Come rispondere alla guerriglia navale che minaccia di estendersi sull’esempio ucraino?

- Pubblicità -

Applicando una tattica di guerriglia navale particolarmente efficace per impedire alla flotta russa di prendere il controllo del Mar Nero, la Marina ucraina è riuscita a ottenere molti successi, dalla distruzione dell’incrociatore Moskva nell’aprile 2022, a quella della motovedetta missilistica Ivanovets, pochi giorni fa.

Con l’aiuto di missili antinave, droni navali leggeri e veloci e una buona dose di immaginazione e reattività, gli ucraini riuscirono ad affondare o danneggiare il 40% della flotta del Mar Nero, impedendo uno sbarco attorno a Odessa e spingendo addirittura le navi russe oltre le sue coste.

L’efficacia di questa tattica, tuttavia, non mancherà di ispirare molti altri attori globali, e rischia di minacciare, nel prossimo futuro, molto più delle navi militari russe.

- Pubblicità -

Guerriglia navale al centro della protesta del Mar Nero da parte della Marina ucraina

All’inizio dell’offensiva russa contro l’Ucraina, pochi specialisti in materia stimavano che gli eserciti ucraini avrebbero potuto resistere al rullo compressore russo per più di due mesi.

Nessuno, invece, immaginava che dopo due anni di conflitto la potente flotta russa del Mar Nero avrebbe perso il 40% delle sue unità di superficie. Soprattutto dopo che la Marina ucraina aveva affondato la maggior parte delle sue risorse durante i primi giorni del conflitto.

La guerriglia navale Tarantul II Ivanovets affondò
La nave pattuglia missilistica Ivanovets è stata affondata da un drone navale ucraino tre settimane fa

LOGO meta difesa 70 Droni navali | Analisi della difesa | Conflitto russo-ucraino

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

- Pubblicità -

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
tutti gli articoli senza pubblicità, a partire da € 1,99.


Iscrizione alla newsletter

Registrati per Newsletter di Meta-Difesa ricevere il
ultimi articoli di moda giornaliero o settimanale

- Pubblicità -

Per ulteriori

3 Commenti

  1. Innanzitutto si tratta di un conflitto interposto tra la NATO e la Federazione Russa. Gli ucraini non dispongono di tecnologia e armi sufficienti per effettuare questa “guerriglia” navale o altro tipo di attacco terroristico (= attacco al personale e alle installazioni civili). Tutto è orchestrato dalla NATO, con l’Ucraina che funge solo da fornitore di carne. Le scorte NATO di proiettili Javelin, Stinger e 155 mm si stanno esaurendo.
    Professionalmente seguo questo conflitto dal 2013, ci sono andato nel 2017 e sono in contatto con amici ucraini di Odessa e Kharkiv. L’immagine presentata dai media occidentali è quasi interamente falsa, tipica della propaganda. Da leggere: la storica Anne Morelli, l'opera dal titolo “Principi elementari della propaganda di guerra”.

  2. “Gli ucraini non hanno abbastanza tecnologia e armi per portare avanti questa “guerriglia” navale o altro tipo di attacco terroristico. »

    È chiaro che dispongono di queste tecnologie, perché i droni utilizzati sono chiaramente molto basilari. Perdona il mio pessimo francese.

    • grazie per le correzioni, errori probabilmente generati dal correttore automatico del portatile. I droni marini sono forniti dalla GB, che è molto presente sul posto in questo conflitto.

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli