Quali sono i limiti dello sviluppo generazionale dei mezzi di difesa?

Durante la Guerra Fredda, la corsa agli armamenti tra i due blocchi NATO e sovietico era tale che il ritmo tecnologico era molto sostenuto. Pertanto, nella maggior parte dei casi, intercorrevano solo dai dieci ai quindici anni tra due apparecchiature per la stessa funzione. Era anche comune che diversi equipaggiamenti simili, ma basati su basi tecnologiche molto diverse, si evolvessero congiuntamente nello stesso esercito.

Questo fenomeno è stato particolarmente evidente in alcuni settori, come quello degli aerei da combattimento. Pertanto, quando il primo Mirage 2000C entrò in servizio nell'aeronautica francese nel 1984, utilizzò ancora i Mirage IIIE fino al 1988, così come i Mirage F-1C, tutti e tre dedicati alla superiorità aerea.

A partire dagli anni ’80, tuttavia, gli eserciti occidentali hanno privilegiato la scalabilità delle attrezzature per rispondere al cambiamento delle esigenze e delle tecnologie. IL Rafale, un dispositivo particolarmente scalabile, ha sperimentato, dalla sua entrata in servizio nel 2001, non meno di sei principali standard iterativi, ciascuno dei quali fornisce al dispositivo nuove funzionalità.

Tuttavia, mentre, sotto la pressione delle tensioni internazionali e dei crescenti rischi di conflitto, il ritmo tecnologico della difesa è cresciuto di nuovo negli ultimi anni, questo modello basato su un unico equipaggiamento che può essere aggiornato per generazione, non sta raggiungendo oggi i suoi limiti?

Lo sviluppo generazionale dei mezzi di difesa ha preso piede in Occidente a partire dagli anni ’80.

La dottrina che mira a scommettere sulla scalabilità e sulla versatilità dei mezzi di difesa, piuttosto che sugli sviluppi successivi all’interno della stessa generazione, non è priva di interessi.

CV-41 USS a metà strada
CV-41 USS Midway e la sua Carrier Air Wing

Permette, infatti, di semplificare notevolmente gli aspetti logistici e manutentivi all'interno delle Forze Armate, nonché quelli formativi del personale che utilizza tali mezzi, o che li mantiene in condizioni operative.

Così, alla fine degli anni '60, le portaerei americane furono spesso implementate 5 o 6 diversi modelli di aerei da combattimento (F-4, F-8, A-4/7, A-5, A-6), da 8 a 10 aerei logistici (C-2), di sicurezza aerea (S-2/3) ed elicotteri. Per ognuno di essi erano necessarie squadre dedicate, ma anche attrezzature proprie per la manutenzione e persino armi specifiche.

Oggi, una super portaerei di classe Nimitz utilizza solo due famiglie di aerei da combattimento, il Super-Hornet e il Growler, la sua versione per la guerra elettronica, da un lato, e l'Hornet o F-35C, dall'altro. Oltre a questi due modelli di caccia, c'è l'E-2D Hawkeye per la sorveglianza aerea avanzata, il Sea Hawk per le missioni Pedro e talvolta uno o due C-2 Greyhound logistici. In questo modo l’efficienza della portaerei aumenta, mentre l’intera catena logistica viene notevolmente semplificata.

Tuttavia, questo approccio non è stato fatto senza alcune rinunce, che gli eserciti, così come gli industriali, hanno cominciato a realizzare negli ultimi anni, e che spesso si rivelano molto ostacolanti, soprattutto mentre il ritmo tecnologico dei mezzi di difesa tende ad accelerare considerevolmente.

Char Leclerc: Attrattività commerciale non adattativa alla domanda

Il primo rischio, inerente a questo modello, è caratterizzato dall'esempio del carro armato Leclerc. Progettato alla fine degli anni '80, il carro armato francese è entrato in servizio nel 1993. Sebbene abbia avuto molto successo dal punto di vista tecnologico e industriale, ha sofferto per l'arrivo in un mercato in caduta libera dopo il crollo del blocco sovietico.

Leclerc Emirati Arabi Uniti
I carri armati Leclerc negli Emirati Arabi Uniti.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Articolo in due parti. La seconda parte sarà pubblicata il 7 maggio 2024.

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli