Domenica 16 giugno 2024

Londra dà priorità alla Royal Navy per rimanere la flotta leader in Europa nel 2030 e oltre

Alla fine di aprile 2024, Rishi Sunak, primo ministro britannico, ha annunciato che gli investimenti del Paese nella difesa saranno portati, entro il 2030, al 2,5% del PIL, in uno sforzo globale volto a rispondere agli sviluppi delle tensioni internazionali.

Da allora, oltre Manica si sono moltiplicati gli annunci riguardanti la riorganizzazione della programmazione militare britannica con, ad esempio, il ritorno dell'ipotesi di una flotta di 138 F-35 eventualmente all'interno della Royal Air Force.

È però la Royal Navy ad essere oggetto delle maggiori attenzioni di Londra, con l'ovvio obiettivo di fare della Marina britannica la più potente flotta europea, nonché un attore di primo piano sulla scena internazionale, anche nel Pacifico.

pubblicità

La Royal Navy, priorità dell'esecutivo britannico, sullo sfondo dell'alleanza AUKUS

Così, negli ultimi mesi, sono stati lanciati, o annunciati, diversi programmi chiave per la trasformazione della Royal Navy, sia che si tratti del rinnovo della flotta logistica con il programma FSS, sia del rinnovo della flotta d'assalto anfibia con il programma MRSS .

Gli sforzi compiuti da Londra in questo settore contrastano con quelli che verranno compiuti per l'ammodernamento dell'esercito britannico, più che mai parente povero degli eserciti britannici, mentre la Royal Air Force aveva già intrapreso diversi programmi strutturanti, come il acquisizione dell'E-7 Wedgetail, del P-8A Poseidon o del recente ordine per 14 nuovi CH-47 ER Chinook.

P-8A dell'aeronautica reale
P-8A della Royal Air Force

Tuttavia, questi sforzi impallidiscono in confronto alle 18 nuove fregate, ai sei cacciatorpediniere, alle sei grandi navi d’assalto, alle tre grandi navi logistiche, nonché ai sette sottomarini d’attacco nucleari e ai quattro sottomarini con missili balistici a propulsione nucleare, che sono, o saranno presto, , ordinato dalla Royal Navy ai cantieri navali britannici.

pubblicità

Così, dopo aver ammesso in servizio, negli ultimi 10 anni, solo 2 SSN della classe Astute, 5 OPV della classe River e le sue due portaerei della classe Queen Elizabeth, si prepara a ricevere, entro il 2034, tredici Type 026 e Type 031 fregate, gli ultimi due SSN di classe Astute, tre nuove navi logistiche, parte dei sei nuovi LPD d'assalto anfibio del programma MRSS nonché il primo degli SSBN di classe Dreadnought.

E non si fermerà in quel momento, poiché nei prossimi 10 anni riceverà gli ultimi 3 SSBN della classe Dreadnought, 5 nuove fregate Type 32, i restanti MRSS, nonché due o tre dei primi SSN della classe SSN-AUKUS e i primi cacciatorpediniere Type 83, che sostituiranno i più vecchi Type 45.

Oltre all'ampliamento della flotta stessa, la Royal Navy riceverà nei prossimi anni anche nuovi sistemi avanzati, che vanno dal laser anti-drone DragonFire, ai vari droni destinati a bordo delle sue due portaerei, passando per nuovi missili, compresi quelli da crociera e ipersonici.

La flotta della Royal Navy è in rapida ricostruzione ed espansione

In effetti, i recenti annunci di Londra delineano uno sforzo di modernizzazione senza precedenti, dalla fine della Guerra Fredda, per fare, o meglio rifare, la Royal Navy, la forza navale più potente d’Europa, e la Gran Bretagna, una potenza marittima che cederà, in pratica, agli Stati Uniti e alla Cina solo in termini di flotta di superficie e proiezione di potenza.

Le due portaerei classe Queen Elizabeth come perni della potenza navale britannica

Le due portaerei britanniche, la HMS Queen Elizabeth, entrata in servizio nel 2017, e la HMS Prince of Walles, nel 2019, saranno, ovviamente, i perni centrali di questa rinnovata potenza navale.

portaerei HMS Queen Elizabeth
Portaerei HMS Queen Elizabeth

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Forze Navali | Analisi della difesa | Bilanci delle Forze Armate e sforzi di difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

Ultimi articoli