Perché la tecnologia del grande drone sottomarino XLUUV è strategica per le marine militari?

Dopo il successo delle fasi di test del suo dimostratore DDO, un grande drone sottomarino, o XLUUV, Naval Group si è aggiudicata un contratto per la progettazione di un nuovo sistema dello stesso tipo, ma più imponente, così come di tutte le tecnologie chiave per equipaggiare e implementare questi droni navali.

In questo ambito la Francia non è indietro ed è addirittura una delle nazioni più avanzate, insieme agli Stati Uniti. Tuttavia, non è l’unico ad investire risorse significative per acquisire XLUUV. Infatti, sapere come progettare e implementare questi grandi droni militari sottomarini diventerà rapidamente una questione strategica per molte marine. Ecco perché…

Se i droni sono entrati nei campi di battaglia aerea da diversi decenni, l’arrivo di questi sistemi automatizzati è molto più recente in altri spazi di conflitto, spesso però per ragioni diverse. Pertanto, l’ostacolo principale alla progettazione di un drone terrestre risiede nella gestione della sua mobilità su terreni che sono per loro natura caotici e mutevoli, come su un campo di battaglia.

Nel campo dei droni di superficie sono soprattutto i vincoli legati alla durata delle missioni a concentrare gli sforzi dei ricercatori. Infatti, mentre un drone da combattimento resta in aria, nella migliore delle ipotesi, per qualche decina di ore, un drone di superficie svolgerà la sua missione per diverse settimane, forse anche diversi mesi, con la sua parte di danni e fortune in mare.

XLUUV DDO del gruppo Navale
Il grande drone dimostratore sottomarino DDO del gruppo navale ha completato il suo programma di test nell'estate del 2023.

I droni sottomarini, dal canto loro, combinano i vincoli delle unità di superficie, con un forte imperativo in termini di discrezione, soprattutto nel campo elettromagnetico e acustico, mentre pochissimi paesi hanno effettivamente le competenze per progettare un sottomarino convenzionale.

Quindi, se, per essere operativo, un drone di superficie può contare su un collegamento dati con un centro di controllo, la discrezionalità essenziale legata alla missione sottomarina militare richiede che questi scambi elettromagnetici siano ridotti il ​​più possibile, e quindi progettare un drone con autonomia molto ampia in termini di pilotaggio, ma anche di controllo della missione e persino di processo decisionale operativo.

Un nuovo programma francese basato sul grande drone dimostratore sottomarino DDO di Naval Group

In questo ambito, il Gruppo Navale francese ha assunto un ruolo guida nella programmazione militare nazionale, sviluppando, con fondi propri, un dimostratore chiamato DDO, for Oceanic Drone Demonstrator.

La sua presentazione è avvenuta, in concomitanza con il suo primo lancio, nell'ottobre 2021, in occasione di Giornate dell'Innovazione del Gruppo Navale, un evento annuale del settore destinato a promuovere e presentare le sue recenti innovazioni e progressi tecnologici.

Lungo 10 metri per 10 tonnellate di dislocamento, il DDO ha da allora effettuato diverse campagne di test, sia per validare le decisioni e gli sviluppi degli ingegneri del Gruppo Navale, sia per raccogliere numerosi dati ed esperienze legati alla sua implementazione, poiché questo è il ruolo di un dimostratore.

Giornate dell'Innovazione del Gruppo Navl 2021 DDO
Il DDO è stato presentato durante i Naval Group Innovation Days nell'ottobre 2021.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Droni Navali | Notizie sulla difesa | Costruzioni navali militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE