Olaf Scholz si oppone alla messa in comune del debito della difesa in Europa

C'era da aspettarselo. La Germania, attraverso la voce di Olaf Scholz, ha seppellito le speranze di paesi come la Polonia, i Paesi Baltici e anche la Francia, riguardo alla loro proposta di creazione di un fondo europeo destinato all'acquisizione di attrezzature di difesa, per far fronte all'evoluzione della situazione Minaccia russa.

In una conferenza stampa al termine del Consiglio europeo, la cancelliera tedesca si è fatta portavoce dei frugali, che uniscono in particolare i Paesi Bassi, opponendosi ai fondi europei come dipendenti, in materia di difesa, al di fuori degli strumenti già esistenti per finanziare, esclusivamente , programmi industriali congiunti e ricerca e sviluppo tecnologico.

Se il rifiuto della mutualizzazione del debito è una posizione rivendicata da tempo da Olaf Scholz, e più in generale dalla Germania, non senza ragione, sembra tuttavia che qui sia in gioco un calcolo più politico che di bilancio, per Berlino che , da parte sua, ha avviato negli ultimi due anni un aumento storico dei suoi investimenti nella difesa.

Olaf Scholz rifiuta che il riarmo in Europa sia parzialmente finanziato dal debito mutualizzato

I dichiarazioni di Olaf Scholz, costituiscono una risposta unica a due iniziative recentemente annunciate. Innanzitutto, all'inizio di marzo, di Francia, Polonia ed Estonia avevano presentato congiuntamente una richiesta alla Commissione europea, in modo che la strategia europea per l'industria della difesa (EDIS) potesse essere sostenuta direttamente dai finanziamenti europei, che avrebbero consentito di finanziare, con fondi europei, alcuni programmi di attrezzature per la difesa che svolgono un ruolo strategico a livello dell'Unione europea.

confine polonia bielorusso
La Polonia e i paesi baltici hanno chiesto che le infrastrutture di difesa al confine con Russia e Bielorussia siano cofinanziate dall’UE.

Molto più recentemente, pochi giorni fa, Varsavia, insieme a Tallinn, Riga e Vilnius, ha chiesto all’Unione Europea di partecipare alla finanziamento delle infrastrutture di difesa che dovrebbero essere dispiegate da questi paesi lungo i confini russo e bielorusso, per prevenire, per quanto possibile, un'incursione o un'offensiva russa, in particolare nell'ormai noto corridoio di Suwalki che separa Kaliningrad dalla Bielorussia.

In entrambi i casi, si trattava, per questi paesi, e più in generale, per molti paesi dell’Europa orientale e meridionale, di attuare una strategia simile a quella applicata durante la crisi Covid, per assorbire congiuntamente lo shock di bilancio delle politiche di ripresa nazionali.

La risposta di Olaf Scholz, prevedibilmente, è stata un fermo e definitivo “no”. Non si tratta più, per il capo di Stato tedesco, di ricreare un debito mutualizzato per finanziare, questa volta, lo sforzo di modernizzare gli eserciti per far fronte all’evoluzione della minaccia.

Berlino scommette sulle sue capacità finanziarie per affermarsi nella difesa europea

L’opposizione tedesca, e più in generale dei paesi descritti come frugali, come l’Austria, i Paesi Bassi o i paesi scandinavi, alla creazione di un nuovo fondo di investimento europeo alimentato dal debito mutualizzato, non sorprende, in particolare quando si tratta di questioni di difesa.

Leopard 2 Forze armate federali
La Bundeswehr ha oggi pochissime capacità operative. Ma la Germania dispone di immense risorse di bilancio per imporsi in Europa.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Politica e bilanci | Notizie sulla difesa | Germania

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE