini a propulsione anaerobica, non ha ancora selezionato il suo principale fornitore di servizi, mentreè stato lanciato quattro anni fa.

Il secondo degli handicap non è altro che la crescita abbagliante, e per una volta controllata, della flotta cinese, molto più rapida di quanto essa stessa possa progredire. Ciò crea un evidente effetto lente di ingrandimento sulle proprie difficoltà e tende ad aumentare le tensioni politiche che circondano queste questioni di sicurezza.

INS Kalvari inviato al molo per essere messo a galla al Naval Dockyard Mumbai e1634215958315 Costruzioni navali militari | Archivio | Contratti di difesa e bandi di gara
Varo dell'INS Kalvari, il primo sottomarino dell'omonima classe costruito dai cantieri Mazagon in collaborazione con Naval Group.

Infatti, anche se spesso presentata come allineata con la Cina all'interno dei BRICS, Nuova Delhi è soprattutto direttamente minacciata dall'ascesa al potere dell'Esercito popolare di liberazione, sia sugli altopiani himalayani, luoghi di ricorrenti tensioni tra i due paesi, sia circa L'intenso sostegno militare di Pechino a Islamabad, nemica giurata dell'India fin dalla sua creazione.

La sfida delle marinerie cinese e pakistana

La Marina indiana si vede direttamente minacciata da una Marina cinese il cui formato si sta evolvendo con la stessa rapidità della sua modernizzazione e che consente attivamente anche all’alleato pakistano di beneficiare dei suoi stessi progressi.

Così, negli ultimi anni, la Marina pakistana ha ordinato, oltre alle quattro corvette della classe Barbur derivate dalla turca Ada, otto sottomarini AIP Type 039A che compongono la classe Hangor, nonché quattro fregate antisommergibili Type 054 AP che costituiscono la Lezione di Tughril.

In effetti, le navi da combattimento che attualmente compongono la Marina indiana non sono sufficienti per affrontare le sfide alla sicurezza nel Golfo del Bengala di fronte alla Cina e nel Mar Arabico di fronte al Pakistan.

La portaerei Liaoning e la sua scorta
La Marina cinese si è evoluta in due decenni da flotta di difesa costiera a diretta rivale della Marina americana negli oceani del pianeta.

Ecco come si presenta l'attuale formato di 127 navi, dovrà essere portato a 2030 navi entro il 160, con un incremento del 25% previsto per i prossimi sette anni, e di raggiungere le 175 unità navali, o addirittura 200, nel 2035.

Ad oggi sono ordinate 68 navi militari

Per raggiungere questo obiettivo, i cantieri indiani possono ora contare su un portafoglio ordini particolarmente nutrito, con 68 unità navali ufficialmente in ordine ad oggi.

Va da Cacciatorpediniere classe Visakhapatnam da 7.400 tonnellate (2 unità consegnate, 2 in costruzione) alle corvette antisommergibili dell'Anti-Submarine Warfare Shallow Water Craft (ASW-SWC) da 700 tonnellate (16 unità), attraverso le 7 fregate stealth da 6.500 tonnellate della classe Nilgiri, e le 5 grandi navi appoggio da 44.000 tonnellate attualmente designate con il nome della classe HSL.

Tuttavia, la maggior parte di queste navi sostituirà solo unità già in servizio e che hanno raggiunto i loro limiti, come i cacciatorpediniere classe Raiput o le corvette missilistiche classe 7 Veer, entrate in servizio negli anni '80.

cacciatorpediniere INS Visakhapatnam
Costruzione del primo cacciatorpediniere classe Visakhapatnam: 2 navi sono già state consegnate, altre due saranno consegnate nei prossimi anni.

È quindi essenziale oggi che la Marina indiana lanci rapidamente alcuni programmi critici, come il programma sottomarino AIP P75i, ma anche i programmi di cacciatorpediniere, fregata, corvetta e OPV che devono prendere il posto delle attuali classi ordinate.

Sottomarini aggiuntivi di classe Kalvari e portaerei di classe Vikrant

Questo divario tra necessità operativa e realtà programmatica è quindi al centro di il futuro ordinerà 3 sottomarini Scorpene aggiuntivi annunciato da Narendra Modi in occasione della sua visita ufficiale in Francia per le celebrazioni del 14 luglio.

È questa pressione che, in parte, pesa oggi sul futuro della nuova portaerei indiana, che l'Ammiragliato preferisce costruire una nuova nave di classe INS Vikrant da 45.000 tonnellate, piuttosto che una nuova, quindi lunga e costosa, portaerei da 65.000 tonnellate dotata di catapulte, come accennato in precedenza.

Questo è anche il motivo che spinge la Marina indiana a privilegiare, tra tutti i programmi futuri, la costruzione diuna flotta di sottomarini d'attacco nucleare, settore in cui sembra sia stato richiesto l'aiuto della Francia, questo avendo pesato nell'ordine dei 3 Scorpene aggiuntivi venire

Marina indiana INS Vikrant
La Marina indiana preferisce la costruzione di una seconda portaerei di classe Vikrant da 45.000 tonnellate rispetto a quella di una nuova portaerei da 65.000 tonnellate dotata di catapulte.

In ogni caso, se la Marina indiana vuole davvero raccogliere la sfida cinese, e la sua flotta conta oggi più di 360 navi, più di 500 nel 2035, dovrà trovare i mezzi per superare tutte le difficoltà, soprattutto quelle politiche. industriale, che ne ostacolano notevolmente lo sviluppo.

Va notato, a questo proposito, che le stesse difficoltà colpiscono anche le forze aeree e terrestri indiane, con tutti gli eserciti impegnati in una corsa contro il tempo per tenere il passo con Pechino e Islamabad che, dal canto loro, avanzano a marcia forzata.

Articolo dal 18 settembre in versione integrale fino al 18 novembre

Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli