Di fronte all'inasprirsi della minaccia, il Pentagono sta cambiando la sua dottrina sui sistemi autonomi

Uno degli assi principali scelti dal Pentagono per mantenere il predominio operativo su potenziali avversari che dispongono congiuntamente di significativi mezzi militari e tecnologici, si basa sull'utilizzo di un gran numero di sistemi autonomi, controllati o meno da uno o più sistemi artificiali intelligenze. Ma di fronte alla sfida rappresentata dall'ascesa della Cina, delle sue industrie e dei suoi 1,4 miliardi di abitanti, la dottrina definita nel 2012 sull'uso dei sistemi autonomi non sembra più appropriata. Per questo dal 2021 ne è stata intrapresa una revisione per tener conto di sviluppi tecnologici come quelli della minaccia. Il…

Leggi l'articolo

Di fronte alla Cina, le scorte di munizioni di precisione statunitensi durerebbero solo una settimana

Una settimana ! Questo è il tempo necessario alla US Navy e all'US Air Force per esaurire le sue scorte di munizioni di precisione a lungo raggio in caso di conflitto tra Stati Uniti e Cina intorno all'isola di Taiwan. . Questa è in sostanza l'osservazione dell'ultimo rapporto del think tank americano Center for Strategic and International Studies, o CSIS, che sottolinea anche l'impossibilità per l'industria americana oggi organizzata di soddisfare le esigenze di una guerra ad alta intensità contro un grande potere, se il conflitto dovesse durare, come avviene in Ucraina contro la Russia. E di…

Leggi l'articolo

Di fronte al potenziale arrivo di Su-35 e S-400 in Iran, Israele formalizza un ordine per 25 F-15EX da Boeing

Le tensioni tra Gerusalemme e Teheran sono, oggi, al centro dell'instabilità strutturale del teatro mediorientale. Questi sono in particolare il risultato dei ricorrenti scontri tra le forze armate israeliane e gli sciiti Hezbollah in Libano, così come quelli con le milizie iraniane in Siria. Negli ultimi anni, tuttavia, queste tensioni hanno conosciuto un inasprimento molto evidente, attorno ai programmi di missili balistici, missili da crociera e droni a lungo raggio sviluppati dall'industria della difesa iraniana, conferendo ai suoi eserciti efficaci capacità di attacco contro il territorio israeliano e in particolare le sue aree critiche infrastrutture. Soprattutto, i progressi compiuti dal programma nucleare iraniano sono ora...

Leggi l'articolo

La US Navy dà la priorità alla sostituzione del Super Hornet F/A-18 nella pianificazione a medio raggio

Mentre in Francia, nell'ambito della preparazione della futura Legge di Programmazione Militare, insistenti voci indicano un possibile abbandono del programma di portaerei di nuova generazione PANG, al di là dell'Atlantico la situazione è ben diversa. Infatti, intervenendo la scorsa settimana in occasione del simposio annuale della Surface Navy Association, il capo delle operazioni navali o CNO, ammiraglio Mike Gilday, ha chiarito la priorità data ai grandi programmi a venire, nel periodo 2025-2040. Quindi, per il NOC, il primo grande equipaggiamento ad entrare in servizio, probabilmente all'inizio del prossimo decennio, sarà la sostituzione del cacciabombardiere F/A-18...

Leggi l'articolo

Il presidente Erdogan alza la posta in gioco per l'adesione della Svezia alla NATO

Pochi giorni fa, il presidente Joe Biden ha annunciato pubblicamente di aspettarsi che il Congresso degli Stati Uniti accetti l'acquisizione di 40 nuovi caccia F-16V Viper, oltre a 80 kit di modernizzazione per consentire all'aeronautica militare turca di trasportare una parte dei suoi caccia F-16V. 83 C/D a questo nuovo standard, che è significativamente più efficiente, in particolare grazie al radar AESA AN/APG-XNUMX. Per la Casa Bianca si trattava di ottenere dal presidente Erdogan che ritirasse il suo veto sull'adesione di Svezia e Finlandia alla Nato, a seguito della richiesta fatta da questi Paesi dopo l'aggressione russa contro l'Ucraina. Noi avremmo…

Leggi l'articolo

La caccia francese a bordo è minacciata dalla prossima legge sulla programmazione militare?

Al fine di far fronte alle sfide alla sicurezza imposte dagli sviluppi geopolitici e tecnologici, in particolare l'emergere di nuove significative minacce militari, anche in Europa, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato, poco dopo la sua rielezione, che una nuova legge sulla pianificazione sarebbe stata progettata per essere presentato nel primo quadrimestre del 2023, e votato subito dal Parlamento, probabilmente prima della pausa estiva. Al di là di una revisione strategica dei più oscuri, mescolando nelle sue conclusioni obiettivi strategici, mezzi e cooperazione, è da allora molto difficile ottenere dal Ministero delle Forze Armate come dallo Stato Maggiore, informazioni sul contenuto di...

Leggi l'articolo

Il primo Su-35se russo dovrebbe arrivare alla fine dell'inverno in Iran

Mentre le industrie della difesa iraniane hanno fatto progressi immensi in alcuni settori negli ultimi anni, come i droni, ma anche i missili baltici e da crociera e i sistemi antiaerei, gli eserciti di Teheran rimangono spesso, a seconda delle zone, scarsamente equipaggiati con attrezzature obsolete ereditate dallo Sha era della fine degli anni 70. Questo è particolarmente vero per le forze aeree che, a parte i caccia cinesi e russi acquisiti negli anni 90, utilizzano velivoli F5, F4 e F-14 di quasi 50 anni. Infatti, l'annuncio fatto dalle autorità iraniane questa domenica attraverso...

Leggi l'articolo

F-16V contro l'adesione alla Nato, gli Stati Uniti cederanno al ricatto del presidente Erdogan

Dall'annuncio della candidatura di Stoccolma ed Helsinki alla NATO in seguito all'aggressione russa contro l'Ucraina e alle rinnovate tensioni in Europa da essa generate, la Turchia sfrutta il più possibile lo statuto dell'Alliance Atlantique, che prevede che una nuova adesione riceva l'approvazione di tutti i suoi membri, nel tentativo di revocare in tutto o in parte le sanzioni imposte dal Congresso americano ma anche da quelle europee a seguito dell'acquisizione di una batteria antiaerea S-400 con Mosca e dell'operazione militare contro i curdi in Siria . Rivendicare il sostegno delle capitali scandinave per i cittadini curdi considerati da Ankara Terroristi del...

Leggi l'articolo

Di fronte alla minaccia nordcoreana, il presidente sudcoreano vuole schierare armi nucleari sul suo suolo

Il 2022 sarà stato un anno di estrema tensione nel mondo. Ma mentre molta attenzione è focalizzata sul conflitto russo-ucraino, altri potenziali conflitti si sono rapidamente sviluppati nel corso di quest'anno sul pianeta. È il caso dell'isola di Taiwan, oggetto delle ambizioni del presidente cinese Xi Jinping, ma anche del Golfo Persico con l'aumento delle capacità militari iraniane, o ancora del Caucaso, con gli opposti eserciti armeni e azeri intorno del Nagorno Karabash. Ma il teatro più intenso oggi non è altro che la penisola coreana, mentre la Corea del Nord ha realizzato niente di meno...

Leggi l'articolo

Anche l'Esercito popolare di liberazione cinese sviluppa una dottrina di tutti i domini

Come abbiamo scritto in più occasioni, se l'attenzione dei media e della politica occidentali, anche negli Stati Uniti, è oggi concentrata sulla Russia e sul conflitto in Ucraina, è proprio la Cina a preoccupare, in primis gli strateghi del Pentagono. Infatti, al di là delle sue capacità nucleari, Mosca non ha più le capacità militari, economiche e demografiche per rappresentare una grave minaccia per Washington e la NATO, tanto più che i suoi eserciti hanno sofferto pesantemente dall'inizio del conflitto, con perdite significative in uomini e materiali . La Cina, dal canto suo, ha un'economia molto dinamica, sostenuta da riserve finanziarie...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE