Con un ritardo medio di 2 anni, l’industria navale statunitense diventa il punto debole della Marina statunitense

Dopo due decenni di navigazione visiva in una fitta nebbia, la pianificazione dell’industria navale statunitense assume aspetti strategici per la Marina americana, in particolare nello stallo che sta emergendo con una Marina cinese in piena espansione e in piena trasformazione.

L’industria navale americana è, ovviamente, al centro di questo sforzo, mentre il Pentagono si aspetta che acceleri i ritmi di consegna di alcune navi chiave, come i cacciatorpediniere Arleigh Burke, i sottomarini nucleari d’attacco Virginia e le fregate Constellation.

Tuttavia, già oggi fa fatica a rispettare i tempi di consegna. Per comprendere questi problemi, il segretario della Marina, Carlos des Toro, ha annunciato, a metà gennaio, di aver ordinato scrivere una relazione di sintesi, sui problemi e le difficoltà incontrate dalla programmazione industriale navale statunitense, e ha dato un termine di 45 giorni per redigerlo.

È questo il rapporto che è stato presentato all'inizio della settimana al Segretario della Marina e in parte reso pubblico. Il minimo che possiamo dire è che non invita alla serenità, nell’attuale contesto internazionale.

I maggiori ritardi colpiscono i principali programmi navali statunitensi

Infatti, se alcuni programmi, come i cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke, le grandi navi anfibie delle classi America e San Antonio e le petroliere, restano “in sospeso”, molti altri mostrano ritardi molto significativi, troppi diranno molto.

Classe di costellazioni
Le fregate della classe Constellation dovrebbero contribuire a rafforzare le capacità di scorta della Marina americana, in particolare nel campo della guerra antisommergibile.

È il caso delle tranche IV e V dei delicatissimi sottomarini d'attacco nucleare della classe Virginia, monitorati in particolare con il programma SSN AUKUS, che prevede la vendita di 3-5 di essi all'Australia nei prossimi anni. Le navi del Blocco IV sono in ritardo di 36 mesi rispetto al programma, mentre le navi del Blocco V sono già in ritardo di 24 mesi rispetto al programma della Marina americana.

Anche i nuovi sottomarini con missili balistici nucleari di classe Columbia, che sostituiranno i 12 SSBN di classe Ohio, stanno soffrendo di ritardi problematici da 12 a 16 mesi, nonostante la natura altamente strategica di questo programma.

Anche la terza portaerei nucleare della classe Gerald Ford, la USS Enterprise, è in netto ritardo, da 18 a 26 mesi secondo il rapporto, mentre dovrà sostituire, nel 2029, la USS Carl Vinson, che avrà poi la canonica età di 47 anni di servizio.

Infine, le fregate della classe Constellation, chiamate a svolgere un ruolo centrale nella modernizzazione della flotta di superficie americana, in particolare nel settore della guerra antisommergibile, sono in ritardo di ben 36 mesi.

Un raro rapporto riassuntivo negli Stati Uniti ordinato dal Segretario della Marina Carlos del Toro.

Il rapporto della Marina americana rappresenta uno shock per molti attori americani in questo campo. In effetti, se i ritardi di questi programmi sono stati menzionati in precedenza, in particolare in occasione della stesura del bilancio annuale della Marina statunitense, si presenta una visione d’insieme preoccupata, a volte poco lusinghiera, di ciò che costituisce, tuttavia, uno dei grandi vanti dell’industria della difesa americana. .

SECNAV Carlos del Toro.
Il rapporto ordinato dal segretario della Marina Carlos del Toro sarà sicuramente un prezioso strumento negoziale con il Congresso degli Stati Uniti.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Costruzioni navali militari | Analisi della difesa | Bilanci delle Forze Armate e sforzi di difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli