Il deterrente francese avrà bisogno di più sottomarini SSBN 3G?

Il 20 marzo ha avuto luogo la cerimonia del primo taglio della lamiera del primo nuovo sottomarino SSBN 3G, fulcro della deterrenza francese, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Vaujour, del Delegato Generale agli Armamenti, Emmanuel Chiva, e dell'Amministratore Delegato del Gruppo Navale, Eric Pommellet, sul sito del Gruppo Navale di Cherbourg, che ospita tutta la costruzione di sottomarini francesi.

Questa cerimonia segna l'inizio di uno dei più importanti progetti industriali francesi mai intrapresi. Infatti, la progettazione e la costruzione di un sottomarino con missili balistici nucleari è spesso considerata una delle questioni industriali e tecnologiche più complesse esistenti, almeno quanto quella di un lanciatore spaziale pesante o di una portaerei nucleare.

Al di là di questa sfida tecnologica e degli investimenti colossali necessari per far nascere queste navi e le loro armi strategiche, questo programma porta con sé anche il futuro della componente sottomarina del deterrente nucleare francese, proprio quella che assicura l’assicurazione sulla vita del paese.

Molti specialisti in materia mettono però in dubbio il formato del programma SSBN 3G. Infatti, se si prende il formato di 4 SSBN della classe Le Triomphant attualmente in servizio, quello precedente alla Guerra Fredda era composto da 6 SSBN della classe Le Redoutable.

Di fronte alle crescenti tensioni internazionali, in particolare con la Russia, la Francia potrà accontentarsi di una flotta di soli 4 SSBN, o dovrà tornare ad una flotta di 6 navi, come negli anni '70 e '80?

Le origini del formato 4 SSBN per la deterrenza francese

Inizialmente, quindi, la prima flotta SSBN francese era composta da sei navi. Questo formato ha consentito alla Strategic Ocean Fleet di mantenere permanentemente 2 navi in ​​mare, mentre una terza era pronta a prendere il mare entro 24 ore e una quarta entro 30 giorni. La quinta nave era in addestramento e la sesta era in manutenzione programmata.

SSBN Il Trionfante
La Marina francese impiegò 6 SSBN della classe Le Retouble negli anni '70, '80 e '90.

Con una nave permanentemente immobilizzata, questo formato ha permesso di costruire la deterrenza francese e la posizione di secondo attacco, su una flotta di cinque navi disponibili, di cui due di pattuglia.

La progettazione degli SSBN che avrebbero dovuto subentrare ai Redoutable, a partire dall'inizio degli anni '90, iniziò nel 1981. Pertanto, il formato di questa flotta prevista rimase invariato, a sei navi. Dopo il crollo del blocco sovietico, questo formato è stato ridotto a quattro navi.

Si trattava allora di adattare la forma della deterrenza francese alla dottrina della rigorosa sufficienza francese e, così facendo, di risparmiare diverse decine di miliardi di franchi. Inoltre, il Ministero della Difesa ha stimato che, essendo queste nuove navi molto più discrete di quelle che sostituiranno e dotate di missili molto più efficienti, la riduzione delle dimensioni non minerebbe la realtà della deterrenza francese.

Dalla fine degli anni '90, l'assetto della Forza Oceanica Strategica è stato quindi ridotto a un unico SSBN di pattuglia, una seconda nave in allerta 24 ore e una terza che poteva essere schierata dopo 30 giorni. La quarta nave è rimasta in manutenzione programmata.

L’evoluzione della minaccia sottomarina russa negli ultimi anni

È chiaro che questo atteggiamento è stato ampiamente soddisfacente durante i primi vent’anni del millennio. Ricordiamo che nel 20 e nel 2008 la flotta russa non è stata in grado di garantire la permanenza del pattugliamento subacqueo strategico per più di un terzo del tempo.

Sottomarino Borei-A
La Marina russa è impegnata in un’intensa modernizzazione della sua flotta sottomarina strategica e tattica.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità.

Meta-Defense festeggia il suo 5° anniversario!

LOGO meta difesa 114 Politica di deterrenza | Analisi della difesa | Armi nucleari

- 20% sul tuo abbonamento Classic o Premium, con il codice Metanniv24, jusqu'au Solo il 21 maggio !

Offerta valida dal 10 al 21 maggio per la sottoscrizione online di un nuovo abbonamento Classic o Premium, annuale o settimanale sul sito di Meta-Defense.


Per ulteriori

2 Commenti

  1. Ciao
    Perché non solo uno in più? Ciò rappresenterebbe già un vantaggio, pur restando nei nostri mezzi di bilancio, che a mio avviso non ci consentono di averne altri due. Uno aggiuntivo renderebbe più facile averne due o anche tre in mare in tempi di crisi.

    • Diciamo che un altro risponderebbe alla crescente minaccia russa. Altri due permetterebbero di rispondere all’evoluzione delle minacce globali, anche tecnologiche.
      C'è un articolo del 2021 che ha poi raccomandato il passaggio a 5 SSBN. Da allora, però, la tipologia delle minacce si è evoluta molto più rapidamente di quanto previsto in questo articolo.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli