La minaccia dei droni d’attacco alle navi di superficie è transitoria?

A metà febbraio 2024, un rapporto ottenuto dal canale americano CBS ha evidenziato la minaccia dei droni d’attacco sulle navi di superficie, e in particolare sui cacciatorpediniere e sugli incrociatori della Marina americana.

Affermava, infatti, che le scorte americane schierate nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden avevano già sparato quasi un centinaio di missili antiaerei standard SM-2 e SM-6, per intercettare i missili, e soprattutto i droni, lanciati dai ribelli Houthi contro di loro, o contro le navi mercantili scortate.

Questi droni Houthi, come i droni di superficie utilizzati dagli ucraini nel Mar Rosso, hanno creato una nuova minaccia, contro la quale le unità di scorta navale alleate non sono adeguatamente equipaggiate, provocando l’uso rapido e inefficace di costosi missili antiaerei, senza poterlo fare per sostituire, in mare, i missili lanciati. La situazione è ancora più preoccupante per la Marina russa, costretta a terminare la maggior parte delle sue operazioni navali nel Mar Nero.

In queste condizioni, molte voci si sono levate per evidenziare la minaccia dei droni sulle navi militari, arrivando a mettere in discussione l’importanza, per gli Stati, di dotarsi di una marina militare di superficie costosa, incapace di proteggersi da questi droni poco costosi che possono essere utilizzati contemporaneamente in gran numero, per saturare le difese e superarle.

Quindi, i droni firmeranno la condanna a morte per le grandi unità navali di superficie? Questo è tutt’altro che certo, perché le parate per rispondere a queste minacce esistono già e sono attivamente dispiegate a bordo delle navi militari.

Utilizzo massiccio di droni d’attacco nel Mar Rosso ed esaurimento delle scorte delle navi di scorta

Dall’inizio degli attacchi nel novembre 2023, i ribelli Houthi hanno lanciato da 300 a 350 droni, oltre a un centinaio di missili antinave, per una cinquantina di attacchi contro navi mercantili che navigano nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, così come nonché contro i venti cacciatorpediniere e fregate occidentali che operano in questa zona, per proteggerli. Diverse navi mercantili furono danneggiate e una nave mercantile battente bandiera del Belize, la Rubymar, affondata in seguito a questi attacchi, il 2 marzo 2024.

La nave mercantile Rubymar affondò nel Mar Rosso
La nave mercantile Rubymar affondò dopo essere stata colpita dai droni d'attacco degli Houthi all'inizio di marzo 2024

Per proteggere questo traffico commerciale, dall'inizio di questa campagna Houthi "a sostegno della causa palestinese", la marina americana, ma anche la marina reale, la marina francese e diverse altre marine occidentali, hanno schierato cacciatorpediniere e fregate. Mai dalla fine della seconda guerra mondiale le marine occidentali avevano lanciato così tanti missili e abbattuto così tante portaerei come durante questa missione.

A parte alcuni incidenti specifici, preoccupanti la fregata tedesca Hesse, E Fregata danese Iver Huitfeldt, Le navi di scorta occidentali, come i loro sistemi di bordo, si sono comportate bene contro i droni e i missili Houthi, anche contro i missili balistici antinave intercettati da dMissili francesi Aster 30 e l'americano SM-6.

Tuttavia, l’intensità del fuoco degli Houthi ha danneggiato rapidamente i depositi missilistici e VLS delle scorte schierate. Non può essere rifornito in mare, queste navi hanno fatto nel tempo un uso maggiore di altri mezzi, come i missili terra-aria a corto raggio ESSM o Ram, Artiglieria navale da 127 e 76 mm, e persino i loro elicotteri a bordo, per intercettare i droni Houthi, obiettivi relativamente lenti e facile intercettare.

Tuttavia, quando si tratta di intercettare i droni che rimangono fuori portata per attaccare le navi mercantili, così come i missili da crociera più veloci, i missili Aster e SM-2 a medio e lungo raggio sono stati spesso preferiti, esaurendo rapidamente le riserve delle navi, e limitando quindi la loro autonomia di combattimento.

Fregata Aster Alsazia
Sebbene molto efficaci, i missili terra-aria a medio e lungo raggio non sono stati progettati per intercettare droni leggeri ed economici.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità.

Meta-Defense festeggia il suo 5° anniversario!

LOGO meta difesa 114 Flotta di superficie | Analisi della difesa | CIWS e SHORAD

- 20% sul tuo abbonamento Classic o Premium, con il codice Metanniv24, jusqu'au Solo il 21 maggio !

Offerta valida dal 10 al 21 maggio per la sottoscrizione online di un nuovo abbonamento Classic o Premium, annuale o settimanale sul sito di Meta-Defense.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli