Di quali opzioni dispone la Marina francese per rafforzare la protezione delle sue navi?

- Pubblicità -

Possiamo pensarlo l'episodio della fregata Languedoc, e l'agitazione mediatica che già suscita, riuscirà a convincere lo Stato Maggiore della Marina Nazionale e il Ministero delle Forze Armate di rivedere le proprie copie in questo ambito. Diciamo la verità, ciò sarà possibile solo se in un modo o nell'altro verranno stanziati fondi aggiuntivi destinati a questo tipo di necessità.

Tuttavia, oggi l’industria della difesa francese è in grado di offrire diverse opzioni, tutte con i propri vantaggi, per rafforzare la sopravvivenza delle fregate della Marina francese e, più in generale, delle sue grandi unità di superficie.

Seconda parte dell'articolo dedicata all'episodio dell'attacco alla fregata Languedoc. Leggi la prima parte » Quali domande solleva l’attacco alla fregata Languedoc? « 

- Pubblicità -

Aumentare il numero dei silos VLS – postazioni riservate

La prima e più ovvia soluzione sarebbe quella di aumentare il numero di silos a bordo delle fregate. In effetti, i 32 silos delle classi Aquitaine e Alsace, ed i 16 silos della classe Amiral Ronarc'h, sono lungi dal rappresentare un limite massimo per queste navi. La prova è che le fregate FDI acquistate dalla Grecia trasporteranno 32 silos, e non 16 come le navi francesi, oltre a un CIWS Sea RAM sul tetto posteriore.

IDE Grecia
Le forze israeliane acquisite dalla Grecia sono armate con quattro sistemi Sylver 50 e un CIWS RAM sul tetto posteriore, che consentono loro di trasportare 32 missili ASTER 30, come le fregate antiaeree francesi di classe Alsace, nonché 21 missili RAM. protezione.

Aumentare il numero dei silos può rivelarsi una soluzione efficace, soprattutto quando sono state previste postazioni riservate a questo proposito, come sulle classi Forbin (2 Sylver 50 per 16 missili Aster), o sulle classi Amiral Ronarc'h (due Argento 50 o 70 per Missili Aster 15/30 o MdCN).

La dottrina francese era che queste posizioni riservate avrebbero potuto essere utilizzate per aumentare la potenza di fuoco delle navi, se si fossero avvertiti gli inizi di una crisi. Tuttavia, nonostante l’incombere di un gran numero di crisi potenzialmente gravi, non è stata presa alcuna decisione in questo ambito durante la votazione LPM 2024-2030 di alcuni mesi fa.

- Pubblicità -

Aumentare il numero dei VLS a bordo delle FREMM Aquitaine e Alsace sarà invece un esercizio più difficile, quindi lungo, costoso e invadente. La nave, infatti, non dispone di spazio riservato a questo scopo, il che richiede, prima di aggiungere VLS, lo spostamento dei sistemi esistenti. Una tale riprogettazione è complessa, soprattutto perché potrebbe alterare il centramento della nave, e quindi le sue qualità nautiche e/o la discrezione acustica, essenziali per la guerra antisommergibile.

Naval Group e MBDA avevano però studiato congiuntamente, qualche anno fa, una soluzione più leggera, basata su l'aggiunta di celle di lancio VL MICA sul lato dell'hangar dell'aereo. Meno restrittive del VLS, le celle di lancio verticali non consentono la ricarica modulare. D'altra parte, questa soluzione ha permesso di aggiungere, a un costo inferiore, 24 VL MICA all'arsenale della nave.

Adatta dinamicamente le armi di bordo alla missione

Una seconda soluzione, più leggera, per aumentare le capacità di risposta di una fregata alla sua missione, sarebbe quella dotare i suoi sistemi Sylver VLS di cablaggi e sistemi di controllo, consentendo di ospitare diversi tipi di missili. Questo approccio riguarda oggi solo le fregate della classe Aquitaine, come la Languedoc.

- Pubblicità -
Caricamento del MdCN della Marina Nazionale sulla fregata classe Aquitaine
I silos del sistema SYLVER 70 possono attualmente ospitare solo missili da crociera MdCN. La Marina francese ha annunciato, nel 2021, che inizierà lo spiegamento di sistemi di controllo condiviso, consentendo loro potenzialmente di ospitare missili terra-aria Aster 30.

LOGO meta difesa 70 CIWS e SHORAD | Analisi della difesa | Conflitto Israele-Hamas

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.


Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

3 Commenti

  1. Queste fregate sono dotate di elicottero e/o droni armati? Se sì, le loro missioni potrebbero riguardare la difesa ravvicinata contro queste minacce?

  2. “La dottrina francese voleva che questi luoghi riservati potessero essere utilizzati per aumentare la potenza di fuoco delle navi, se si fossero avvertiti i primi sintomi di una crisi. »
    L'attrezzatura deve ancora essere disponibile sugli scaffali e la sua implementazione non richiede centinaia di ore di studi preliminari e, in definitiva, centinaia di ore di test!
    L'armamento dei nostri edifici è superfluo! L'unico modello veramente pesantemente armato che ho conosciuto, in termini di stazza e dimensioni, è l'Aviso A69: 4 MM40 (all'inizio 4 MM38), 100 mmx1, 20 mmx2, 4 siluri L5, LR/ASM 375 mm , SIMBAD, NIXIE, … tutto per 100 m/1250 t! Beh, è ​​vero, le missioni nel Golfo di Biscaglia durante i mesi invernali erano dure, ma negli anni ’80…. ci siamo posti meno domande.
    La domanda è semplice: possiamo (tecnicamente)? Si No. Se sì, lo vogliamo? : Ecco tutta la domanda. Se così è, si tratta solo di scelte di bilancio che non devono limitarsi all'ambito del bilancio degli eserciti ma della nazione. In una parola, abbiamo la volontà di difenderci? Naturalmente c'è l'FNS, ma da quando è presidente della VGE, che ha ammesso nelle sue memorie che non avrebbe mai dato l'ordine di un incendio nucleare, ho qualche dubbio sulle reazioni dei suoi successori.

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli