Lockheed e Rheinmetall tentano di silurare il PULS israeliano in Germania

Negli ultimi due anni, l’industria della difesa israeliana ha compiuto importanti progressi commerciali in diversi settori, in particolare nell’artiglieria mobile. Che si tratti del lanciarazzi multiplo PULS o del cannone montato ATMOS 2000, i sistemi israeliani hanno vinto in diverse competizioni, a scapito delle attrezzature americane (HIMARS) o europee (Caesar, Archer), anche in Europa.

Se gli europei non hanno altro mezzo, per contrastare l'avanzata del cannone ATMOS 2000, che essere più efficienti e più competitivi, con l'arrivo dell'Archer 2, del Caesar Mk2 e dell'RCH-155, Lockheed Martin, da parte sua , ha una forte argomentazione per tenere a bada il lanciarazzi multiplo israeliano dal suo HIMARS.

Infatti, contrariamente a quanto annunciato da diversi mesi da Elbit Systems, Lockheed, appoggiata per l'occasione da Rheinmetall, non ha intenzione di permetterle di implementare i razzi GMLRS che equipaggiano oggi gli LRM /LRU M270 in diversi eserciti europei, soprattutto quelli che si sono rivolti alla PULS negli ultimi mesi in Europa.

L'ELBIT PULS, un lanciarazzi multiplo dalla grande versatilità e dal prezzo contenuto

Negli ultimi due anni PULS si è affermato in numerose competizioni, soprattutto in Europa. Nel gennaio 2023, la Danimarca ha annunciato che si sarebbe rivolta a questo sistema, per 8 esemplari, ma anche al cannone portato ATMOS 2000, per modernizzare la sua artiglieria, dopo aver deciso di trasferire tutti i suoi 19 nuovissimi Caesar 8x8 all'Ucraina.

atmosfera 2000 elbit
In Danimarca il cannone montato ATMOS 2000 è stato preferito al francese CAESAR. Da allora questa decisione è stata oggetto di numerose critiche e accuse di favoritismo da parte del Ministero della Difesa danese.

Due mesi dopo furono gli eserciti olandesi a confermare l'acquisizione di 20 sistemi, per poco più di 300 milioni di dollari. Questi due eserciti utilizzavano in precedenza l'M270, che era stato ritirato dal servizio per diversi anni. In entrambi i casi, l'LRM israeliano ha vinto contro l'HIMARS della LM.

da allora, La Spagna ha annunciato che si sta rivolgendo al sistema israeliano, con l'acquisizione di 16 razzi PULS e 474 razzi Accular, EXTRA e Predator Hawk, per 577 milioni di dollari. Ma probabilmente lo è La decisione della Germania di acquisire 5 sistemi israeliani, appoggiandosi al programma olandese, in sostituzione del 5 MARS II, evoluzione dell'M270, inviato in Ucraina, che sta ultimando accendere la polvere per Rheinmetall e Lockheed.

Lockheed Martin e Rheinmetall collaborano per costruire un EuroHimars

Poco più di un anno fa, infatti, anticipando le crescenti esigenze di rinnovamento della flotta di lanciarazzi multipli in Europa, le due aziende hanno unito le forze per proporre una versione europeizzata dell'M142 HIMARS, che verrebbe assemblato direttamente in Germania. Allo stesso tempo, KNDS Deutschland ha fatto lo stesso, ma questa volta, con l’israeliana Elbit, per una versione europea del suo LRM.

Lockheed M142 HIMARS
HIMARS ha dimostrato di essere uno dei sistemi più efficaci inviati dall’Occidente all’Ucraina.

Questo approccio è abbastanza comune oltre Reno, l’industria della difesa tedesca è particolarmente affezionata a questo tipo di partnership OEM, che consente di europeizzare, più di nome che di fatto, attrezzature ad alte prestazioni con un forte potenziale commerciale.

È così che Diehl e Rheinmetall hanno unito le forze con Rafael per offrire il missile anticarro SPIKE agli eserciti europei, conquistando rapidamente enormi quote di mercato in Europa, grazie all'inerzia di Euromissile e MBDA in questo settore. Più recentemente, modelli simili si sono basati sul sistema APS Trophy, ovvero sul sistema antibalistico Arrow 3, sempre israeliano, e sempre con la particella “Euro”.

Tuttavia, se LM può ammettere di aver visto Copenaghen, L’Aja e perfino Madrid rivolgersi al PULS, l’ipotesi di lasciare che la Bundeswehr si rivolga all’Elbit per un sistema cruciale come i lanciarazzi multipli, lo ha convinto a tirare fuori gli artigli e a tentare di tutto per far fallire questo riavvicinamento.

LM e Rheinmetall negano la possibilità di lanciare razzi GMLRS sul sistema israeliano PULS

Per fare ciò, le due società hanno infranto una delle promesse fatte da Elbit, riguardante la possibilità, per il suo sistema, di implementare i razzi GMLRS, che oggi armano l'M270, il MARS II e altri LRU.

Proposta GMARS della Lockheed Rheinmetall
Rappresentazione artistica del GMARS, una versione europeizzata dell'HIMARS di Rheinmetall

All'Eurosatory, il vicepresidente della Lockheed Martin per la strategia e lo sviluppo commerciale per le forze di terra, Howard Bromberg, è stato particolarmente schietto su questo argomento. » La famiglia di munizioni MLRS (della Lockheed Martin) non può essere integrata nel sistema PULS “, ha così dichiarato.

E da aggiungere, ancora più precisamente, al microfono dei giornalisti di Defensenews.com» Se la Germania optasse per il PULS, non potrebbe accedere ai nostri missili“. Questo è, ovviamente, un argomento forte, soprattutto per Berlino.

In effetti, non solo la Bundeswehr non potrebbe, in tale ipotesi, fare affidamento sulle sue scorte di razzi GMLRS per i suoi PULS, anche se transitori, ma non potrebbe rivolgersi all’industria della difesa statunitense per ricostituire le sue scorte, se necessario.

Tuttavia, come dimostrano i divieti di riesportazione dei missili SPIKE verso l’Ucraina imposti da Gerusalemme, dipendere da un paese così particolare nel suo posizionamento geopolitico come Israele per una capacità strategica come l’artiglieria a lungo raggio, rappresenterebbe certamente un rischio eccessivo -prendendo per Berlino.

Razzo GMLRS Lockheed M270
Il razzo GMLRS è il munizionamento principale dei sistemi M270 ancora in servizio

Con l'ambizione di Berlino di fare della Bundeswehr il perno centrale della difesa europea, in particolare nelle sue relazioni con gli Stati Uniti all'interno della NATO, è probabile che le argomentazioni avanzate dalla Lockheed colpiscano nel segno. Soprattutto da quando anche Rheinmetall è arrivato lì con la sua frasetta omicida, attraverso Armin Papperger.

« Altri parlano della possibilità che il lancio di qualche tipo di missile sia universale, un'affermazione il più delle volte nemmeno vera, che favorisce la frammentazione dei fondi per lo sviluppo e l'egoismo nazionale, pur non essendo affatto utilizzato sul campo di battaglia ucraino. » ha dichiarato il suo amministratore delegato, sostenendo proprio dove fa più male, cioè il divieto per Gerusalemme di trasferire attrezzature di concezione israeliana agli eserciti ucraini.

Conclusione

Come possiamo vedere, la Rheinmetall, come la LM, hanno deciso di colpire dove fa più male, per far deragliare le trattative tra Berlino e Gerusalemme sull'acquisizione del sistema PULS.

Le due società hanno lanciato l'offensiva nel momento migliore, poiché recentemente la Bundeswehr aveva riconosciuto difficoltà nelle trattative con Elbit e un possibile rinvio della consegna dei 5 sistemi, ancora non ufficialmente ordinati, alla fine dell'anno 2024.

Resta che le argomentazioni avanzate dai due industriali americani e tedeschi, se vogliono in primo luogo sostenere le loro affermazioni, evidenziano anche i pericoli di un approvvigionamento sconsiderato di importanti attrezzature militari.

K239 Chunmoo
Le riserve e i divieti avanzati da LM e RM riguardo ai razzi GMLRS si estendono certamente anche al M239 Chunmoo sudcoreano, acquisito in particolare dalla Polonia;

Infatti, che sia Israele, come la Corea del Sud, con il Chunmoo II, ad essere preso di mira anche dalle osservazioni di A. Papperger, se questi paesi possono essere attraenti in termini di prezzi o tempi di consegna, sono tuttavia radicalmente nei teatri operativi e nelle agende geopolitiche diversi dai loro clienti europei.

Cosa accadrà, allora, quando L’Aia vorrà ordinare nuovi razzi all’Elbit, di fronte alla Russia, quando la diaspora russa in Israele si opporrà? E cosa accadrebbe, nella stessa ipotesi, se Seoul fosse già impegnata contro Pyongyang? Sarà semplicemente possibile proteggere le navi che trasportano questi sistemi in caso di conflitto diffuso?

Si pone quindi la questione dell'importanza, in Europa, di rivolgersi a produttori esterni alla NATO, mentre la situazione è molto deteriorata nel vecchio continente come nel mondo, per risparmiare qualche decina di milioni di euro a fronte di attrezzature europee o americane ?

[Armelse]

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Lanciarazzi multipli | Notizie sulla difesa | Germania

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


[/ Arm_restrict_content]

Per ulteriori

Tutto

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE