La politica di difesa di D. Trump è così folle come viene percepita?

D La politica di difesa di Trump suscita ogni giorno più preoccupazione, poiché la prospettiva di una potenziale vittoria dell'ex presidente alle prossime elezioni generali americane diventa più chiara. Tuttavia, per quanto brutale e radicale possa essere, questa politica di difesa, come annunciata, non è priva di argomenti né di buon senso, e potrebbe addirittura diventare un’ancora di salvezza per l’intera difesa dei paesi occidentali, compresa l’Europa.

Nelle ultime settimane, lo slancio di Donald Trump e dei suoi sostenitori, sia per vincere alle primarie repubblicane che per vincere contro Joe Biden nelle elezioni del 2024, sembra accelerare, con un vantaggio crescente dato al turbolento ex uomo d'affari di Mar-a -Lago, affrontando tutti i suoi concorrenti.

La vittoria di Donald Trump alle prossime elezioni americane, sempre più probabile

Il tema naturalmente suscita preoccupazione in Europa, senza tuttavia suscitare, fino ad oggi, vere e proprie reazioni. In effetti, Trump e il suo intero clan, che sembra farsi carico di tutte le attività del Grand Old Party, il Partito repubblicano americano, stanno portando con sé uno dei cambiamenti di atteggiamento più gravi dalla fine degli anni.30 , in particolare nel campo della politica internazionale, della difesa e soprattutto del controllo dei deficit pubblici.

Difesa politica di D Trump
Donald Trump sembra aver imparato alcune lezioni dal suo primo mandato in termini di come affrontare i negoziati con il Pentagono e le principali società di difesa statunitensi

Donald Trump e i suoi sostenitori di America First, che si identificano come Fiscal Hawks, intendono infatti perseguire una politica di rottura radicale in questi tre ambiti, sia con la politica degli Stati Uniti di questi ultimi decenni, ma anche con quella di il Partito Repubblicano, impegnato fin dalla fine degli anni ’70 nella dottrina dello “Spendire di più per essere più forti”, ideata da Ronald Reagan.

Le conseguenze di questa rottura ideologica radicale cominciano a farsi sentire fuori dagli Stati Uniti, anche in Europa, mentre i repubblicani del clan Trump bloccano oggi l’accordo sul bilancio della difesa, e con esso gli aiuti promessi dagli Stati Uniti all’Ucraina e a Israele .

Da diverse settimane, infatti, i media europei sembrano aver scoperto quanto l’aiuto militare americano sia predominante e indispensabile per Kiev, e quanto la sua assenza, o il suo semplice ritardo, possa rappresentare una minaccia mortale per l’Ucraina così come per l’Ucraina. equilibri geopolitici del vecchio continente.

D La politica di difesa di Trump, una rottura radicale con la dottrina Reagan

Tuttavia, questa posizione del GOP e di Donald Trump, spesso analizzata esclusivamente sulle dichiarazioni, a volte azzardate, dell’ex presidente e della sua squadra, si basa su un’analisi molto più razionale di quanto sembri e, per molti aspetti, giustificata, a patto che ci sforziamo di cambiare prospettiva.

Ricordiamo che, in termini generali, la strategia di “Difesa” portata avanti da Trump e dai falchi fiscali si basa su diverse azioni brillanti, tra cui quella di mettere gli Stati Uniti in riserva dalla NATO se gli alleati europei non arrivano ad aumentare le proprie investimenti per la difesa, la cessazione degli aiuti americani all’Ucraina, la concentrazione delle risorse americane nel Pacifico contro la Cina e la possibile riduzione della spesa americana per la difesa che potrebbe passare dal 30 al 50%.

Portaerei classe Nimitz della Marina statunitense
La domanda posta da Donald Trump è se gli Stati Uniti oggi abbiano i mezzi, e la necessità, per affermarsi come protettori assoluti del campo occidentale, con il rischio molto reale di indebolire alcuni dei loro alleati in questo ambito.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Budget e sforzi di difesa delle forze armate | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli