Con un budget di 90 miliardi di euro nel 2024, gli eserciti tedeschi si avviano verso una posizione dominante in Europa

A partire dal riarmo tedesco, autorizzato dalla firma degli accordi di Londra e Parigi nel maggio 1955, la Repubblica Federale di Germania e la Francia hanno sempre assicurato l’equilibrio delle spese per la difesa, in modo da contenere il rinascere di sfiducia tra i due paesi che portò a diversi conflitti in i secoli XIX e XX.

Anche dopo la riunificazione e il decollo dell’economia tedesca con l’arrivo di 16 milioni di tedeschi dell’est, Berlino e Parigi continuarono a rispettare questa regola tacita, soprattutto perché i due paesi condividevano la stessa percezione dei benefici della pace.

Questo equilibrio è durato fino al 2019. Da allora, nonostante l’aumento degli investimenti in Francia, il bilancio degli eserciti tedeschi è cresciuto due volte più rapidamente di quello degli eserciti francesi, fino a raggiungere, nel 2024, un totale di investimenti di 90,6 euro. miliardi di euro, pensioni incluse, rispetto ai soli 59,6 miliardi di euro dell’altra sponda del Reno.

Questo squilibrio sarà ciclico, legato alla Zeitenwende di Olaf Scholz, oppure si svilupperà nel tempo, per diventare strutturale, e ridisegnare profondamente gli equilibri militari in Europa, in particolare a scapito della Francia?

Il bilancio degli eserciti tedeschi è aumentato del 55% in due anni

Se gli eserciti francesi seguissero una progressione relativamente lineare da 44,2 miliardi di euro nel 2019 a 59,6 miliardi di euro nel 2024, quella seguita dagli eserciti tedeschi, fu molto più caotica.

Eurofighter della Luftwaffe Typhoon
La Luftwaffe riceverà 20 Eurofighter Typhoon inoltre, ordinato nell’ambito dello Zeitenwende sul budget 2024, e sta preparando l’acquisizione di una decina di altri F-35A, nel 2025.

Pertanto, nel 2019, Berlino ha stanziato 46,9 miliardi di euro per finanziare la Bundeswehr. Questo importo è aumentato di 5 miliardi di euro nel 2020, poi di solo 1 miliardo di euro nel 2021, al culmine delle conseguenze della crisi Covid, prima di aumentare nuovamente di 4 miliardi di euro nel 2022.

Con l'inizio della guerra in Ucraina e l'inizio della Zeitenwende di Olaf Scholz, lo sforzo di difesa tedesco ha registrato una progressione fulminea, raggiungendo i 67,8 miliardi di euro nel 2023 (+ 8,7 miliardi di euro), quindi i 90,6 miliardi di euro nel 2024 (+ 22,8 miliardi di euro). , con un incremento del 55,4%, e 31,5 miliardi di euro in soli due anni.

Rispetto al PIL nominale, la spesa per la difesa tedesca, comprese le pensioni, è aumentata dall’1,35% del PIL nel 2019 al 2,12% nel 2024. Nello stesso periodo, lo sforzo di difesa francese è aumentato dall’1,81% al 2,05%, con un aumento di +0,25 % PIL per la Francia, rispetto a +0.77% PIL per la Germania.

Una finta progressione dovuta ai 100 miliardi di euro dello Zeitenwende

Il divario che si è ampliato tra gli investimenti francesi e tedeschi nella difesa riguarda tutte le categorie di investimenti, sia nel personale, nella formazione o nelle infrastrutture. Tuttavia, è senza dubbio il divario relativo agli acquisti di attrezzature che risulta essere il più spettacolare.

Eserciti tedeschi Bundeswehr
Di fronte alla necessità di un ampliamento della struttura e alla crisi delle vocazioni all'interno degli eserciti, la Bundeswehr potrebbe ricorrere alla leva selettiva ispirata al modello scandinavo.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Germania | Notizie sulla difesa | Bilanci delle Forze Armate e sforzi di difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

2 Commenti

  1. E perché la Francia dovrebbe fare lo stesso sforzo della Germania? Nel caso in cui la Germania diventasse nuovamente una minaccia?

    Questo significa ignorare la differenza fondamentale: la Francia ha armi nucleari.

    A parte stupidi problemi di ego, non ne vedo il punto.

    La Germania è una potenza continentale regionale e la Francia è soprattutto una potenza marittima presente su tutta la superficie del Globo.

    Gli interessi vitali della Francia non sono certamente nei paesi baltici, in Polonia o in Ucraina.

    Se la Germania ha bisogno di un potente esercito di terra in grado di schierarsi nelle pianure orientali, la Francia ha soprattutto bisogno di una potente marina in grado di garantire in sicurezza la proiezione e lo spiegamento di un corpo di spedizione nel caso in cui un paese arrivasse all'idea di attaccare Martinica, Guadalupa, Guyana , Riunione, Nuova Caledonia o Polinesia.

  2. Infatti, la Germania con gli alleati della NATO deve controllare il Baltico, il Nord Atlantico e il Mar Nero oltre alle pianure orientali. Ma la Francia non può esimersi dal partecipare, anche in misura minore, alla difesa del territorio dell’Est, nei limiti dei suoi bilanci.
    Ha una posizione di seconda o addirittura terza cortina rispetto all’Ucraina, ma questo conflitto è senza dubbio nostro.
    La natura leggera di molte delle nostre unità va valorizzata e utilizzata sui fianchi o in teatri lontani che (purtroppo) non mancheranno di apparire! Non abbiamo carri armati per equipaggiarli comunque..
    Dobbiamo tenere presente che la solidarietà ha due significati, il che significa che un giorno i problemi non verranno più affrontati! Solo un’Europa vittoriosa potrà scoraggiare i futuri concorrenti.
    È il ritorno della Storia.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE