Dassault Aviation e il team Rafale con piena fiducia nelle esportazioni

Con un'offerta ben accolta da Ryad e discussioni avviate con Tashkent, Dassault Aviation e il team Rafale hanno tutte le ragioni per essere soddisfatti dell’attuale dinamica attorno al combattente francese. Ciò che sorprende, però, è constatare che la casa aeronautica francese si mostri ora fiduciosa anche nelle indiscrezioni rivolte ai giornalisti specializzati, segno di una fiducia ritrovata dopo i terribili primi anni di Rafale.

Va detto che Dassault ha oggettive ragioni per essere fiduciosa, con un portafoglio ordini già più che soddisfacente, e prospettive positive per nuovi ordini negli anni a venire. Questa è l'occasione per fornire un aggiornamento dettagliato sulle varie negoziazioni e discussioni in corso riguardanti potenziali ordini futuri per Rafale nel mondo.

Solo dieci anni fa, dopo i clamorosi fallimenti in Marocco e Brasile, e con l’inevitabile cancellazione del contratto indiano MRCA, non c’era quasi nessuno che si dichiarasse ottimista riguardo al futuro commerciale dei cacciatori francesi Rafale. Anche la Dassault Aviation, che non ha mai vacillato nella sua fiducia nell'aereo, sembrava aver perso fiducia.

Il difficile periodo del dubbio per Dassault Aviation e il Team Rafale di 2005 a 2015

Le conseguenze di questo periodo difficile continuano a farsi sentire ancora oggi. Già riluttante a parlare apertamente delle trattative in corso, il produttore di aerei francese è diventato quasi opaco sull'argomento, permettendosi di commentare i contratti solo una volta firmati.

Catena aeronautica Dassault rafale Merignac
La mancanza di ordini di esportazione aveva portato Dassault Aviation a installare la propria catena di montaggio Rafale de Mérignac in modalità “sopravvivenza”, con 11 velivoli prodotti all'anno, per le forze aeree e navali francesi.

Infatti, quando la stessa Dassault Aviation ha dichiarato, davanti al giornalista Michel Cabirol, di considerare ormai promettenti i negoziati con l'Arabia Saudita, e di voler compiere sforzi significativi per posizionarsi in Kazakistan e Uzbekistan, si tratta evidentemente di un profondo cambiamento di atteggiamento da parte sua e segno innegabile di un ritorno di fiducia all'interno della squadra Rafale.

Va detto che il produttore di aeromobili ha motivo di essere fiducioso e ottimista. In effetti, con oltre 310 aerei ordinati da 7 paesi, le prospettive non sono mai state così promettenti per l'esportazione di aerei da combattimento, almeno da quando il Mirage F1 e i suoi circa 470 aerei sono stati esportati in nove forze aeree in tutto il mondo.

Per comprendere questa fiducia è utile riassumere tutte le trattative in corso riguardanti il ​​caccia francese che, dopo aver superato il numero di Mirage 2000 esportati, ora ha tutte le possibilità di battere il Mirage F1 in questo settore, e di flirtare con il successo dei Mirage III e V che hanno fatto dell'industria aeronautica militare francese, e della Dassault Aviation, pilastri fondamentali del mercato mondiale degli aerei da combattimento.

Indonesia, India: negoziati da portare a termine rapidamente

Come sottolinea Michel Cabirol sull'argomento, Dassault rimane pragmatico. Pertanto, le sue priorità attuali riguardano il completamento di due ordini che devono essere firmati rapidamente: gli ultimi 18 Rafale Indonesiani, così come i 26 Rafale M per Marina indiana.

Rafale Signor Charles de Gaulle
Le Rafale La M fu preferita all'F/A-18 E/F Super Hornet dalla Marina indiana per armare la sua nuova portaerei, la INS Vikrant.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Arabia Saudita

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

4 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli