Gli eserciti francesi dovrebbero specializzarsi di fronte all’evoluzione internazionale delle minacce?

Se le autorità francesi amano presentare i loro eserciti come "il primo esercito d'Europa", molti spiegano che se sono, in realtà, gli unici, all'interno dell'Unione Europea, ad avere tutte le competenze necessarie per condurre impegni moderni, non hanno, il più delle volte, sacrificato la massa per raggiungere questo obiettivo.

Infatti, la capacità di questi eserciti “campione” di sostenere, nel tempo, un impegno ad alta intensità contro un avversario simmetrico, come la Russia, anche in coalizione, è messa in discussione da alcuni specialisti in materia, non senza argomentazioni.

Mentre voci convergenti spingono per un ulteriore aumento dello sforzo di difesa europeo al 3% del PIL, possiamo mettere in dubbio l’importanza, per la Francia, e per la sicurezza europea, di mantenere questo formato di esercito globale, a fronte di una struttura più specializzata per garantirlo la sicurezza del Paese, servendo, nella migliore delle ipotesi, alla tutela della pace e degli interessi francesi in Europa e nelle sue aree strategiche?

L’esercito francese globale, un modello ereditato dalla Guerra Fredda

Il modello globale dell’esercito francese, utilizzato oggi, è ereditato dagli sviluppi politici, tecnologici e internazionali durante la Guerra Fredda. Dopo l’intervento franco-britannico a Suez nel 1956, e le minacce sovietiche e americane, di respingere Parigi e Londra, le autorità francesi acquisirono la certezza che fosse necessario, per avere una reale autonomia strategica, dotarsi di tutti i mezzi necessari per portare avanti questa politica, in particolare militare.

Dovremmo specializzare gli eserciti francesi o mantenere il formato dell’esercito globale?
Dovremmo specializzare gli eserciti francesi o mantenere il formato dell’esercito globale?

Questa dottrina è stata suddivisa in due parti. In primo luogo, la Francia si doterà di un deterrente nucleare completamente autonomo, a differenza della Gran Bretagna che, al contrario, ha deciso di avvicinarsi il più possibile a Washington per difendere i propri interessi.

Allora, la Francia si doterebbe di un esercito, ma anche di un’industria della difesa, autonoma e completa, che le permetterebbe di agire su tutto lo spettro convenzionale, ancora una volta, in perfetta autonomia, contando in particolare su un imponente esercito di coscrizione, supervisionato da un potente corpo di soldati professionisti attivi.

Pur avendo rinunciato alla leva obbligatoria nel 1996, la Francia ha mantenuto, dopo la Guerra Fredda, l’ambizione di un esercito e di un’industria della difesa globale. Tuttavia, di fronte al calo delle tensioni internazionali, alla professionalizzazione delle forze e ai famosi “benefici della pace”, che hanno ostacolato i crediti europei per la difesa per più di vent’anni, questo obiettivo poteva essere raggiunto solo a scapito delle masse.

Così, oggi, se gli eserciti francesi dispongono (quasi) di tutte le capacità operative che compongono un esercito globale, queste sono, molto spesso, di volume molto limitato, con 200 carri armati pesanti, 120 tubi di artiglieria, una sola portaerei o addirittura 220 aerei da combattimento.

Un contesto strategico radicalmente diverso dagli anni della Guerra Fredda

Se il modello dell’Esercito Globale francese è durato oltre la Guerra Fredda, il contesto strategico che si impone oggi in Europa, e nel mondo, è molto diverso da quello di allora.

Esercito sovietico nella Germania dell'Est
Negli anni ’30 il Patto di Varsavia schierava più di 000 carri armati e 4 milioni di uomini lungo i confini europei.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Tensioni NATO vs Russia | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

13 Commenti

  1. Pensiero interessante, ma non manca la controparte? Se si potessero rafforzare alcune sezioni e missioni degli eserciti tenendo presente questa specializzazione, quali dovranno essere ridotte o addirittura abbandonate? (E il futuro del carro armato da battaglia in questa configurazione?)

    • Questo è ciò che implica la sezione sull'Esercito. L'idea è di dire che avere una forza di battaglia con due brigate meccanizzate non costituisce uno sfruttamento efficace e rilevante delle specificità francesi, comprese quelle del suo esercito di terra, soprattutto perché altri eserciti alleati lo fanno molto bene, che sono più avanti di noi di fronte La Russia, e a parte la Russia, non vedo dove potremmo aver bisogno di carri armati...

      • La logica è valida, a meno che non inizi a sparare. In questo caso si avrebbe una colossale distorsione degli sforzi. In decodificazione, noi francesi possiamo farlo perché è meglio per noi. Ma forse non saremo ascoltati eccessivamente e il contributo che potremo dare in questa alleanza di interessi forse non sarà valutato allo stesso modo dai nostri vicini.
        Penso che il tuo punto abbia senso. Tuttavia, non sono sicuro che sarà ben accolto dai nostri vicini finlandesi o baltici.
        Inoltre, se è utile avere fabbriche lontane dal fronte, non sono sicuro che i nostri vicini europei accettino che le fabbriche di carri armati siano in Francia. Nessun dolore nessun guadagno. Infine, se prendiamo i piccoli paesi che hanno paura dell'orso russo, dire a questi paesi che li proteggeremo con l'energia nucleare e con i cacciabombardieri non sembra affatto serio. Dire loro che la Polonia li proteggerà non è molto più credibile, anche se in parte lo è. Al corpo da battaglia russo dobbiamo opporre un corpo da battaglia europeo, del quale almeno faremo parte con alcune unità pesanti. E questa forza di battaglia deve essere uguale in potenza di fuoco. Basta scherzi.

        • Perchè uno sforzo di distorsione. Se invece di dedicarne 60 Rafale sul fronte orientale, la Francia impiega 120 o 180 persone, questo sarà uno sforzo altrettanto delicato, probabilmente anche più sensibile di quello di due brigate pesanti che non riescono a rigenerare le loro perdite, giusto? Inoltre, non si tratta di ritirare le truppe di terra, ma di sfruttare ciò che le unità francesi sanno fare meglio, GTIA molto mobili, autonome, capaci di agire dove necessario, con tempi brevi ed effetti moltiplicati. Nello spirito, ciò equivale a creare un nuovo livello intermedio a livello di reggimento (GTIA), tra le unità di linea e le forze speciali.

          • Ciò che mi preoccupa non è il costo di bilancio. Questo è il numero dei morti. Se una certa categoria di europei percepisce che corre più rischi fisici di altre, il blocco si smonta. Questo è il caso tra i residenti delle grandi città russe e i residenti della Siberia o di altre regioni remote che pagano il prezzo più alto.
            Successivamente generalmente si definisce un ordine di battaglia iniziale, poi il conflitto segue una propria dinamica e l'ordine di battaglia iniziale diventa presto un vecchio ricordo.

          • Non falso. In ogni caso, dovremmo sicuramente sederci attorno ad un tavolo con i polacchi, i paesi baltici, gli scandinavi e i rumeni, per chiedere loro quale sia secondo loro la cosa più utile. In ogni caso non sarebbe certo male chiedere.

  2. Questo business sta andando nella giusta direzione. Penso che se tornassimo ad una flotta di 300 aerei da combattimento più droni, 2 SSBN in più, un’artiglieria un po’ più seria e pattuglie navali adeguatamente coordinate con inglesi, spagnoli e italiani, il tutto sarebbe interessante. Detto questo, tedeschi, polacchi, rumeni o scandinavi non dovrebbero percepirlo come un abbandono. Altrimenti...non funzionerà. Quando in un'alleanza uno dei partner non è pronto a pagare il prezzo del sangue al momento della prova, la situazione diventa immediatamente molto più complicata. Saranno necessari meccanismi di consolidamento.

    • Il ritorno a 6 SSBN, per quanto attraente possa essere questa opzione, non può essere fatto con uno schiocco di dita. Al di là dei tempi di costruzione e disponibilità degli edifici legati alle nostre capacità industriali, ciò comporterà la formazione di 4 equipaggi di cui la marina non dispone del primo uomo. Un simile aumento di potere richiederà, nella migliore delle ipotesi, circa 10 anni per essere efficace.
      Lo stesso vale per l’aeronautica militare che dispone di un numero di piloti addestrati e di infrastrutture adeguate.
      Per quanto riguarda la flotta di superficie, all'ordine del giorno c'è anche il problema ricorrente del personale: 2 PA = 2000 marinai aggiuntivi + fregate con equipaggi aggiuntivi (x2) perché se si tratta di tornare al principio di PA1 operativa e PA2 indisponibile con trasferimento dell'equipaggio ciò non avrebbe senso in questo periodo di insicurezza e di previsione di una guerra ad alta e lunga intensità.
      Tutto ciò va bene, ma tali risultati richiederanno una transizione verso una vera economia di guerra e scelte di bilancio che non è certo che i francesi accetteranno.
      Tutto questo non è un'opinione personale ma una semplice analisi perché, secondo me, una simile ascesa al potere avrebbe dovuto iniziare molto tempo fa!

      • Direi più di 15 anni. Perché un'ipotesi del genere può essere intrapresa solo nell'ambito della SSBN 3G e i primi quattro edifici dovranno già essere costruiti.
        Sì, ciò richiede un massiccio aumento dei finanziamenti. Motivo per cui l'articolo parte dal postulato dello spostamento al 3% del Pil dello sforzo di difesa imposto dagli Stati Uniti, soffermandosi sull'aspetto: come utilizzare al meglio l'1% aggiuntivo? Si tenga presente che ciò non altera l’attuale traiettoria della LPM e l’utilizzo del 2% previsto fino ad allora. È solo nel cappello.

  3. La popolazione russa conta oggi solo 145 milioni, mentre l'Unione Sovietica ha raggiunto i 286 milioni nel 1990, più degli Stati Uniti (246 milioni), ma meno dei paesi europei della NATO (315 milioni di abitanti).
    Questo argomento è specioso: quanti europei sono pronti a morire per questa “Danzica” mafiosa che è diventata l’Ucraina? Quanti russi difenderanno la loro patria?

    • È specioso perché lo consideri solo in termini di forza militare, non di forza economica e sociale. Inoltre, finché non saremo in guerra e non saremo minacciati direttamente, è molto difficile sapere quale sarà la risposta dell’opinione pubblica a tale aggressione. Infine, dire che la maggioranza dei russi è pronta a difendere la propria patria è molto esagerato. Nella maggior parte dei casi non hanno scelta, né a causa della pressione economica né a causa della trasformazione della coscrizione obbligatoria. Focalizzi la tua attenzione sul milione di soldati reclutati o arruolati dal 2022. Dimentichi che 1,5 milioni di giovani russi hanno lasciato il Paese durante i primi 4 mesi di guerra, proprio per evitare questo rischio.

  4. Buongiorno,
    L'affermazione non mi sembra scioccante, e penso che potrei essere d'accordo, tranne che penso che non dovremmo abbandonare nulla, solo preservare senza aumentare di numero le capacità che abbiamo in modo campione. In effetti, non dovremmo commettere l’errore di eliminare qualcosa che potrebbe essere utile a lungo termine.
    Quindi, per l’Esercito, direi di mantenere il formato proiettabile di una divisione, ma rendendola una vera divisione completa con risorse reali di artiglieria, ingegneria, antiaerea, droni, guerra elettronica, ecc. Per le forze nucleari non posso essere rilevante, e per le forze aeree e marittime il progetto qui descritto mi sembra buono

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli