Mettendo il programma NGAD al prezzo dell'F-35A, l'USAF rivela il suo piano per salvare il caccia di sesta generazione

Solo due settimane fa, il capo di stato maggiore dell’aeronautica americana, generale Allvin, lo ha confermato il programma di caccia americano di sesta generazione dell’NGAD potrebbe essere minacciato dalle decisioni di bilancio, provocando un’onda d’urto in tutto l’ecosistema della difesa americana.

Più tardi, è stata la volta del Segretario dell'Aeronautica Militare, Frank Kendall, a fare lo stesso, quando ha suggerito che potrebbero verificarsi difficili compromessi, in un contesto di aumento dei costi di alcuni programmi strategici, come il B -21 Bombardiere Raider e missile ICBM Sentinel.

Dopo questi annunci, molte voci, sia militari che politiche, si sono levate oltre Atlantico per chiedere il mantenimento del programma NGAD, considerato essenziale per affrontare la minaccia cinese nel Pacifico, ma anche per preservare e sviluppare l’industria aeronautica americana difesa.

In un'intervista rilasciata al sito Defensenews e pubblicato il 1° luglio, il SECAF Frank Kendall, descriveva dettagliatamente il modo in cui lui e l'aeronautica americana si erano impegnati in un approccio dirompente, per salvare l'NGAD senza dover rinunciare ad altri programmi, rispettando i vincoli di bilancio esistenti.

F-35A, B-21, Sentinel, CCA: l'aeronautica americana ha più programmi prioritari che crediti

Essendo il limite di bilancio il principale vincolo che minaccia il programma NGAD, la soluzione raccomandata dall'aeronautica statunitense è ovviamente quella di ridurre il prezzo del dispositivo e il suo sviluppo.

B-21 Raider Northrop Grumman dell'aeronautica americana
Il B-21 Raider è uno dei programmi strategici dell'aeronautica americana che ha visto i costi aumentare notevolmente negli ultimi anni.

Va detto che, come spesso accade al di là dell’Atlantico, le ambizioni tecnologiche dell’NGAD sono oggi tali che il dispositivo ha avuto un prezzo previsto stimato tra 300 e 400 milioni di dollari, espresso in dollari USA, nel 2030, data della sua entrata in servizio.

Come per molti altri programmi, l'NGAD mirava, fino ad ora, a diventare l'aereo da combattimento più efficiente della sua categoria, e il suo programma fungeva allo stesso tempo da quadro per le esigenze espresse dall'aeronautica americana e da spina dorsale per lo sviluppo di alcune nuove importanti tecnologie, come il turbogetto adattivo ad alte prestazioni, successore dell’F135.

Questo è esattamente ciò a cui l’aeronautica americana sembra, oggi, pronta a rinunciare. E per una buona ragione! L'obiettivo di bilancio avanzato da Frank Kendall, nel corso di questa intervista, è sufficiente a lasciare senza parole, poiché si tratterebbe di portare il prezzo dell'NGAD, il primo caccia di sesta generazione e successore dell'F-6 Raptor, al livello livello di quello dell’F-22A, ovvero circa 35 milioni di dollari.

Escludere i programmi di ricerca e sviluppo dalla progettazione del programma NGAD per ridurre prezzi e scadenze

Il raggiungimento di un simile prezzo unitario costituirebbe, naturalmente, non solo un'ancora di salvezza per il programma stesso, ma anche un profondo sconvolgimento nella strategia di acquisizione della flotta di caccia dell'aeronautica americana.

Industria della difesa americana P&W F-135
Il reattore che alimenterà l'NGAD potrebbe non essere un modello di nuova generazione con tecnologia adattiva, ma un più classico turbogetto già in servizio.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE