Con l' Leopard 2AX, la Germania studia un carro armato provvisorio e un potenziale Piano B nel programma MGCS

Poco più di un anno fa, nell’aprile 2023, lo specialista tedesco di veicoli corazzati Krauss-Maffei Wegmann colse di sorpresa l’intero settore della difesa europea. rivelando il nuovo Leopard 2A8. Derivato da Leopard 2A7HUN, progettato per gli eserciti ungheresi, il nuovo carro armato integrava nuove funzionalità molto attese sul mercato, incluso il sistema APS Trophy israeliano, in modo nativo.

Il successo non tardò ad arrivare. Oltre ai 18 esemplari ordinati dalla Bundeswehr, per sostituire il Leopard 2A6 inviato in Ucraina, Norvegia, poi Repubblica Ceca e infine Italia, hanno optato, tra pochi mesi, per questo modello.

Questo successo ha inflitto, di passaggio, un formidabile affronto a Rheinmetall, che aveva cercato, fin dall'Eurosatory 2022, di promuovere il suo KF51 Panther con la Bundeswehr e gli eserciti europei. Per quanto riguarda il dimostratore KNDS E-MBT, sembrava sempre più relegato al rango di curiosità espositive, né la Francia né la Germania avevano mostrato alcun interesse nei suoi confronti.

In concomitanza con l'arrivo di Leopard 2A8, KNDS Germania ha menzionato lo sviluppo di una versione finale, la Leopard 2AX, più moderno e compiuto, del suo carro armato. Questo programma era avvolto da un'aura di mistero, sia l'industriale che la Bundeswehr erano particolarmente poco comunicativi al riguardo.

Mentre qualche settimana fa francesi e tedeschi comunicavano sui progressi compiuti per rilanciare efficacemente il programma MGCS, questa Leopard La Nouvelle Génération sembrava dover svanire di fronte al rinnovato programma franco-tedesco.

Non è così. Al contrario, poiché il suo sviluppo è portato avanti attivamente dall’industria della difesa tedesca, su richiesta della Bundeswehr, per progettare un carro armato da battaglia provvisorio tra il Leopard 2A8 e l'MGCS, militarmente e commercialmente, ma anche avere un piano B in caso di fallimento del carro armato franco-tedesco, o anche un modo per affrontare la Francia con fatti compiuti, negli arbitrati che restano da condurre, in materia quest'ultimo.

La Bundeswehr ha avviato una fase di ricerca e sviluppo per un carro armato provvisorio Leopard 2A8 e il programma MGCS

Qualche settimana fa, il sito tedesco hardpunkt.de, sempre ben informato, ha pubblicato un articolo su questo programma, portato avanti con grande discrezione dall'industria tedesca della difesa terrestre e dalla Bundeswehr, a proposito di un'evoluzione del Leopard 2, destinato a fornire un provvedimento provvisorio a partire dal 2030, in attesa dell'entrata in servizio del MGCS.

Leopard 2AX derivato da Leopard 2 A7HU KND
Le Leopard 2A8 è un'evoluzione di Leopard 2A7HUN progettato per gli eserciti ungheresi. Da notare i radar a piastra del sistema APS hard-kill Trophy

Sembra infatti, in questo articolo, che l'industria della difesa, come gli eserciti tedeschi, scommettono sull'entrata in servizio del nuovo carro armato franco-tedesco entro 20-25 anni, cioè tra il 2045 e il 2050.

Se si Leopard 2A8 costituisce una risposta “urgente” alle esigenze degli eserciti tedeschi e alleati, per un’evoluzione del Leopard 2 dotato di alcune nuove caratteristiche, il prossimo serbatoio provvisorio, la cui fase iniziale di progettazione si concluderà quindi nel 2026, dovrà fornire una risposta più matura, integrata e sostenibile a queste nuove esigenze.

Così, come l'americano M1E3 Abrams, questa ultima evoluzione di Leopard, sembra muoversi verso la progettazione di un carro armato veramente nuovo, come lo era il Leopard 2 di fronte al Leopard 1 in precedenza.

Ciò vedrà, secondo il sito tedesco, la maggior parte dei suoi componenti profondamente modificati, compresa la struttura, il propulsore e perfino l'armamento. Sembra infatti che sarà equipaggiato con il nuovo cannone da 130 mm della Rheinmetall che equipaggia il KF51 Panther, proprio quello che fu all'origine di numerose tensioni tra Nexter e Rheinmetall, nell'ambito del programma MGCS.

KF51 Panther Rheinmetall
Il KF-51 Panther dal Rheinmetall non troverà la strada per i battaglioni di carri armati della Bundeswehr. Ma molti dei suoi componenti chiave, come il cannone da 130 mm, potrebbero farlo attraverso il Leopard 2AX.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 carri armati da battaglia MBT | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

4 Commenti

  1. Buon articolo, anche se secondo me un po' pessimista su alcuni punti.
    Naturalmente la Rheinmetall potrebbe tentare di imporre uno standard con il 130 mm, ma saranno gli USA ad avere l'ultima parola. Dobbiamo vedere quale arma gli americani punteranno sui loro futuri Abrams. Perché, visto il numero di carri armati che vendono, saranno loro a stabilire lo standard.

    Altro punto, da decenni si sente dire che la Francia potrebbe perdere parte delle sue forze corazzate e tutta la sua industria di difesa terrestre. Finora siamo stati principalmente allarmisti. Spetta anche ai produttori stare al passo con il mercato, cosa che secondo me nexter e arquus hanno sempre avuto molte difficoltà a costruire esclusivamente su specifiche francesi senza prestare molta attenzione alle esigenze degli altri eserciti.

    • Pienamente d'accordo con lo standard delle armi NATO, alla fine sarà una decisione degli Stati Uniti. Per quanto riguarda il carro armato intermedio prima dell'ipotetico arrivo dell'MGCS, il governo deve muoversi e ordinare immediatamente un dimostratore LECLERC NG, Nexter a immagine di Dassault dovrebbe anche prendere la sua autonomia, allontanarsi dal passato di GIAT Industries, semplice fabbrica di armi del esercito francese. Perché faremo lo stesso errore del Leclerc che arrivò su un mercato che si era appena attrezzato con il Leopard e l'Abrams quindi niente cessioni, mai lasciare allo Stato il ruolo del venditore.

  2. Se “governare è pianificare”, il minimo che possiamo dire è che i governi successivi, in termini di forze corazzate, hanno governato poco.

    Ciò che sorprende è che il dibattito sia stato alimentato da un certo numero di commentatori competenti e preoccupati dell'interesse nazionale senza che ciò provocasse reazioni da parte dei poteri politici successivi o della tecnostruttura specializzata: la DGA o lo stato maggiore.

    Allora perché questa cecità e questa persistenza nella negazione e nell’inerzia?

    Ciò che è ancora più sorprendente è che l'industria nazionale sia rimasta su un successo tecnico: la Leclerc.

    Allora perché ci troviamo in questa situazione?

    Vedo due ragioni:

    Innanzitutto una cecità ideologica filoeuropea e filotedesca che porta alla negazione della realtà e dei fatti, in questo caso l'abbandono da parte dei recenti governi tedeschi di un reale desiderio di cooperazione con la Francia a favore di una ricerca di "egemonia - non c'è ne sono alcuni esempi gli articoli di questo sito - seguiti dall'atteggiamento smidollato dei politici francesi di fronte ai rifiuti e alle umiliazioni inflitte dalla Germania

    Dall’altro, una sottomissione altrettanto cieca ai criteri economici.

    Naturalmente i soldi scarseggiano e dobbiamo cercare di ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo, ma non sono i criteri finanziari a decidere la dimensione dello strumento militare nazionale.

    Gli Stati sono stati creati per garantire la difesa e la protezione, esterna e interna, delle comunità umane che desiderano garantire la propria sopravvivenza in un mondo pericoloso.
    La ragion d'essere dello Stato è la Difesa Nazionale, non i sussidi alle associazioni o le prestazioni sociali.

    Il 3%, il 4% del bilancio nazionale per garantirne la sopravvivenza è una cifra molto bassa, soprattutto nel medio termine.

    Dobbiamo rinunciare all'economicismo cieco e vano e rapportare il costo complessivo di un programma nazionale di carri armati alla spesa pubblica annuale complessiva, in questo caso dello Stato, degli enti locali e del settore ospedaliero pubblico.

    Non dobbiamo dimenticare le lezioni della storia in un paese che ha recentemente vissuto Sedan, le grandi offensive di Nivelle, la linea Maginot e Dien molto altro ecc.

    È tempo di fare un po' più di storia e meno di economia e finanza.

    La lettura delle relazioni annuali della Corte dei conti suggerisce che molti politici ed enarca si sentiranno sicuramente più a loro agio in questo settore, che avrà anche il merito di acuire il loro ottuso senso della realtà

    • Penso che sia una questione di priorità. Non siamo in prima linea.
      I budget vanno quindi agli aerei da combattimento, alla marina, ai trasporti, al cyber e allo spazio. Tutto questo è senza dubbio frustrante per i ciclisti, ma siamo in una configurazione multi-paese. I polacchi devono assolutamente lavorare sui carri armati, perché per resistere hanno bisogno di 6 divisioni corazzate.
      Non possiamo inviare permanentemente 1 DB in Polonia, è troppo costoso. D’altra parte, possiamo mobilitare 2 aerei da combattimento sulla Polonia in 60 ore. Questo è il tipo di garanzia che piace alla gente.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE