In che modo i droni da combattimento interromperanno l’equazione industriale e dottrinale dell’aviazione da combattimento?

L’arrivo dei droni da combattimento, questi dispositivi senza pilota progettati per svolgere missioni al posto degli aerei da combattimento, è ora particolarmente atteso. Questi, infatti, costituiranno il vero perno di quella che viene descritta come la sesta generazione di aerei da combattimento, alla quale apparterranno gli NGAD americani, così come gli NGF e i Tempest europei.

Se tutti anticipano questa inevitabile evoluzione, il modo in cui questi droni verranno utilizzati, e quindi il modo in cui verranno progettati, resta ancora molto divergente a seconda dei progetti.

Così i russi hanno progettato l'S-70 Okhotnik-B, un drone da combattimento da 20 tonnellate, le cui prestazioni, e sicuramente il prezzo, lo avvicinano a un aereo da combattimento tradizionale. L'MQ-25 Stingray, sviluppato dalla Boeing per le missioni di rifornimento aereo della US Navy, ha un prezzo unitario di 150 milioni di dollari, superiore a quello dell'F/A-18 E/F Super Hornet e dell'F-35C Lightning. attuali aerei da combattimento a bordo.

Al contrario, i nuovi programmi sviluppati al di là dell’Atlantico, in quest’area, tendono a progettare droni da combattimento molto più economici, come il MQ-28 Ghost Bat della Boeing, progettato in collaborazione con l’Australia, che mira a un prezzo unitario compreso tra 10 e 15 milioni di dollari, mentre l’aeronautica americana ha annunciato, nell’ambito del programma NGAD, l’intenzione di acquisire una flotta di droni da combattimento semi-consumabili che costeranno tra un quarto e un terzo del prezzo di un F-35A, ovvero tra i 22 e i 30 milioni di dollari.

È proprio in questa direzione che la Marina statunitense, dopo il costosissimo MQ-25 Stingray, vuole ora muoversi, con, in definitiva, un profondo stravolgimento della flotta di caccia imbarcati a bordo delle portaerei americane, nonché dei paradigmi che ne regolano le operazioni operative. e aspetti industriali degli aerei da combattimento.

La Marina americana vuole droni da combattimento da 15 milioni di dollari che voleranno solo 200 ore

È in questo contesto che il nuovo programma Collaborative Combat Aircraft, o CCA. Ciò è stato dettagliato dal contrammiraglio Stephen Tedford, che dirige l'ufficio esecutivo del programma per l'aviazione senza pilota e le armi da attacco, o PEO (U&W), alla conferenza annuale Sea Air Space della Navy League, più all'inizio di questa settimana.

Droni da combattimento MQ-25 Stingray Super Hornet
Con un prezzo unitario di oltre 150 milioni di dollari, l'MQ-25 Stingray della Marina statunitense è un drone da combattimento dal prezzo proibitivo, superiore a quello dell'F-35C.

Secondo lui, la Marina americana non intende seguire la traiettoria dell'MQ-25, ma virare verso combattere i droni molto più economico, per accompagnare il suo Lightning II, il suo Super Hornet, e il loro successore, il futuro NGAD, che entrerà in servizio non prima della fine del prossimo decennio.

Più specificamente, la Marina americana mira ad acquisire droni da combattimento il cui prezzo unitario non supererebbe i 15 milioni di dollari. Soprattutto questi dispositivi devono avere costi di realizzazione molto bassi e costi di manutenzione nulli.

E per una buona ragione, dovranno volare, nella migliore delle ipotesi, 200 ore, prima di essere utilizzati come bersaglio per attirare il fuoco nemico o come drone d’attacco. Non si tratta, in queste circostanze, di spendere più di quanto strettamente necessario per progettare e costruire droni con una durata di vita limitata.

E per aggiungere che, in ultima analisi, la Marina americana punta a che oltre il 60% della sua flotta di aerei da combattimento sia composta da aerei senza pilota, che operano al servizio di aerei pilotati, ma anche in modo indipendente.

Per quanto riguarda l'aeronautica americana, l'entrata in servizio del primo di questi droni è prevista per la fine del decennio, anche se le capacità previste in questo momento saranno inferiori a quelle previste dal programma, e richiederanno, quindi, la supervisione e il controllo di un dispositivo pilotato.

Una rivoluzione imminente nel modello industriale e di bilancio dell’aviazione da caccia

Le prestazioni e le capacità operative di questi futuri droni da combattimento, che si tratti di droni pesanti come gli S-70, di droni del tipo Loyal Wingmen, o di droni consumabili, come il Remote Carrier Expendable, sono già state discusse in numerosi articoli pubblicati dalla stampa specializzata.

S70 Okhotnik-B Su-57
Il drone S-70 Okhotnik-B ha una massa di combattimento compresa tra 18 e 20 tonnellate, per poter accompagnare i pesanti Su-57.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 droni da combattimento | Analisi della difesa | Aerei da caccia

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli