Nei Paesi Bassi, l'offerta di Naval Group è stata di 1,5 miliardi di euro in meno rispetto a quella di Saab-Damen

Appena un mese fa, L’Aja annunciava che la proposta del Gruppo Navale francese, basata sul sottomarino Blacksword Barracuda, era stata preferita a quella della svedese Saab associata all’olandese Damen, per la sostituzione dei quattro sottomarini del Walrus. classe della Marina reale olandese.

Non appena la decisione fu resa pubblica, Saab e Damen ne hanno messo in dubbio la validità, sostenendo un'offerta più efficiente sia dal punto di vista operativo che da quello industriale, e promettendo di non fermarsi qui.

Le società avevano un mese di tempo per presentare ricorso contro la decisione ministeriale olandese davanti ai tribunali olandesi. Questo periodo sta ormai volgendo al termine e né Damen né Saab hanno presentato denuncia.

E per una buona ragione! Anche se d'ora in poi promettono di portare la battaglia davanti al parlamento olandese, risulta che l'offerta di Naval Group, il cui importo totale non è ancora dettagliato, era di 1,5 miliardi di euro meno costosa di quella proposta da Saab e Damen.

Saab-Damen mette in discussione il prezzo “inaccessibile per una compagnia privata” per il sottomarino Blacksword Barracuda di Naval Group

Per spiegare una tale differenza di prezzo, che può essere stimato tra il 25 e il 33% del prezzo totale, il gruppo navale olandese e il suo partner svedese sottolineano le qualità operative superiori del loro modello, senza fornire alcun dettaglio a sostegno di queste affermazioni.

A26 Blekinge
L'offerta di Saab-Damen si basava su un'evoluzione dello svedese A26 Blekingue, un sottomarino progettato specificatamente per operare nel Mar Baltico.

Anche di questo si può dubitare, tanto che, oggettivamente, i sottomarini del Gruppo Navale sono stati scelti da cinque forze navali e 16 esemplari, negli ultimi vent'anni, e non ultimi (Brasile, Cile, India, Indonesia, Malesia), mentre Saab e Kockums non esportavano più sottomarini dalle due navi di classe Archer a Singapore, all'inizio degli anni 2010, navi di seconda mano di classe Västergötland entrarono in servizio nel 1986 e 1987.

« Il punteggio finale è influenzato in modo sproporzionato da un prezzo molto basso [del Naval Group], che è molto al di sotto del prezzo realistico per le società di difesa private.“, si legge nel comunicato stampa sull’argomento, lasciando intendere che la differenza di prezzo sarebbe legata allo status di società pubblica del Gruppo Naval, con lo Stato francese che detiene il 62,25% del gruppo, Thales il 35%, e il saldo, 1,75 %, da parte dei dipendenti dell'azienda.

Si noti che Damen non fornisce, neanche in questo caso, alcun elemento che giustifichi un ruolo particolare dello Stato francese in questo ambito. Questa non è la prima volta che succede il gruppo olandese denuncia l'azionariato pubblico del gruppo Naval, come quello della spagnola Navantia o dell'italiana Fincantieri, che secondo la sua analisi distorcerebbero la concorrenza.

Resta il fatto che con una tale differenza di prezzo, comprendiamo che i decisori olandesi abbiano avuto molte difficoltà a mettere in gioco la preferenza nazionale, soprattutto perché la stessa Damen ha approfittato di un'offerta più interessante per rilevare la costruzione delle fregate F126 per la Bundesmarine tedesca, con grande sgomento degli industriali d’oltre Reno.

Saab e Damen promettono maggiori investimenti nell’industria olandese rispetto a Naval Group

Tuttavia, se Saab e Damen hanno rinunciato all'azione legale, ben sapendo che con una tale differenza di prezzi sarebbe stata una fatica vana, non hanno rinunciato a far deragliare il programma franco-olandese.

Gruppo Navale Barracuda Spada Nera
Il Barracuda Blacksword promette di essere un sottomarino ad altissime prestazioni. Ci chiediamo quale prestazione superiore possa vantare l'offerta di Saab e Damen?

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotta sottomarina | Notizie sulla difesa | Costruzioni navali militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

12 Commenti

  1. I costi salariali tra PB e RFA non sono molto diversi, quindi i costi variabili diretti legati alla costruzione
    D’altro canto, l’assorbimento dei costi fissi che facilmente rappresentano almeno il 40% (assunzione/formazione, macchine speciali, infrastrutture, software, ricerca e sviluppo, test, qualificazione dei subappaltatori) lo stesso per i subappaltatori, deve essere sproporzionato ., un semplice effetto volumetrico. Naval ha rilasciato almeno un soum / anno per 80 anni, almeno da 5 a 8 volte di più di SAAB
    Aggiungiamo più di 2 miliardi di euro pagati dall'Australia in fattura e a titolo di risarcimento... (senza che alcuna lamiera sia stata tagliata, ma 1 settimana prima...! Non conosco Naval e i suoi subappaltatori, Safran, Jeumont, Thales ecc. ma sicuramente hanno l'infrastruttura digitale largamente ammortizzata (CAD, DTP, PLM, anche digital twin) e un posto dove modifichi tutto con un clic (beh quasi..)
    La DGA, ma anche India, Brasile e soprattutto Australia hanno sovvenzionato il PB...l'ordine di grandezza non è aberrante con un angolo di calcolo della tabella
    FYI NG pubblica i suoi risultati.. e non perde assolutamente soldi, anzi

  2. L'AIA (ANP) – La tedesca Thyssenkrupp Marine Systems (tkMS) si oppone al mancato contratto per la costruzione di quattro sottomarini per i Paesi Bassi. Il governo ha assegnato l'appalto al concorrente francese Naval. Per quanto è a conoscenza del ministero, solo tkMS si è opposta alla decisione di aggiudicazione provvisoria.

    Il ministero conferma così un precedente rapporto di De Telegraaf. Il portavoce non vuole dire nulla di sostanziale sull'obiezione di tkMS. Secondo De Telegraaf, i tedeschi sono arrabbiati perché il governo olandese inizialmente aveva detto di volere un sottomarino relativamente standardizzato "pronti all'uso", ma alla fine ha optato per sottomarini su misura della Naval.

    TkMS non è stato immediatamente disponibile per un commento.

    La Naval sta lavorando sui sottomarini con la compagnia marittima olandese Royal IHC. Un'altra società olandese, il costruttore navale Damen, ha tentato senza successo l'ordine da un miliardo di dollari insieme alla svedese Saab. Damen e Saab hanno dichiarato sul social network LinkedIn che non presenteranno ricorso contro il lodo provvisorio.

    • Bisogna capire che se Naval Group consolida il programma Blacksword Barracuda nei Paesi Bassi, diventerà molto, molto complicato per TKMS o Kockums collocare le proprie navi, con una tale differenza di prezzo, per uno o due decenni. Comprendiamo che nessuno dei due si arrende facilmente. Qui è in gioco il loro futuro.

      • In SM, la situazione dei Kockum è brutta da 20 anni, respinti in Australia dopo le costose disavventure dei Collins, acquistati dalla TKMS poi rilevati dalla SAAB (e dal governo svedese), rapporti esecrabili con la TKMS, gran parte dei le attrezzature provengono da Safran, Jeumont, Thales, IX blue/Exail, Saft..niente più contratti di esportazione..l'anello debole
        TKMS è stato appena acquistato (15 giorni fa!) dal fondo americano Carlyle, perché Thyssen non sta andando bene, quindi TKMS deve “agitarsi”. L'argomentazione legale, se questo è vero, è debole " SM?
        Per quanto riguarda i sussidi...tra Saab salvati dal governo. Svedesi e TKMS rilevano i cantieri di Wismar (Ex DDR) per mantenere posti di lavoro nell'Est... (senza aiuti ovviamente) non è affatto sicuro, ma non è affatto, che NG sia il più "sovvenzionato". caso di “poker bugiardo” stile Bruxelles!

        La quota di mercato di TKMS sta diminuendo rispetto a NG nei paesi in cui lo Scorpène sostituisce effettivamente il 209 (India, Brasile, Cile, Indonesia, ecc.). Il contratto NL, addirittura riassegnato politicamente a SAAB / Damen, è molto duro colpo. Nel 1943/44 i tedeschi “inventarono il moderno SM del XNUMX° secolo”... conservatorismo? testardaggine tecnologica? Ascoltare i clienti.?...
        Il risultato è lì

        • Assolutamente d'accordo con te. E se/quando la Blacksword dovesse affermarsi, la situazione per questi due cantieri navali potrebbe diventare insostenibile.
          Alla fine il governo tedesco non ha preso una partecipazione di blocco in TKMS? Si trattava di quello come avevano fatto con Hensoldt.

          • Errore da parte mia
            L'accordo non è concluso e il governo tedesco attraverso la KfW (una sorta di versione tedesca della BPI) prenderebbe un minimo del 20%, secondo la stampa ecologista. Pressioni anche dei sindacati
            Dalla fine di marzo nulla di nuovo infatti
            Il problema di un fondo è che per definizione deve “uscire” un giorno.. Sorprendente in un business con cicli lunghi quanto le somme.. Impegno implicito del Governo sugli ordini (e sui margini, ecc.) per mascherare un de nazionalizzazione di fatto (politicamente impossibile da vendere)?

          • Deve essere una trattativa difficile tra Pistorius e Scholz su questo argomento. B. Pistorius è oggi la figura politica con i migliori ascolti d'Oltreno e ha tutto l'interesse a proseguire il suo slancio. È anche interessante notare che il Ministero della Difesa tedesco può produrre figure politiche di spicco, sia nel Paese che in Europa.

  3. Tkms sta facendo scalpore per far credere che firmerà con l'India per la fornitura di 6 mq nell'ambito del programma p75I. Per il momento è Naval Group che è in grado di fornire, tramite un cantiere indiano, 3 scorpene per completare i 6 già costruiti. Per il voto del parlamento olandese, è a giugno.

  4. Sono originario di Cherbourg. Chi non ha il ricordo degli "operai dell'arsenale", che negli anni Sessanta risalivano in quattro in bicicletta le strade di Cherbourg alle 11 per pranzare a casa, non può avere un'idea della magnifica storia della costruzione dei sottomarini in questo porto del Cotentin, dove Napoleone volle rinnovare le meraviglie dell'Egitto, anch'esso una perla nel paesaggio della Normandia😉

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli