Washington riconsidera la vendita degli F-35 alla Turchia

Il vicesegretario di Stato ad interim Victoria Nuland ha affermato che la vendita di F-35 alla Turchia è ancora una volta un'ipotesi di lavoro per l'amministrazione americana, pochi giorni dopo che Joe Biden ha aperto la strada alla consegna degli F-16V richiesti da Ankara.

Gli sforzi compiuti dal presidente Erdogan per normalizzare i rapporti tra Turchia e Grecia, e l'autorizzazione data dal Parlamento turco all'adesione della Svezia alla NATO, hanno visibilmente convinto Washington che si potrebbe avviare una nuova dinamica, per riportare la Turchia nell'ovile occidentale . E gli F-35 svolgeranno ovviamente il ruolo di offerta americana, per convincere Ankara a intraprendere questa strada.

Verso un rinnovato rapporto tra Ankara e Washington, sullo sfondo di un cambiamento nella posizione internazionale della Turchia

Il cambiamento di atteggiamento avviato sulla scena internazionale dal presidente Erdogan, appena rieletto, negli ultimi mesi sta chiaramente dando i suoi frutti. Dopo aver minacciato l'anno scorso di farlo lanciare i suoi missili su Atene e conquistare manu militari le isole greche del Mar Egeo, bloccare l'adesione della Svezia alla NATO, e dopo aver flirtato per quattro anni con Russia, Cina e Iran, il capo di Stato turco presenta da diversi mesi un volto molto più attraente per l'Occidente, e soprattutto per gli Stati Uniti.

Erdogan Putin Su-57
In diverse occasioni il presidente RT Erdogan ha discusso con la Russia della possibile acquisizione di caccia da parte della Turchia.

In primo luogo, RT Erdogan si è recato in Grecia per incontrare il suo omologo K. Mitsotakis, al fine di normalizzare e calmare i rapporti con il suo vicino ed eterno rivale. Poche settimane dopo ha posto fine al blocco dell'adesione della Svezia alla NATO, ottenendo un'ampia maggioranza in Parlamento nella votazione su questo tema. Infine, la Turchia sembra aver preso le distanze da Mosca e Pechino negli ultimi mesi, senza rompere con loro, ma riducendo l’intensità dei rapporti.

Questo cambiamento di atteggiamento, e soprattutto l'accordo concesso per l'adesione della Svezia alla NATO, sono stati immediatamente accolti favorevolmente da Washington. Il presidente Biden ha quindi invitato il Congresso ad autorizzare, “senza indugio”, la vendita di 40 nuovi caccia F-16V, nonché di 80 kit di ammodernamento a questo standard, per modernizzare le forze aeree turche, in un contratto del valore di oltre 20 miliardi di dollari.

Per rassicurare Atene, gli Stati Uniti e la Grecia hanno annunciato un importante programma di trasferimento di equipaggiamenti e di cooperazione industriale nel campo della difesa, mentre il Dipartimento di Stato americano ha autorizzato la vendita di 40 F-35A all'aeronautica ellenica , per 8,6 miliardi di dollari.

Questa dinamica positiva tra Stati Uniti e Turchia potrebbe andare ben oltre il semplice F-16V che sarà presto ordinato. Infatti, la questione di un possibile ritorno di Ankara, nel programma F-35, verrebbe ora sollevata ai massimi livelli dello Stato.

Il caotico viaggio della vendita dell'F-35 in Turchia

Tutto è iniziato molto bene per l'F-35 Lightning 2 in Türkiye. Partner iniziale del programma Joint Strike Fighter, l'aeronautica militare turca, così come l'industria aeronautica di difesa del paese, erano partner chiave, con 30 aerei sotto ordine fermo e un fabbisogno totale di 100 aerei nel 2018, cioè. All'epoca, il più grande non -Flotta da caccia americana.

vendita di F-35 alla Turchia
Lockheed-Martin aveva già costruito 6 F-35A per l'aeronautica turca quando il paese fu escluso dal programma.

Tuttavia, in seguito al tentativo di colpo di stato in Turchia nel 2016, le relazioni tra Ankara e Washington si sono rapidamente deteriorate, poiché la Turchia si è avvicinata alla Russia di Vladimir Putin, alla Cina di Xi Jinping e persino all’Iran. Le tensioni nel Mar Egeo con Grecia e Cipro, ma anche nel Mediterraneo con le forze navali europee che assicurano il blocco navale della Libia, hanno ulteriormente aggravato la situazione.

Tuttavia, è stato l’intervento turco nel nord della Siria, contro gli alleati curdi degli Stati Uniti e gli europei di fronte a Daesh, e soprattutto la decisione di acquisire il sistema antiaereo S-400 dalla Russia, a suggellare l’accordo. -35 in Turchia.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli