Il bollo sull'esportazione delle armi, la scommessa vincente tedesca e italiana.

Se i prezzi e i compensi industriali o politici sono stati al centro dell’assegnazione dei contratti di esportazione di armi, negli ultimi tre decenni i tempi di consegna sono diventati, negli ultimi anni, uno dei principali criteri di selezione in questi dossier.

I capi di Stato e di governo, in Europa e altrove, si sforzano infatti di compensare, al più presto possibile, 30 anni di benefici derivanti dalla Pace, avendo lasciato i loro eserciti incruenti e incapaci di combattere.

Diversi paesi europei avevano previsto questo sconvolgimento e ora ne stanno traendo notevoli benefici. La Germania, come l'Italia, si è quindi impegnata a ordinare ai propri produttori attrezzature militari in eccesso, ad accumulare scorte, o capacità di produzione industriale, per rispondere alle scadenze urgenti richieste dai loro futuri clienti.

76 di 105 Leopard I 2A8 preordinati da Berlino andranno nella Repubblica Ceca.

A maggio 2023, Berlino ha annunciato l'ordine per 123 nuovi carri armati pesanti Leopard 2A8, un'evoluzione di Leopard 2A7HUN progettato per gli eserciti ungheresi e caratterizzato, in particolare, da un sistema di trofei di uccisione dura, optronica migliorata e armatura modulare rinforzata.

Esportazione di armi Leopard 2A8 Repubblica Ceca
Le Leopard 2A8 deriva dal Leopard 2A7HUN acquisito dall'Ungheria.

Tuttavia, solo 18 di questi 123 carri armati pesanti erano effettivamente destinati alla Bundeswehr, per sostituire i 18 Leopard 2A6 prelevato dalla sua flotta, per essere spedito in Ucraina.

I restanti 105 veicoli corazzati furono ordinati dal bilancio tedesco, ma destinati all'esportazione, consentendo di raggiungere un volume di ordini iniziale per avviare la produzione del nuovo carro armato, garantendo tempi di consegna brevi ai futuri clienti.

La scommessa di Berlin e di KMW ha dato i suoi frutti. Non solo la Repubblica Ceca ne ha appena ordinati 76 su 105 Leopard 2A8 preordinato dalla Germania, ma Budapest ha convalidato anche l'acquisto di 28 Leopard 2A4, mentre la Bundeswehr offrirà agli eserciti cechi due demolitori di carri armati WZT Bergepanzer 3.

Se diversi paesi, compresi i Paesi Bassi, sono interessati ai 29 Leopard 2A8 rimasti da sequestrare dalle scorte tedesche, altri si sono spostati verso ordini diretti da KMW, Norvegia con 54 copie ordinato nel giugno 2023, mentre L’Italia si dirige verso un ordine di 132 Leopard 2A8 costruito, in parte, in loco, una volta che la sostenibilità di questo modello è stata garantita dal preordine da Berlino.

2 PPA italiani della classe Thaon di Revel venduti in Indonesia

Se le scorte tedesche permisero di assicurarsi ordinazioni di carri armati, l'Italia, dal canto suo, fece lo stesso con le sue fregate. Già, nel 2020, la Roma lo aveva ceduto al Cairo due fregate FREMM della classe Bergamini. Le due navi sono state prelevate direttamente dalla flotta italiana, garantendo tempi di consegna particolarmente brevi alla Marina egiziana.

PPA Thaon di Revel
La Marina Militare Italiana ha ordinato 8 motovedette pesanti della classe Thaon di Revel, in 3 versioni di armamento.

La settimana scorsa è stata la volta di Giakarta a formalizzare l'ordinanza 2 fregate PPA della classe Thaon di Revel, per un importo di 1,2 miliardi di euro. Inizialmente avrebbe dovuto farlo Giakarta ordinare sei fregate FREMM italiane, con costruzione locale.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Esportazioni di armi | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

  1. Il leasing è un'ottima idea (e credo che sia già stato discusso).
    Quanto a questa faccenda del buffer, non si tratta altro che di distorsioni della concorrenza con i fondi pubblici che distorcono un mercato economico già poco regolamentato.
    Quel che è peggio è che si tratta per lo più di ordini statali mascherati per evitare la chiusura delle linee di produzione a breve termine.

  2. Grazie Sig. Wolf per tutti i vostri articoli che forniscono informazioni e riflessioni molto interessanti e stimolanti per chiunque sia interessato alle questioni della difesa considerate a livello globale (aspetti tecnici, finanziari, politici, sociali, ecc.).
    Ma per quanto riguarda il tuo articolo sui francobolli per l'esportazione, penso che tu stia un po' esagerando a scopo dimostrativo.

    Perché dopo aver letto il tuo articolo, l'unico vero esempio di bollo di esportazione nel senso stretto del termine (cioè eccedenza di commessa dimostrata da uno Stato oltre le proprie necessità) mi sembra quello della commessa di carri armati Leopard da parte della 'Germania .
    Osserveremo anche che questa “politica” sembra essere una tantum perché riguarda solo un unico macchinario – “fiore all’occhiello” senza dubbio – dell’industria tedesca. Sembrerebbe infatti che non esista nessun altro esempio di materiale tedesco ordinato in eccesso dalla Germania (navi, artiglieria, ecc.).

    Per quanto riguarda l’Italia, non ho trovato alcuna informazione che indichi che lo Stato italiano abbia ordinato più PPA del necessario per la sua flotta. Mi sembra piuttosto che abbia riassegnato all'Indonesia due PPA che erano in costruzione per la sua marina nazionale, e ciò per sfruttare un'opportunità di esportazione (i tempi di consegna sono diventati nuovamente, come lei sottolinea, un criterio decisivo per alcune commesse militari ).

    Ma questo modo di fare non è specifico dell’Italia poiché è praticato da molti anni anche dalla Francia. Penso ad esempio alla seconda FREMM francese la cui costruzione è iniziata nell'estate del 2008 e che è stata venduta al Marocco, un'altra è stata venduta nel 2015 all'Egitto, due vendite che hanno ritardato la consegna della FREMM destinata alla marina nazionale. Lo stesso divario può essere osservato oggi per quanto riguarda l’IDF per liberare la Grecia il prima possibile. Fino al 2015, alcuni dei Rafale sulle linee di assemblaggio Dassault sono stati riassegnati in Egitto (di nuovo) per evadere il primo ordine di questo aereo il più rapidamente possibile.

    Infine, potremmo senza dubbio menzionare (ma ho più dubbi su questo argomento) il caso del cannone CAESAR, alcuni esemplari del quale sono stati senza dubbio riassegnati (dall'ordine francese, ceco, marocchino?) per servire in caso di emergenza l'Ucraina.

    Per me, questi esempi italiano e francese sono più una questione di opportunismo statale, assolutamente non biasimevole, che di una politica di buffer volontaria da parte di uno Stato che corre il rischio di ritrovarsi, alla fine, con attrezzature in eccesso e di cui finanziarsi rimarrebbe di sua responsabilità.
    Da questo punto di vista, noteremo che gli attuali incentivi per Nexter a produrre 12 armi al mese sulla base del fatto che i bisogni sono tali da poter trovare facilmente acquirenti, pongono il rischio di merce invenduta sull’industriale, non sullo Stato francese. …

    Per quanto riguarda la politica americana in quest’area e le sue vendite militari estere, essa si basa meno su una politica di buffer quanto su un volume di ordini nazionali molto ampio fin dall’inizio, il che rende più facile aggiungere ordini esteri. Ma l’industriale deve ancora seguirlo, il che non è attualmente il caso della Lockheed Martin con il suo F-35 (quali tempi di consegna per i nostri vicini svizzeri, ad esempio?), né dei cantieri navali americani per i sottomarini promessi all’Australia.

    Alla fine mi sembra che la politica del “francobollo” sia praticata raramente e possa riguardare solo pochi best-seller collaudati, e non troppo costosi (il prezzo di un Leopard non è quello di un F-35, di un Rafale una motovedetta, una fregata o anche un sottomarino).

    Questa reazione, indubbiamente troppo lunga, ti mostrerà almeno tutto il piacere e l'interesse che provo nel leggerti e quanto i tuoi articoli e le tue riflessioni spingano i tuoi lettori a impegnarsi nelle proprie analisi, sperando che le mie reggano più o meno alla lunga...

    Bien cordialement

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli