In che modo la debolezza degli eserciti ostacola la credibilità della Francia sulle questioni di difesa in Europa?

Il potenziale invio di truppe europee in Ucraina, menzionato da Emmanuel Macron a margine del vertice di Parigi del 26 febbraio, continua a provocare numerose reazioni, in Francia, in Europa e oltre. Tuttavia, lungi dall’innescare una dinamica a favore dell’emergere di un’Europa più unita, più determinata e più forte, a sostegno dell’Ucraina, questa frase si è trasformata in una reazione contro il presidente francese.

L'ipotesi, infatti, non solo è stata fortemente criticata dall'opposizione in Francia, ma è riuscita a creare un vero e proprio consenso in Europa e anche all'interno della NATO, ma contro di essa. Quanto ai russi, senza troppa sorpresa, apprezzano la debacle, non senza ridicolizzare la posizione della Francia.

Un’evidente mancanza di credibilità per la Francia in Europa sui temi della Difesa

È possibile discutere per ore nel merito o meno l’ipotesi accennata dal capo dello Stato francese. Tuttavia, questo episodio mostra soprattutto il La crudele mancanza di credibilità della Francia su queste questioni geostrategiche, anche in Europa, e in particolare sull’immenso divario che esiste oggi tra le ambizioni espresse dalla Francia in questo settore e i mezzi effettivamente a disposizione dei suoi eserciti.

Il peso debole della Francia sulle questioni geostrategiche

Diversi fattori storici, alcuni provati, altri talvolta fantasticati, tendono a erodere la situazione credibilità della parola francese in materia di difesa sulla scena geopolitica europea e globale. Inoltre, gli europei, e i loro leader, sono stati condizionati, per diversi decenni, a seguirli quasi ciecamente Linee guida degli Stati Uniti in quest’area, facendo affidamento su Washington e sui suoi potentissimi eserciti per la propria sicurezza.

Gli sviluppi delle ultime settimane, sia in Ucraina contro la Russia, ma anche negli Stati Uniti, con un Congresso che continua a bloccare un pacchetto di aiuti ormai vitale per l’Ucraina, e un Donald che, senza sorprese, vincerà le primarie repubblicane, e che diventa il favorito nei sondaggi, per quanto riguarda le elezioni di novembre, sembrava scosse gli europei nelle loro certezze, al punto che nuovi discorsi sono emersi all’Aia, a Roma, a Varsavia e persino a Berlino.

Donald tromba
Le minacce di Donald Trump contro la NATO hanno provocato una scossa elettrica in Europa, ma non sono state sufficienti a convincere la gente a inviare eventualmente forze europee in Ucraina.

Probabilmente è anche pensando di poter trarre vantaggio da questa apparente evoluzione dei leader europei, che Emmanuel Macron ha tentato quello che oggi appare sempre più come un bluff, presentando l’intervento delle truppe europee in Ucraina come un’ipotesi di lavoro, mentre sicuramente se ne era parlato solo brevemente, senza enfasi e senza il minimo sostegno durante la conferenza.

La debolezza degli eserciti francesi nel campo convenzionale ostacola le aspirazioni di Parigi all'emergere di un'autonomia strategica europea.

È bene, in questo contesto, il debolezza degli eserciti francesi, in particolare in termini di combattimento simmetrico convenzionale ad alta intensità, che fa perdere credibilità al discorso francese, quando Parigi discute del potenziale invio di truppe in Ucraina o si appella a favore dell’autonomia strategica europea.

Evidentemente gli europei non si ritengono pronti a farlo affrontare la Russia, senza l'iniziativa di Washington, e sotto protezione dell’esercito americano e l'aeronautica americana. Purtroppo in questa zona gli eserciti francesi sono molto lontani proporre un'alternativa abbastanza credibile per Varsavia, Vilnius o Bucarest, da scatenare un brivido in questa direzione.

Francia vs Russia: un potenziale equilibrio di potere molto meno eclatante di quanto sembri

Nella mente di quasi tutti gli europei, e anche nel mondo, la Francia non può, infatti, rappresentare, da sola, un potenziale avversario credibile. scoraggiare Mosca in aree strategiche.

Il rapporto di forza militare medio è di 7 a 1 a favore degli eserciti russi

Infatti, con 2 testate nucleari, 3000 carri armati, 1200 aerei da combattimento, una cinquantina di sottomarini e una forza armata di 1,3 milioni di uomini, gli eserciti russi surclassano notevolmente i 350 capi, 200 carri armati, 225 aerei da combattimento, 10 sottomarini 210 uomini degli eserciti francesi, in un rapporto medio di 1 vs 7.

Tu-160M
Alla Russia piace ostentare la sua potenza nucleare. Ma riuscire a distruggere la Francia quindici volte non è più efficace che riuscire a distruggere la Russia una volta in questa zona.

In termini di dissuadere, va ricordato che i 4 sottomarini con missili balistici nucleari e i 2 squadroni di Rafale Le armi nucleari B delle forze strategiche francesi, in gran parte, le hanno abbastanza potere da distruggere tutta la Russia, mentre non è molto utile che Mosca possa distruggere la Francia più di 15 volte.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Equilibrio di potere militare | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

  1. Buongiorno,
    Sono un grande fan del tuo post.
    Capisco perfettamente la necessità di un nuovo rafforzamento, la mancanza di visione per molto tempo, ma farmi coinvolgere nella Corte europea per accusare questo presidente che fortunatamente ha governato, forse non abbastanza forte, lo trovo un po' facile.
    Pensare che se fossimo stati più forti gli altri paesi ci avrebbero sostenuto è dimenticare questo riflesso europeo non appena la Francia acquisisce un po’ di importanza. Inoltre, questa reazione dei paesi europei mostra più paura che un’analisi reale dell’effetto di questa dichiarazione.
    Ipotizzare che possano essere schierate truppe di terra è solo un avvertimento alla Russia e lascia dubbi. Quest'arma utilizzata dalla Russia. e francamente cosa può fare la Russia alla Francia, l'energia nucleare è autodistruzione e per quanto riguarda l'esercito convenzionale, la strada per Parigi passa attraverso la NATO. Riportando la Russia alla sua impotenza di fronte all’Ucraina, la Francia è un altro pezzo…

    Tutti questi paesi europei, se Trump ci lascia soli di fronte alla Russia, su chi potranno contare per il loro ombrello nucleare?
    Quanto è costato questo ombrello nucleare negli ultimi 60 anni?
    Chi era il visionario?
    Naturalmente avremmo potuto fare di più.
    Per 60 anni questi paesi europei hanno sempre minimizzato e criticato la nostra forza nucleare. Gente troppo aggressiva, bellicosa, perdente, vendicativa.
    Questo per rannicchiarsi nella sacrosanta protezione americana e dipendere dal gas russo.
    Quindi sì, non abbiamo fatto abbastanza, ma non abbiamo aiutato.
    E siamo difficili da impressionare, cosa che non si può dire del resto d’Europa.
    Non dimenticare mai che autoflagellarsi significa dare acqua a coloro che ci vogliono più deboli.
    E non ci rafforza mai.
    dobbiamo ovviamente essere autocritici, ma non siamo soli su questa barca.
    Non credo affatto che lo scopo dell'articolo fosse quello di autoflagellarsi ma piuttosto di spingere il governo a fare di più.
    Ma questo titolo: Un'evidente mancanza di credibilità della Francia in Europa sulle questioni della difesa.
    Ammetto che è difficile digerire ciò che l'Europa ci offre ai francesi:
    Investimento nella deterrenza convenzionale o nucleare = 0
    Senza gli Stati Uniti, credibilità = 0
    Giudichiamoci come francesi, su cui non siamo del tutto d'accordo.
    Francamente, l'opinione degli altri paesi europei, se vogliono prendere le pinze, è più facile che proporre una vera evoluzione verso una potenza militare europea... e sfortunatamente per loro, sì, la Francia sarà il pilastro. E questo è il problema...

    ps:
    Ora, se tra 6 mesi la Russia sfonda il fronte e c'è il rischio di collasso, siamo sicuri che francesi, inglesi e americani vedranno che la NATO rimarrà a debita distanza?

    Cordiali saluti e sinceramente tuo

    • Grazie per il commento. Non ti contraddirò sul modo in cui gli europei nutrono una certa paura viscerale. Adesso la situazione è quella che è. Possiamo pentircene, ma è impossibile cambiarlo, almeno non entro la scadenza. Anche con tutto il tempo a disposizione, temo che questo sia semplicemente fuori portata. Non si tratta di distribuire punti positivi e negativi, semplicemente di fare una constatazione: le ambizioni da un lato, le aspettative degli europei riguardo alla potenza degli eserciti europei dall’altro, non sono allineate.
      Detto questo, e sapendo che è necessario che gli europei si adattino alla realtà in rapida evoluzione, l’unica soluzione sarebbe offrire agli europei una potenziale alternativa, anche parziale, alla protezione statunitense. E oggi gli eserciti francesi sono molto lontani dal riuscire a raggiungere questo obiettivo.
      Da qui l'articolo. Perché annunciare ambizioni, senza darsi i mezzi, in un contesto come questo, era ovviamente una sberla.
      Ora, se il presidente vuole davvero dare sostanza a questa autonomia strategica europea, spetta a lui rispondere alle aspettative, anche implicite, degli europei, e quindi dotare la Francia di un esercito molto più significativo.

  2. Buongiorno,
    sì, come al solito siamo trattati come se andassimo in guerra, ma ehi, ci siamo abituati. in ogni caso non faremo nulla con la Germania che continuerà a ostacolare tutte le iniziative francesi qualunque esse siano. Non parlo nemmeno dei programmi Scaf e MGCS, che secondo me finiranno come tutti gli altri nella pattumiera della cooperazione franco-tedesca. Lanciamo subito l'EMBT, non avevamo bisogno dei tedeschi per fare la Leclerc, tranne forse il cambio, ma se facciamo un ibrido non ce ne sarà bisogno! quando siamo allo scaf concentriamo i mezzi sul rafale 5 e il suo ambiente e sarà già buono. potrà sbarcare sul Grand Charles, senza bisogno di un successore da 75000 tonnellate. se abbiamo droni che sono furtivi ed entrano in contatto, che bisogno c'è di un scaf visto che può stare lontano da potenziali pericoli. volendo fare collaborazioni rischiose perdiamo il nostro tempo, le nostre competenze e ci mettiamo come al solito alla mercé dei tedeschi che non sono più nemmeno capaci di mettere in linea un battaglione di carri armati o di inviare una fregata con missili che funzionano (per fortuna Americani perché con alleati come loro non c’è bisogno di nemici).
    Quanto alle nostre giovani generazioni che vogliono la pace e soprattutto non mobilitarsi per il loro Paese, il giorno in cui Putin verrà a prenderli a calci nel culo... non chiederà loro se sono d'accordo, ma sarà un po' tardi.
    Penso che i francesi e gli europei in generale dovranno uscire dalla loro zona di comfort e cambiare il loro modo di vedere le cose. tutti vogliamo la pace, ma dobbiamo mettere i punti sulle I per alcune persone in modo che capiscano che non devono venire ad ucciderci….
    buona giornata a tutti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli