La Marina americana è preoccupata per i troppi pochi missili a bordo dei suoi cacciatorpediniere...

La Marina degli Stati Uniti oggi gestisce la più grande flotta di incrociatori e cacciatorpediniere del pianeta e la meglio armata. Dispone così di 84 incrociatori e cacciatorpediniere, navi da 9 a 000 tonnellate armate con da 10 a 000 silos di lancio verticali, ovvero più della metà di tutti i silos verticali del mondo.

Mentre gli specialisti europei si lamentano regolarmente di vedere le loro navi armate solo con 16 o 32 silos, si potrebbe pensare che la Marina americana fosse relativamente fiduciosa nella potenza di fuoco disponibile delle sue navi di scorta.

Tuttavia, è proprio lei che ha appena accelerato lo sviluppo di un cannone a microonde destinato a proteggere i suoi cacciatorpediniere in futuro, temendo che le sue navi sono armate per rispondere a questo tipo di minaccia, di fronte all’arrivo di droni d’attacco navale e di missili balistici antinave, come quelli utilizzati dagli Houthi nel Mar Rosso.

96 silos verticali a bordo dei cacciatorpediniere Arleigh Burke della Marina americana

Molto spesso, la Marina americana è stata in vantaggio rispetto alle sue controparti europee nel campo delle tecnologie di combattimento navale. Ciò è avvenuto in particolare nel campo della difesa antiaerea, con l'arrivo simultaneo del radar SPY-1, del missile SM-2 e del sistema AEGIS, progettato per rispondere agli attacchi di saturazione che potevano essere lanciati dall'aviazione navale sovietica. contro le flotte NATO durante la Guerra Fredda.

Cacciatorpediniere SM-2 Arleigh Burke della Marina americana
I cacciatorpediniere Arleigh Burke hanno da 90 a 96 silos verticali

Per la prima volta un incrociatore, la classe Ticonderoga, e successivamente un cacciatorpediniere, la classe Arleigh Burke, furono in grado di affrontare numerosi bersagli aerei contemporaneamente, senza dover dedicare un radar di puntamento ad un unico bersaglio.

Nel corso degli anni questa tecnologia si è diffusa, in Europa e altrove. Tuttavia, la Marina americana ha mantenuto a lungo le navi più efficienti nel campo antiaereo, combinando scafi imponenti, tecnologie efficienti e una “profondità di magazzino”, il numero di missili a bordo, senza eguali, ad eccezione dei Kirov. Russi con sistemi più numerosi, ma antichi.

Almeno fino all'arrivo dei cacciatorpediniere pesanti della classe giapponese Kongo, del sudcoreano Sejong the Great e del cinese Type 055, che ora sono alla pari delle sue navi.

Così, oggi, i nuovi cacciatorpediniere classe Arleigh Burke Flight III della Marina americana, una nave di 155 metri con una stazza di quasi 10 tonnellate, trasportano 000 silos verticali carichi di missili antiaerei a lungo raggio SM-96, SM-2 anti-aereo. missili balistici, missili antiaerei ESSM a corto e medio raggio (quattro per silo), missili multiuso SM-3 e missili da crociera Tomahawk.

A questo si aggiungono un cannone da 127 mm, un sistema CIWS SeaRAM e un Phalanx, oltre a due tubi lanciasiluri tripli, che la rendono senza dubbio una delle navi meglio armate del momento, anche se non siede più da sola, ai vertici della classifica la gerarchia. Tuttavia, l’esperienza degli Houthi nel Mar Rosso tende a scuotere questa certezza all’interno della Marina americana.

Il consumo di missili contro droni e missili Houthi preoccupa la Marina americana

Nonostante questo arsenale che fa diventare verdi d’invidia tutte le navi europee, la Marina americana ritiene ora che potrebbe presto affrontare seri problemi, evidenziati dai feedback degli impegni nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, affrontando missili e droni Houthi. I suoi ultimi potrebbero non avere abbastanza munizioni.

Drone Houthi
I droni Houthi non sono obiettivi difficili da intercettare. Ma consumano molte munizioni per le scorte occidentali.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Sistema di difesa antiaerea | Analisi della difesa | Armi laser ed energia diretta

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli