L'Europa può porre fine alla guerra in Ucraina?

La scorsa settimana un'analisi pubblicata dal think tank Rand Corporation ha studiato i rischi legati all'allungamento della durata del conflitto ucraino, nonché le soluzioni che potrebbero essere avanzate da Washington per contenerli. Come la maggior parte degli studi pubblicati dalla Rand, anche questo era molto rilevante, documentato e oggettivo, nella diagnosi come nelle soluzioni consigliate. Tuttavia, questo è partito da un postulato di base che richiede una certa prudenza per quanto riguarda l'applicabilità dei risultati presentati: questo studio, infatti, ha studiato il conflitto in Ucraina solo dal punto di vista dell'azione di Washington e dei suoi...

Leggi l'articolo

Hard-kill, SEAD, munizioni vaganti…: il futuro LPM francese si prepara ad alta intensità

Sebbene non siano stati ancora emessi tutti gli arbitrati, il contenuto della futura Legge di Programmazione Militare che coprirà il periodo 2024-2030 comincia ad essere in parte noto, sia attraverso alcune dichiarazioni ufficiali del Ministro delle Forze Armate Sebastien Lecornu, Capi di Personale e persino il presidente Emmanuel Macron. Pertanto, il bilancio complessivo sembra mirare a una dotazione di 413 miliardi di euro per il periodo, vale a dire un bilancio medio annuo di 58 miliardi di euro, quasi il 32% in più rispetto al bilancio delle forze armate per il 2023 (44 miliardi di euro) e il 66% in più rispetto il bilancio 2017 (35 miliardi di euro). Una volta integrato in un...

Leggi l'articolo

Di fronte alla nuova strategia russa, l'Ucraina punta ad estendere il conflitto?

Sia sui social network che sui continui canali di informazione, l'opinione pubblica occidentale, in particolare in Europa, è stata inondata da metà estate, e fino a poche settimane fa, dalla certezza di una vittoria anticipata e rapida per l'Ucraina, forte della reale successi dei suoi eserciti fino a ottobre, e sul crescente sostegno delle nazioni occidentali che nel tempo si sono dimostrate sempre più pronte a fornire aiuti militari a Kyiv. Tuttavia, allo stesso tempo, in Russia sono avvenuti profondi cambiamenti, cambiamenti che oggi cominciano a cambiare radicalmente il volto di questo conflitto. Infatti, se durante...

Leggi l'articolo

Il sistema di uccisione dura di Iron Fist protegge gli American Bradley solo il 70% delle volte

Entrati in servizio nei primi anni 2010 per proteggere i carri armati Merkava e i veicoli da combattimento di fanteria Namer delle forze armate israeliane, i sistemi di protezione attiva hard-Kill Trophy e Iron Fist degli israeliani Raphael ed Elbit, si sono dimostrati molto efficaci durante gli interventi armati nei territori palestinesi occupati, intercettando decine di razzi anticarro RPG ma anche Konkurs e Kornet lanciati dagli Hezbollah iraniani. Il fatto è che nessun carro armato israeliano è stato perso durante le operazioni militari dei primi anni 2010, a causa del lancio di munizioni anticarro. Questa efficienza non è sfuggita...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti vogliono impedire all'Ucraina di passare all'offensiva?

Articolo aggiornato alle 22:00 in seguito all'annuncio da parte degli Stati Uniti di inviare da 30 a 50 M1A2 Abrams in Ucraina. Nelle ultime settimane, la questione dell'invio di carri armati pesanti occidentali in Ucraina è diventata un argomento centrale, sia per la stampa che per molte personalità politiche occidentali. Sotto l'impulso delle autorità polacche, sembra che l'intero problema si riduca all'unica posizione tedesca, che ha rifiutato di inviare a Kiev carri armati pesanti Leopard 2 tedeschi o acquistati dalla Germania. Tuttavia, e come abbiamo già accennato la scorsa settimana, la posizione tedesca non era in alcun modo diversa da questa...

Leggi l'articolo

Abbiamo assistito a un'inversione strategica durante l'incontro di Ramstein?

Oggetto di tutte le speranze e attese da parte degli ucraini e dei loro più stretti sostenitori come la Polonia o gli Stati baltici, l'incontro che si è tenuto oggi presso la base aerea americana di Ramstein in Renania-Palatinato, avrà finalmente prodotto molto pochi risultati concreti a parte gli annunci che erano già stati fatti dai vari partecipanti. E se gli Stati Uniti annunciassero la spedizione di 50 nuovi Bradley IFV e 80 veicoli corazzati Stryker, non avrebbero né annunciato la tanto attesa spedizione di carri armati pesanti Abrams, né sarebbero riusciti a portare...

Leggi l'articolo

La Germania faticherebbe a trovare i 40 Marder IVC promessi all'Ucraina per marzo

Il 5 gennaio, in seguito all'annuncio da parte della Francia dell'imminente consegna di un numero imprecisato di AMX-10RC, Olaf Scholz, il cancelliere tedesco, ha annunciato congiuntamente al suo omologo americano Joe Biden che aveva promesso 50 veicoli da combattimento di fanteria (VCI) Bradley, il consegna di 40 VCI Marder, un blindato cingolato del peso di oltre 35 tonnellate in grado di trasportare in prima linea 6 soldati armati, supportandone l'ingaggio con un cannone da 20 mm, una mitragliatrice da 7,62 mm e un lanciamissili anticarro MILAN. Mentre tutto indica che le armate ucraine intendono lanciare, all'inizio della primavera, una vasta offensiva per liberare nuovamente il territorio...

Leggi l'articolo

In che modo la nuova strategia industriale russa ridefinisce l'equazione strategica del conflitto in Ucraina?

Dall'inizio dell'aggressione militare contro l'Ucraina, gli eserciti russi hanno subito perdite molto pesanti, in particolare in termini di armamento. Sono quindi più di 1600 carri armati pesanti russi, ma anche quasi 3500 veicoli corazzati pesanti e 300 sistemi di artiglieria mobile che sono stati distrutti, danneggiati o catturati dagli ucraini in modo documentato, vale a dire tra il 20 e il 60% delle sue scorte di prima della guerra, secondo le categorie di attrezzature. Le perdite ucraine, nel frattempo, sono anche significative, ma in misura minore, con 450 carri armati, meno di 900 veicoli corazzati pesanti e circa un centinaio di sistemi di artiglieria mobile documentati, ma queste perdite rappresentano...

Leggi l'articolo

La Bundeswehr si dispera per l'inaffidabilità dei suoi nuovi Puma VCI

All'inizio degli anni '1970, l'esercito tedesco percepì uno dei migliori veicoli da combattimento di fanteria della fine della Guerra Fredda, il Marder. Capace di trasportare 6 soldati armati, il blindato cingolato era ben protetto, resistente al fuoco di cannone da 25 mm a 200 m, aveva una buona mobilità con un motore diesel da 600 cv per una massa di 29 tonnellate, cioè un rapporto potenza-potenza. peso di 20 CV per tonnellata, e molto ben armato con un cannone automatico da 20 mm alimentato a 1250 colpi, una mitragliatrice G7,62 da 3 mm e un sistema di lancio MILAN, il missile anticarro franco-tedesco capace ...

Leggi l'articolo

Patriot, Leopard 2, Leclerc...: Perché gli occidentali devono esagerare con le armi consegnate all'Ucraina?

Dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, il 24 febbraio, un teso stallo ha contrapposto i sostenitori più attivi di Kiev, come la Polonia, i paesi baltici o la Repubblica Ceca, contro i più circospetti, come la Germania, l'Italia o la Francia, con per quanto riguarda il tipo di materiali che potrebbero essere inviati dall'Occidente agli eserciti ucraini. In questo campo, e quali che siano state le posizioni di ciascuno, sono stati gli Stati Uniti, e solo loro, a dare il tono alla natura dell'equipaggiamento che potrebbe effettivamente essere inviato dai membri della NATO, per trattare con la Russia eserciti. Egli…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE