M1E3, OMFV, FLRAA... L'esercito americano all'alba di un nuovo BIG 5

Convinto della propria superiorità tecnologica e militare dopo la fine della Guerra Fredda e della Guerra del Golfo, l'esercito americano non ha lanciato alcun programma importante, riguardante il rinnovamento della sua flotta di equipaggiamenti ad alta intensità, dai famosi BIG 5 degli anni '70.

Il fatto è che ancora oggi sono gli Abrams, Bradley, Black Hawk, Apache e Patriot a formare la punta di diamante delle brigate meccanizzate e aeromobili americane, tutti gli equipaggiamenti sono stati progettati per questo superprogramma.

Con l’aumento delle tensioni nel Pacifico e sulla base del feedback dell’Ucraina, l’esercito americano ha intrapreso un profondo cambiamento, sia in termini di aspettative di modernizzazione e sostituzione delle proprie attrezzature, sia in termini di dottrina che supervisiona la gestione di questi programmi.

Senza che sia così chiamato, possiamo vedere chiaramente che un nuovo programma super BIG 5 sta ora prendendo forma, Con il carro armato M1E3, il veicolo da combattimento di fanteria XM30 del programma OMFV, l'elicottero da manovra V-280 Valor del programma FLRAA, la cancellazione e la sostituzione del super cannone XM1299 ERCA e il dispiegamento della difesa aerea multistrato con l'M-SHORAD e Programmi IFPC-2. La domanda è: basterà restituire agli eserciti statunitensi il dominio tecnologico e militare che intendono riconquistare?

Il programma BIG 5 dell'esercito americano alla fine della guerra del Vietnam

Alla fine della guerra del Vietnam, all’inizio degli anni ’70, l’esercito americano si rese conto del divario che lo separava dagli eserciti sovietici. Infatti, quando ha concentrato le sue risorse e i suoi investimenti per questa guerra a metà tra l’alta intensità e l’anti-insurrezione, Mosca ha profondamente modernizzato le sue forze, con l’arrivo di numerosi nuovi equipaggiamenti ritenuti più efficaci di quelli in servizio negli Stati Uniti come il carro armato da battaglia T-72, il veicolo da combattimento della fanteria BMP-1, i sistemi antiaerei SA-6 e S-200 e gli elicotteri Mi-8 e Mi-24.

T-72M1
L'arrivo del T-72 (qui un T72M1) rappresentò uno shock per l'esercito occidentale, portando alla progettazione di due carri armati pesanti emblematici della fine della Guerra Fredda: il Leopard 2 tedeschi e l'americano M1 Abrams.

Per rispondere a questa sfida, l’esercito americano si è impegnato a progettare una nuova generazione di equipaggiamenti per riconquistare il vantaggio tecnologico e operativo rispetto agli equipaggiamenti e alle forze russe.

È così che è nato il superprogramma BIG 5, che ha dato vita a cinque degli equipaggiamenti militari più emblematici della potenza militare americana dal 1980 ad oggi, con il carro armato M1 Abrams, il veicolo da combattimento di fanteria M2 Bradley, il carro armato a lungo raggio Patriot sistema antiaereo e gli elicotteri UH-60 Black Hawk e AH-64 Apache, entrati in servizio tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80.

Lo stesso è stato, del resto, per l'aeronautica americana, con la progettazione dell'F-15 Eagle e dell'F-16 Fighting Falcon, e per la marina americana con le portaerei nucleari di classe Nimitz, i sottomarini di attacco nucleare di classe Los Angeles marinai, gli incrociatori Ticonderoga, i cacciatorpediniere Arleigh Burke e le fregate OH Perry, nonché i caccia di bordo F-14 Tomcat e poi F/A-18 Hornet.

Questi programmi furono così efficaci che continuano, quarant’anni dopo, a rappresentare la spina dorsale della potenza militare americana, sulla terra e nell’aria, così come sopra e sotto gli oceani.

Queste notevoli prestazioni, ma anche gli impegni americani in Iraq e in Afghanistan, hanno portato a una dottrina delle attrezzature che privilegia, da un lato, grandi scoperte tecnologiche, molto raramente riuscite altrove, e, dall’altro, sviluppi iterativi delle attrezzature esistenti, per garantire l’efficienza provvisorio, in attesa di questi nuovi programmi che non sono arrivati.

Lo shock della guerra in Ucraina e la previsione di un conflitto nel Pacifico plasmano la nuova dottrina dell’esercito americano

Infatti, al termine di questi due conflitti, gli eserciti americani, e più in particolare l’esercito americano, il più coinvolto, si trovarono in una situazione che ricordava quella che fu la loro, all’inizio degli anni 70, dopo la firma degli accordi di Parigi.

M1 Abrams dell'esercito americano Germania Guerra Fredda
Uno dei primi M1 Abrams schierati in Germania all'inizio degli anni '80, il carro armato pesava allora solo 54 tonnellate, rispetto alle 66 di oggi.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Stati Uniti | Artiglieria | Carri armati MBT

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE