La Svezia attiva il servizio civile obbligatorio per alcuni corsi di formazione

A sette anni dal ritorno alla leva obbligatoria, le autorità svedesi hanno appena annunciato l'attivazione del servizio civile obbligatorio per i giovani con competenze professionali nel campo del primo soccorso, ovvero della produzione e del trasporto di energia elettrica. In applicazione della dottrina della Difesa Totale lanciata nel 2017, questa decisione, probabilmente ispirata al conflitto in Ucraina, mira ad aumentare la resilienza del Paese a una possibile aggressione.

Come la Finlandia, la Svezia è stata, durante tutta la Guerra Fredda, fermamente attaccata alla propria neutralità e ad assicurare, se necessario, la difesa del proprio territorio, mentre l'85% dei giovani svedesi svolgeva allora un servizio militare obbligatorio. servizio di 11 mesi, conferendo alle forze armate svedesi un significativo potenziale operativo e difensivo.

Sospeso nel 2010, Il servizio militare obbligatorio è stato ripristinato nel 2017 da Stoccolma, in gran parte per superare le difficoltà incontrate dagli eserciti svedesi nel reclutamento. Pertanto, nel 2023, 4 giovani svedesi hanno completato il servizio militare obbligatorio, pari al 000% delle forze armate del paese.

Coscrizione militare svedese
Nel 4, 000 giovani svedesi hanno completato il servizio militare in Svezia. Saranno 2023 nel 5 e probabilmente 000 entro il 2024.

Di fronte all’evoluzione della minaccia, le autorità svedesi prevedono di aumentare il numero di coscritti a 6 nel 000 e a 2025 entro il 10, forse anche oltre se la situazione lo richiederà. A questo servizio militare si aggiunge ora il servizio civile, anch'esso obbligatorio, che riguarda i giovani svedesi con competenze nel campo della sanità o della produzione elettrica.

Sanità ed elettricità: i due percorsi formativi su cui punta il nuovo servizio civile obbligatorio in Svezia

Lo ha appena annunciato il ministro svedese della Protezione civile, Carl-Oskar Bohlin il servizio civile, finora basato esclusivamente sul volontariato, era diventato obbligatorio, dal 19 gennaio, per i giovani con comprovata formazione nel campo della sanità, in particolare del pronto soccorso, nonché con competenze nel campo della produzione e dei trasporti di energia elettrica.

Come per la leva, anche se il servizio civile è considerato obbligatorio, non riguarda però tutti i giovani dai 18 ai 30 anni che soddisfano i criteri stabiliti. Sono tenuti a rispondere solo coloro che vengono chiamati dai servizi interessati. Il numero dei giovani interessati dipenderà dai bisogni espressi dai servizi statali, ma anche da Regioni e Comuni.

Questa modalità di funzionamento consente alle istituzioni svedesi di contare su una base giuridica e costituzionale stabile, senza dover affrontare, a breve termine, un massiccio afflusso di reclute. Una fascia d'età rappresenta, infatti, nel Paese, circa 100 giovani ogni anno. Infatti, con 000 coscritti negli eserciti, il tasso di coscrizione è appena del 4%, e anche il tasso di servizio civile sarà, sicuramente, molto basso.

La progressività della coscrizione e del servizio civile svedese risponde quindi a numerosi imperativi e vincoli, sia operativi, politici e socio-economici, in particolare il graduale aumento di potere degli eserciti svedesi, che sono passati da 2 battaglioni di manovra, e 4 compagnie ausiliarie che possono essere mobilitati entro 90 giorni nel 2010, a 7 battaglioni di manovra e altrettanti battaglioni ausiliari che possono essere mobilitati entro 7 giorni nel 2019.

Attacco russo alla rete elettrica ucraina
Gli attacchi russi contro la rete elettrica ucraina hanno sicuramente influenzato il Ministero della Protezione Civile svedese nello sviluppo dei profili mirati all'attivazione del servizio civile obbligatorio.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità.

Meta-Defense festeggia il suo 5° anniversario!

LOGO meta difesa 114 Svezia | Notizie sulla difesa | Forze terrestri

- 20% sul tuo abbonamento Classic o Premium, con il codice Metanniv24, jusqu'au Solo il 21 maggio !

Offerta valida dal 10 al 21 maggio per la sottoscrizione online di un nuovo abbonamento Classic o Premium, annuale o settimanale sul sito di Meta-Defense.


Per ulteriori

3 Commenti

  1. Non so se viene da me, ma dopo il paragrafo che inizia con "Guardando bene, troviamo, ecco" ho il paywall che mi chiede di connettermi, anche se lo sto già facendo.

    A proposito della coscrizione, mi chiedo se in Francia non potremmo praticarla in un modo più adatto ai tempi, piuttosto che nel consueto intervallo di circa dieci mesi nell'esercito nel mezzo dell'educazione dei giovani. Perché non tradurre questa coscrizione in partecipazione obbligatoria alla riserva operativa dell’esercito, come già esiste?
    Potremmo immaginare che tutti i giovani francesi, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, debbano sottoporsi a un addestramento militare iniziale di 25 giorni per riservisti ogni volta che lo desiderano. Quindi, per i prossimi 10 anni (approssimativamente, forse meno), dovrebbero trascorrere 25 giorni all'anno nell'esercito, cosa che potrebbero fare nei fine settimana o durante le vacanze, a seconda del loro studio/lavoro. Avrebbero l'opportunità di salire di grado man mano che i loro studi progrediscono, e forse verrebbero anche pagati (per essere visti). In totale, avrebbero trascorso 11x25 giorni nell'esercito, 275 giorni in totale, ovvero 9 mesi. Poi, se vogliono, rinnovano il contratto, oppure tornano completamente alla vita civile.
    Ciò consentirebbe di disporre di un'ampia riserva costantemente aggiornata, che potrebbe essere addestrata ai nuovi equipaggiamenti che nel frattempo entreranno in servizio nell'esercito, senza che l'esercito debba gestire un numero troppo elevato di coscritti contemporaneamente e senza non interrompere più la carriera scolastica.
    Cosa ne pensi?

    • C'era un bug nella pagina, è stato risolto)
      Interessante la tua proposta. Tuttavia, il problema oggi è che in Francia una fascia d’età sarebbe di 700 giovani. Impossibile integrarli tutti e dare loro la formazione necessaria, senza sconvolgere profondamente l'organizzazione e l'efficienza degli eserciti e senza aumentare il bilancio del 000%. La domanda è se, anche a costo di aumentare così tanto il bilancio, il ricorso alla coscrizione generalizzata, tradizionale o legata alla Guardia Nazionale, sia la soluzione migliore? Se avessimo 50 anni davanti a noi, potrebbe farlo. Ma dubito che li abbiamo.
      L’interesse del modello svedese è proprio la sua dimensione progressista, pur rimanendo obbligatoria, ed esclusivamente orientata alla “difesa e al servizio pubblico”, senza che altre considerazioni interferiscano nel dibattito.

      • Hai ragione. E a dire il vero non avrei dovuto dire "TUTTI i giovani francesi", in realtà pensavo a qualcosa come fanno gli svedesi.
        Ciò potrebbe avvenire gradualmente e/o riguardare solo una parte dei giovani. Tiraremo a sorte per evitare che a scappare siano i più ricchi.
        Infine ho parlato dell'esercito, ma immaginiamo che questo possa essere esteso alla riserva delle forze dell'ordine, della sicurezza civile, dei vigili del fuoco

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli