In che modo la sopravvivenza dei mezzi corazzati israeliani a Gaza può migliorare l’efficacia degli aiuti militari all’Ucraina?

- Pubblicità -

Mentre le perdite di mezzi corazzati di prima linea sono considerevoli in Ucraina, sia all’interno degli eserciti russo che ucraino, l’intervento israeliano a Gaza ha registrato solo perdite marginali in quest’area, anche se la Merkava e i Namer dell’IDF operano negli ambienti più difficili, nelle aree urbane.

L’analisi delle ragioni di questa sopravvivenza dei veicoli corazzati israeliani, rispetto ai loro omologhi ucraini e russi, può fornire indizi sul modo in cui gli aiuti occidentali possono essere indirizzati per contenere l’evoluzione degli equilibri di potere in questo conflitto, anche per superare lo stallo difensivo osservato nell’ultimo anno e mezzo.

Alla fine degli anni 2000 erano rimasti solo pochi specialisti e soldati che continuavano a credere nell’efficacia dei carri armati. I progressi compiuti nel campo delle armi anticarro e le difficoltà dei veicoli corazzati pesanti ad operare nei combattimenti urbani, evidenziati a Grozny ma anche nei territori palestinesi e perfino in Iraq, avevano evidentemente convinto, fino a quando gli stati maggiori, della divenuta obsoleta di quest'arma. , che era stata la misura standard della Guerra Fredda.

- Pubblicità -

Il ritorno in prima linea dei carri armati e dei veicoli corazzati pesanti

Infatti, in applicazione degli accordi russo-americani del dopo Guerra Fredda, e soprattutto per la fiducia incrollabile dei detentori del potere nella fine delle grandi minacce simmetriche, le flotte di carri armati e di veicoli corazzati cingolati pesanti in prima linea si sciolsero come la neve, al sole dal 1995 al 2020. Il carro armato era considerato troppo pesante, troppo costoso e inadatto ai conflitti asimmetrici che gli eserciti dovevano affrontare.

Leclerc VAB VBCI Esercito
Come la maggior parte degli eserciti europei, l'esercito francese ha visto la sua flotta di carri armati e veicoli corazzati cingolati pesanti ridursi significativamente dal 1990, per schierare, oggi, solo 200 Leclerc come unici veicoli corazzati cingolati.

Questa percezione errata è cambiata radicalmente negli ultimi due anni. In effetti, i carri armati e i veicoli blindati in prima linea hanno svolto, e svolgono tuttora, un ruolo centrale nel conflitto russo-ucraino, ma anche, più recentemente, nel conflitto tra l’esercito israeliano e Hamas nella Striscia di Gaza.

Se questi due conflitti hanno riportato la forza corazzata al centro delle preoccupazioni dei pianificatori militari, basta osservare l'attività commerciale e industriale in materia dal 2022 per convincersene, questi due teatri presentano tuttavia quadri molto diversi in termini di la loro efficacia in combattimento e, soprattutto riguardo alla loro vulnerabilità.

- Pubblicità -

Come possiamo spiegare queste divergenze radicali e in che misura possono fornire le lezioni necessarie per migliorare l’efficacia degli aiuti occidentali all’Ucraina, di fronte all’ascesa dell’industria della difesa russa?

Ucraina e Gaza, teatri molto diversi per i veicoli blindati in prima linea

I carri armati da combattimento, così come i veicoli corazzati di prima linea come i veicoli da combattimento della fanteria, i veicoli corazzati da trasporto truppe o i veicoli corazzati da combattimento e da ricognizione, svolgono un ruolo centrale negli eserciti russo e ucraino, come nell'intervento israeliano a Gaza. Tuttavia, se questi due teatri hanno solo pochi punti in comune, presentano anche importanti differenze.

Nome Gaza IDF
La maggior parte dei combattimenti condotti dall'IDF a Gaza dall'inizio dell'offensiva si sono svolti nelle aree urbane, considerate le più difficili per i carri armati pesanti e i carri armati.

Pertanto, se in Ucraina i combattimenti intensi hanno avuto luogo in aree urbane, come Bakmut e Avdiivka, un gran numero di essi ha avuto luogo in spazi aperti, lungo la linea di combattimento, in condizioni molto diverse, quasi esclusivamente urbane, che le unità israeliane devono affrontare. a Gaza.

- Pubblicità -

Soprattutto, la natura stessa del conflitto e i belligeranti differiscono tra i due conflitti. Pertanto, in Palestina, il conflitto è di natura asimmetrica, contrapponendo un esercito israeliano convenzionale a un avversario composto principalmente da forze mobili leggere, ma dotato solo di mezzi pesanti deboli, senza artiglieria o aviazione, ma con significativi mezzi anticarro, razzi RPG, missili anticarro e droni leggeri.

Il conflitto in Ucraina, da parte sua, contrappone due avversari, ciascuno dei quali mette in campo l’intera gamma di combattimenti ad alta intensità, compresi significativi mezzi di artiglieria, droni, munizioni nascoste e un gran numero di mine. Entrambi, come gli altri, contribuirono in gran parte alle pesanti perdite di carri armati e armature pesanti su entrambi i lati.

La sopravvivenza dei mezzi corazzati israeliani a Gaza è molto più elevata di quella dei mezzi corazzati in Ucraina

In effetti, non è possibile confrontare rigorosamente le perdite di veicoli blindati durante questi due conflitti, soprattutto perché si basano su condizioni di impiego delle forze armate, anch'esse diverse. Tuttavia, l’insieme dei fattori di differenziazione da soli non sono sufficienti a spiegare l’immenso contrasto osservato nelle perdite documentate di mezzi corazzati in prima linea in Ucraina e Gaza.

Leopard 2A6 e M2 Bradley distrutti nel maggio 2023
Le offensive corazzate in spazio aperto, siano esse russe o, come qui, ucraine, hanno raramente avuto successo e hanno sempre subito perdite molto pesanti.

LOGO meta difesa 70 Protezione Hard-Kill / Soft-Kill | Analisi della difesa | Carri armati MBT

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.


Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

1 COMMENTO

  1. Articolo affascinante, il dibattito sull'importanza del carro armato è quello che è, queste informazioni forniscono un aggiornamento serio e molto attuale su questa questione. I due conflitti attuali probabilmente rimescoleranno le carte in termini di scelte di bilancio (dall'arrivo dei droni all'importanza di mantenere una flotta di grande tonnellaggio (distruzione della Moskva e impossibilità per la flotta russa di fare ciò che vuole nel Mar Nero). passando proprio attraverso l’investimento o il proseguimento degli investimenti nel possesso di unità corazzate in numero, visti i terribili danni provocati in Ucraina.Qualche mese fa mi dicevo che la potenza dei missili anticarro (e quindi della rapporto costi di distruzione) metteva in discussione il primato del carro armato ma come spesso, e questo articolo lo illustra bene, tutto si svolge molto velocemente e nulla è scolpito nella pietra. Insomma il dibattito che era già sorto in occasione della guerra dello Yom Kippur dove il i carri armati avevano subito pesanti perdite (e questa era una novità per l'epoca) è quindi ancora altrettanto rilevante.

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli