Perché l'ordine di Seoul per il primo lotto di 20 KF-21 Boramae minaccia l'industria aeronautica europea?

L’industria della difesa sudcoreana si prepara a fare il grande passo ed entrare sulla scena internazionale con il caccia medio di media generazione KF-21 Boramae, così come ha fatto in precedenza per i veicoli corazzati, con il carro armato K2 e l’IFV AS21, l’artiglieria con il K9, sottomarini con il KSS-III e missili.

Il governo sudcoreano, infatti, ha appena firmato il primo ordine per 20 caccia bimotore KF-21 Boramae Block 1 per l'aeronautica sudcoreana, aprendo la strada alla commercializzazione del velivolo sulla scena internazionale.

Anche se, o forse proprio per le ragionevoli ambizioni tecnologiche di questo programma, il Boramae presenta tutte le caratteristiche di un caccia polivalente equilibrato e attraente, che potrebbe, in breve tempo, ritagliarsi importanti quote di mercato sul mercato internazionale, riproducendo i successi di Sistemi di armatura e artiglieria sudcoreani, che prevalgono regolarmente nelle competizioni contro l'equipaggiamento occidentale, in particolare quello europeo.

A 9 anni dal lancio del programma KFX, l'aeronautica sudcoreana ordina i primi 20 KF-21 Boramae Block 1

Il KF-21 Boramae si basa soprattutto su un programma portato avanti in modo particolarmente efficace dal produttore di aerei sudcoreano KAI e dall'agenzia nazionale per l'innovazione DAPA.

KF-21 Boramae biposto
Perché l'ordine di Seoul per il primo lotto di 20 KF-21 Boramae minaccia l'industria aeronautica europea? 4

In effetti, ci sono voluti solo 9 anni e 8 miliardi di dollari tra il lancio del programma KFX e... ordinando i primi dispositivi della serie 20, da consegnare nel 2025 e nel 2026. Arriva, inoltre, solo due anni dopo il primo volo del dimostratore, seguito da altri cinque prototipi, tra cui due biposto, che hanno accumulato diverse centinaia di ore di volo durante il programma di test.

Ci volle solo un anno, dal primo volo del Boramae, perché il caccia soddisfacesse una prima capacità operativa, e solo tre anni, tra il primo volo e la consegna del primo aereo di serie all'aeronautica sudcoreana.

Lungo 16,9 metri e con un'apertura alare di 11,2 metri, il Boramae ha una massa a vuoto di 11,8 tonnellate e una massa massima al decollo di 25,5 tonnellate, collocandolo nella categoria dei Rafale , Typhoon e il Super Calabrone. È alimentato da due turbogetti americani F-414-GE-400K co-sviluppati da General Electric e Hanwha Defense, assemblati in Corea del Sud, e ciascuno sviluppa 58 KN e 98 KN con postbruciatore.

Il caccia ha prestazioni eccellenti, con una velocità massima superiore a Mach 1.8 e un raggio di combattimento di 1000 km. Dispone di un'avionica moderna, con un radar AESA, un IRST e una suite per la guerra elettronica, e può trasportare numerose munizioni sotto i suoi 10 punti di attacco, tra cui Meteor, AMRAAM, IRIS-T e Sidewinder AIM-9X, il missile da crociera Taurus, l'Harpoon missili anti-nave e varie bombe guidate.

Sebbene non sia furtivo e privo di vano munizioni, il Boramae è un aereo discreto. Dovrà inoltre evolversi in futuro verso una versione più avanzata e più furtiva, con una fusione di dati e sensori estesi, per renderlo un velivolo di quinta generazione.

Un fabbisogno totale di 120 KF-21 Boramae per sostituire gli F-4 e gli F-5 sudcoreani

Il KF-21 Boramae è stato progettato da KAI e DAPA per soddisfare le esigenze di ammodernamento delle forze aeree sudcoreane, e in particolare per sostituire 80 F-5E Tiger II ancora in servizio, così come gli F-4 Phantom II, ritirati dal servizio quest'anno.

F-5 dell'aeronautica sudcoreana
Perché l'ordine di Seoul per il primo lotto di 20 KF-21 Boramae minaccia l'industria aeronautica europea? 5

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Filiera della subfornitura industriale della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

  1. Tra i Boromae, i dubbi sull’NGAD, il rilancio dei droni statunitensi ad alte prestazioni, l’arrivo dei droni jet turchi, le evidenti esigenze della Svezia e la necessità di massificare le forze aeree, abbiamo una serie di indizi interessanti. Questo potrebbe essere il momento di audacia: un drone da combattimento o un caccia leggero, adatto al SEAD. Se il drone da combattimento, pur avendo un costo operativo inferiore, è per il momento irrealizzabile, a causa della mancanza di maturità dell’intelligenza artificiale e della mancanza di ingegneri, perché non un caccia leggero?
    Se non vogliamo caccia leggeri, dovremo tornare all’idea di missili e razzi superficie-superficie con materiali di consumo più costosi e in numero maggiore per compensare la mancanza di versatilità.

  2. Certamente. Certamente.

    E se confrontassimo questo interessantissimo articolo con quelli dello stesso autore relativi, se non sbaglio, alla cooperazione tra Corea e Indonesia in materia di sottomarini di cui sembra che questi ultimi non siano molto soddisfatti? Il successo di un settore come quello dell’aeronautica militare sembra essere misurato dalla fedeltà dei clienti nel lungo periodo,
    non è questo?

    Le ambizioni dell'industria coreana sono le stesse delle "immense prospettive del riarmo tedesco": aspettiamo di vedere quale sarà la realtà al di là dei commenti sul palco o alla fine del banchetto.

    Per quanto riguarda le "enormi" risorse del bilancio tedesco, i contribuenti vorrebbero che fossero finalmente destinate al mantenimento e al rinnovamento delle infrastrutture che apparentemente versano in uno stato deplorevole... inoltre l'invecchiamento accelerato della popolazione tedesca - come degli elettori - dovrebbe probabilmente indirizzare i finanziamenti pubblici verso la cura generale di questa popolazione piuttosto che verso l’esercito, qualunque sia l’attività di lobbying del complesso militare-industriale tedesco

    Penso che molti commentatori o analisti sottovalutino sistematicamente il peso e l’influenza dei fattori demografici: sia la Germania che la Corea sono minacciate più dall’autodistruzione attraverso i bassi tassi di natalità che dai vicini bellicosi...

  3. La Corea è un paese industriale molto grande ed è chiaro che esiste una concorrenza molto seria per gli altri BITD, Fr e All in particolare e nel settore terrestre
    È troppo presto per vedere Boromae come un concorrente per il Rafale.Il suo successore tra 10 anni probabilmente/sicuramente
    I coreani hanno integrato i mattoni esistenti con 10 anni di ritardo (motore GE, sistema radar e navigazione israeliano, IRST UK/Ita, sistemi vari e variegati che rappresentano almeno più del 60% del valore. È efficiente, veloce ed economico. Niente a che vedere con un aereo interamente, armamento incluso ITAR gratuito
    La Corea del Sud è piuttosto “riservata” sul Mar Cinese Meridionale, con il paradosso di essere sotto l’ombrello degli Stati Uniti ma sotto l’influenza cinese (entroterra industriale e unico moderatore dei nordcoreani). Ciò spiega la loro assenza dal PH, il rifiuto degli indonesiani la maggior parte
    Esportare questo aereo in un contesto del genere sarà difficile. In Europa il posto è occupato da LM. Il resto è India, Sud-est asiatico e MO. Vendere un aereo americano, israeliano, UK/It da parte di un paese sotto influenza cinese sarà "difficile" inoltre i paesi solvibili e prudenti (Grecia, Golfo, Indonesia guardano gli Usa e il Padre
    Potresti anche comprare direttamente un F15 o un F35, hai anche l'ombrello, magari, chi lo sa?

    Per quanto riguarda i soldi rifiutati in Indonesia, con molte recriminazioni pubbliche e molto disprezzo da parte dei coreani, dobbiamo guardare alle realtà tecniche. Le KSSIII sono piattaforme di “second strike” come la Dolphins ISR. Esiste sicuramente un programma militare N in Corea del Sud. Niente di molto difficile per questo paese con elevata competenza N, e la comprensione non pubblica che le “alleanze eterne” sono... cosa sono nella Storia di fronte alla Corea del Nord
    I KSS III con licenza AIP (esportazione autorizzata dal TKMS? rifiutata in India...) panciuti per i missili che resteranno nel parcheggio o volteggeranno nell'acqua, una necessità abbastanza specifica. Ma potrebbero avere successori oceanici se lo fa NG non seguire la sua politica
    i coreani come i giapponesi non hanno la cultura o l’esperienza delle fab locali (India, Indonesia, Brasile, Australia…) Saranno alla mercé delle politiche di difesa dell’occupazione e dell’aumento delle competenze dell’Indo.
    Questo è anche ciò che d'ora in poi sarà la vendita del soum

    L'esercizio reale degli armamenti terrestri in Europa è il risultato di un'opportunità unica: equipaggiamenti di ottima qualità, economici e disponibili in quantità grazie allo schema identico ai missili Isr.
    Questa situazione evolverà tra 10/15 anni e conoscendo i coreani non ho dubbi

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE