Washington offre l'F-16V in leasing per stabilirsi in Tailandia

Gli Stati Uniti stanno intensificando le iniziative per cercare di piazzare i propri caccia F-16V o F-16 Block 70/72 nel Pacifico. Dopo le Filippine, è oggi alla Thailandia che Washington e Lockheed Martin hanno inviato un'offerta relativa alla versione definitiva del caccia monomotore americano, per affermarsi nello sforzo di modernizzare la flotta di caccia delle forze della Royal Thai Air Force.

Per l'amministrazione Biden si tratta di collocare l'F-16V di fronte alle offerte cinesi ed europee, e mantenere così la vicinanza militare e tecnologica con questo storico alleato, esemplare durante la Guerra Fredda, ma avvicinandosi a Pechino da vent'anni. anni, in un teatro operativo indo-pacifico in cui il Paese occupa una posizione strategica.

Per attrarre Bangkok, l'offerta americana si arricchisce di un aspetto contrattuale che da tempo non si osservava al di là dell'Atlantico, quello relativo all'esportazione di materiale militare americano. In effeti, Washington si offre di non vendere, ma di affittare i suoi nuovi caccia alla Thailandia, per di più in lotti relativamente piccoli di pochi aerei, rispondendo alle sfide di bilancio tailandesi, rafforzando al tempo stesso il legame così creato, con questo alleato strategico in un teatro altrettanto strategico.

L'aeronautica tailandese è sconvolta dal rifiuto degli Stati Uniti di vendere l'F-35A

Va detto che l’offerta americana era in forte svantaggio rispetto ad altre alternative cinesi ed europee. Infatti, poco più di due anni fa, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare tailandese, Il maresciallo capo dell'aeronautica Napadej Dhupatemiya, ha annunciato di essere favorevole all'acquisto dell'F-35A rispetto a quello del JAS 39 Gripen, per sostituire i suoi F-5 e F-16, come parte della modernizzazione delle forze aeree tailandesi.

F-35A dell'aeronautica americana
Washington ha rifiutato di esportare l'F-35A in Thailandia a breve termine, giudicando Bangkok troppo vicina a Pechino per concedere tale autorizzazione.

Tuttavia, l’affermazione è stata sorprendente. Il capo di stato maggiore tailandese ha quindi affermato che l'F-35A era più economico dell'aereo svedese, sebbene già in servizio nella flotta da caccia tailandese, il che è più che discutibile, qualunque sia il punto di vista scelto.

Soprattutto, Bangkok si è avvicinata, negli ultimi due decenni, a Pechino, per equipaggiare i suoi eserciti, attraverso acquisizioni Sottomarini tipo S26T, LPD Tipo 071E, fregate e OPV per la Royal Thai Navy, carri armati VT-4, APC VN-1 e sistemi di artiglieria, acquisiti dall'industria della difesa cinese.

Come era prevedibile, le autorità americane sono state più che riluttanti a vendere il prezioso F-35A, ad un alleato di lunga data, certo, ma che ha mostrato una reale dinamica di riavvicinamento con la Cina. Per molto tempo Washington ha cercato di convincere Bangkok a rivolgersi ad un altro modello, come l’F-15EX o l’F-16V.

Di fronte alle insistenze tailandesi, gli Stati Uniti hanno infine dovuto respingere ufficialmente la richiesta di acquisizione di F-35A per la Royal Thai Air Force, appena un anno fa, provocando grande delusione e una certa rabbia da parte di Bangkok che non ci credeva senza motivo, di aver ampiamente meritato la fiducia americana, grazie alla sua lealtà esemplare, in particolare durante la guerra del Vietnam e la Guerra Fredda.

Gli Stati Uniti offrono l'F-16V accompagnato da un'offerta di leasing alla Tailandia per vincere contro lo svedese JAS 39 Gripen.

Pechino coglie subito l’occasione offerta dal rifiuto americano, proponendo, solo pochi giorni dopo, un’estesa partnership strategica a Bangkok, anche per quanto riguarda l’acquisizione di sensibili attrezzature militari cinesi.

JAS 39 Gripen dell'aeronautica militare tailandese
L'aeronautica tailandese impiega uno squadrone di JA 39 Gripen C/D e potrebbe rivolgersi agli aerei svedesi per sostituire la trentina di vecchi F-5.

Anche lo svedese Saab ha approfittato del rifiuto americano, e della reazione di autostima tailandese, per tornare in partita con il Gripen. È vero che fino alle sorprendenti dichiarazioni del maresciallo dell'aeronautica Napadej Dhupatemiya, erano gli aerei svedesi ad essere considerati i favoriti per modernizzare la flotta da caccia tailandese.

Washington ha quindi dovuto essere ingegnosa nel cercare di sedurre e compiacere le autorità tailandesi, senza cedere in ogni caso sull'F-35A, a breve o medio termine. Per raggiungere questo obiettivo, gli Stati Uniti hanno presentato da parte loro una rara offerta, basata su una soluzione di leasing di F-16V per l'aeronautica tailandese.

In tal modo, sperano di soddisfare le aspettative tailandesi, soprattutto perché questa offerta è progettata per avere un livello minimo di impegni ridotto, con lotti di soli 4-5 dispositivi, e impegni significativi di trasferimento di tecnologia, per garantire il mantenimento dei caccia con la massima quantità possibile autonomia.

L'offerta è stata trasmessa dall'ambasciatore americano in Thailandia, Robert Frank Godec, direttamente al ministro della Difesa Sutin Klungsang. Si è tuttavia dichiarato sorpreso dai tassi d'interesse proposti, considerati molto elevati, anche se i dettagli dell'offerta americana sono rimasti confidenziali.

Leasing per l'esportazione di aerei e navi da combattimento: una soluzione interessante per molti eserciti

Non vi è alcuna garanzia che l’offerta di leasing americano degli F-16V sia sufficientemente attraente, agli occhi di Bangkok, da avvantaggiarsi rispetto quello di Saab e Stoccolma, che sappiamo essere particolarmente convincente, anche sotto l'aspetto del bilancio.

JAS 39 Griipen Leasing Repubblica Ceca
La Repubblica Ceca, come l’Ungheria, ha noleggiato i suoi JAS 39 Gripen da Stoccolma, consentendo loro di modernizzare le proprie forze aeree da dieci a quindici anni prima rispetto ai loro vicini.

Tuttavia, il fatto che Washington si sia rivolta a questo modello di finanziamento per sostenere un’offerta per l’esportazione di attrezzature militari è di per sé molto interessante. Gli Stati Uniti fecero ampio uso di questo modello durante la Seconda Guerra Mondiale e soprattutto all’inizio della Guerra Fredda.

Si trattava allora di consentire agli alleati di equipaggiare e modernizzare le loro forze armate per far fronte alla minaccia sovietica, mentre erano, per la maggior parte, pesantemente indebolite dalle conseguenze della Seconda Guerra Mondiale. Pertanto, per quasi tre decenni, gran parte delle flotte militari occidentali era costituita da navi prese in leasing, e successivamente acquistate, dalle eccedenze della Marina statunitense. Lo stesso valeva per le flotte di caccia e di trasporto delle forze aeree.

A partire dagli anni Sessanta, mentre i paesi europei e asiatici tornavano a una forte crescita e ad economie efficienti, le offerte di esportazione americane si sono evolute verso le vendite tradizionali, talvolta accompagnate da soluzioni di finanziamento. Nasce così Foreign Military Sales, o FMS, che permette agli alleati degli Stati Uniti di acquistare equipaggiamenti militari americani vincolandosi a contratti con gli eserciti statunitensi.

Da allora, tuttavia, la situazione finanziaria di molti stati occidentali, clienti tradizionali o potenziali dell’industria della difesa statunitense, si è evoluta in modo significativo, in particolare con i debiti sovrani che sono talvolta aumentati notevolmente, non consentendo più a questi paesi di sottoscrivere le offerte di difesa tradizionali finanziamento.

È qui che il leasing offre una soluzione efficace. In questo caso, infatti, il Paese dovrà pagare soltanto le rendite previste, senza dover contrarre un debito per l'intero valore delle attrezzature. In altre parole, il leasing permette di evitare l'aumento del debito sovrano, ma anche di linearizzare la spesa del bilancio dello Stato, riducendo quindi l'impatto sui disavanzi pubblici.

S26T Tailandia
L’acquisizione di navi cinesi, come i sottomarini S26T derivati ​​dal Type 39A, da parte di Bangkok, ha agito come un ostacolo per Washington per quanto riguarda l’esportazione degli F-35A.

In un contesto di economie globalizzate e di debiti sovrani finanziati soprattutto sui mercati, il leasing risulta quindi particolarmente interessante. Ciò è particolarmente vero perché molto spesso è accompagnato solo da un impegno limitato nel tempo, ad esempio 15 anni per gli aerei da caccia, che consente di pianificare uno scambio di attrezzature e di non dover finanziare sviluppi e ammodernamenti di attrezzature noleggiate.

Ovviamente l'offerta di Leasing presenta alcuni svantaggi. Il più evidente riguarda l'offerente, che rischia di ritrovarsi, dopo quindici anni, con aerei da combattimento o fregate, che dovranno essere nuovamente noleggiati o rivenduti sul mercato dell'usato.

Ciò spiega perché le offerte di leasing nel campo delle attrezzature militari vengono fatte dagli Stati, e non da aziende private, per le quali tali rischi richiedono assicurazioni quasi impossibili da stipulare, o a prezzi dissuasivi.

Inoltre, il Leasing risulta spesso più costoso del credito statale, pur essendo più basso in termini di tassi di interesse. Infine, crea un legame permanente e rafforzato con il paese portatore dell'offerta.

Tuttavia, se articolato in modo efficace, il leasing riesce a sedurre. È così che negli anni '90 l'Ungheria e la Repubblica Ceca hanno scelto il Gripen svedese, paesi che altrimenti avrebbero dovuto prolungare di dieci o vent'anni i loro aerei da guerra ereditati dal Patto di Varsavia, come hanno fatto molti paesi dell'Europa orientale.

La Francia è poco attrezzata per questo tipo di offerte di leasing all'esportazione

Mentre sempre più paesi si trovano ad affrontare gravi vincoli di bilancio e devono modernizzare i propri eserciti, in particolare dopo la crisi del Covid, l’attrattiva delle offerte per l’esportazione di attrezzature militari basate su una soluzione di leasing potrebbe aumentare in modo significativo negli anni a venire.

FREMM-Aquitania
Nel 2018, Atene ha insistito fortemente affinché la Francia noleggiasse due fregate FREMM di classe Aquitaine, per far fronte alla pressione militare turca nel Mar Egeo. Tuttavia, la Francia non è mai stata in grado di accogliere questa richiesta.

La Francia, il secondo maggiore esportatore di armi al mondo, potrebbe tuttavia avere grandi difficoltà ad allinearsi a tali offerte, se avanzate da paesi come Svezia, Germania, Corea del Sud o Stati Uniti.

Concettualmente, infatti, l'offerta di leasing si basa su un trasferimento di debiti sovrani, dal paese “locatario”, al paese “proprietario” dell'attrezzatura. Tuttavia, la situazione di bilancio della Francia è altrettanto deteriorata di quella di questi paesi per i quali il leasing si rivela una soluzione interessante. Gli Stati Uniti possono contare sul potere del dollaro per compensare i propri deficit pubblici in questo settore.

Inoltre, la Francia ha lottato a lungo per sostenere la propria offerta di esportazioni con soluzioni di finanziamento, in particolare verso i paesi che non offrono profili agevoli, come Grecia, Belgio o Egitto.

In effetti, i concorrenti dell’industria francese della difesa, in Europa con Germania e Svezia, in Asia con la Corea del Sud, così come Cina e Stati Uniti, potrebbero presentare, a breve termine, offerte molto convincenti, contro le quali la la qualità e anche i prezzi delle attrezzature di difesa francesi non bastano a convincere.

Leopard 2A-RC 3.0 di KNDS Germania
Le finanze pubbliche tedesche permetterebbero a Berlino di offrire un meccanismo di leasing molto efficace per sostenere le sue offerte di esportazione di attrezzature per la difesa.

La soluzione, per la Francia, potrebbe essere quella di affidarsi ad un’impresa pubblica privata ad hoc, finanziata con canali propri che integrino le imprese della difesa, il richiamo al mercato o il risparmio, con la garanzia dello Stato, e pensata per veicolare questo tipo di offerta per sostenere le offerte di esportazione francesi in questo settore, o anche in alcuni altri settori strategici, come quello ferroviario o energetico.

Si tratterebbe, ovviamente, di una struttura paragonabile a quella menzionato in un articolo precedente descrivendo il modello della Base di Difesa. Del resto, è perfettamente possibile che le due società diventino una sola, per realizzare contemporaneamente, e sugli stessi canali di finanziamento e di gestione, le offerte di noleggio destinate agli eserciti francesi e ai clienti internazionali dell'industria della difesa nazionale.

Conclusione

In ogni caso, l’offerta americana trasmessa alla Thailandia, costruita su una soluzione Leasing, segna una significativa evoluzione nella percezione delle aspettative del mercato globale degli armamenti, da parte degli Stati Uniti, di gran lunga il primo esportatore del pianeta, in questo mercato.

Niente garantisce a Washington un successo a Bangkok, tanto più che l’offerta svedese che si trova ad affrontare è anch’essa allettante, anche a livello di bilancio, ed è probabile che il risentimento tailandese nei confronti degli Stati Uniti, in seguito al rifiuto di esportare gli F-35A, rimane vivo e vegeto.

Tuttavia, questa offerta invita gli europei, e più in particolare i francesi, ad anticipare gli sviluppi del mercato mondiale, o di una parte di esso, a rivolgersi a questo modello, più adatto alle proprie situazioni di bilancio. Resta da vedere se questa evidenza verrà percepita dalle autorità francesi, o se rimarranno attaccate al modello tradizionale, con i rischi che ciò comporta per il futuro delle esportazioni dell'industria della difesa?

[Armelse]

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


[/ Arm_restrict_content]

Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE