La guerra in Ucraina ha interrotto la programmazione militare russa

Dal 2012, il ritorno di Vladimir Putin al Cremlino e l'arrivo di Sergei Shoigu al Ministero della Difesa, la programmazione militare russa, organizzata attraverso programmi pluriennali denominati GPV, è al centro dello sforzo per ricostruire gli eserciti di Mosca . L'ultimo GPV, avviato nel 2017, doveva permettere agli eserciti russi di consolidare la propria ascesa digitale e tecnologica sui potenziali avversari, con un budget annuale di 2.000 miliardi di rubli, ovvero 30 miliardi di euro destinati ogni anno all'acquisizione di nuove attrezzature e all'ammodernamento delle apparecchiature in servizio. Quindi poco più di un anno fa, quando il...

Leggi l'articolo

Dovremmo porre fine agli aerei da combattimento di "5a generazione"?

Quando Lockheed-Martin ha presentato per la prima volta il suo F-22 Raptor, è stato presentato come un velivolo di "5a generazione", per sottolineare il suo carattere dirompente sia dal punto di vista operativo che tecnologico, con i precedenti aerei da combattimento. Al di là del suo prezzo unitario di 160 milioni di dollari che, da solo, era sufficiente a giustificare un aspetto dirompente importante poiché due volte più costosi dell'F-15E o dell'F/A 18 E/F quindi gli aerei da combattimento più costosi in servizio o in preparazione dall'altra parte dell'Atlantico, il dispositivo aveva infatti capacità uniche, come lo stealth multi-aspetto molto avanzato, senza tuttavia eguagliare quelle dell'F117A...

Leggi l'articolo

Terminator, TOS-2 e Su-57, la Russia schiera i suoi nuovi sistemi d'arma in Ucraina

Durante le prime due fasi dell'offensiva contro l'Ucraina, le forze armate russe facevano affidamento principalmente sulle unità più esperte e meglio equipaggiate, a parte alcune unità d'élite tenute in riserva. Questo è il motivo per cui, durante le prime settimane del conflitto, le documentate perdite materiali russe erano principalmente composte da veicoli corazzati modernizzati come i carri armati pesanti T-72B3 e B3M, T-80U e BVM, e alcuni T-90A, come così come molti BMP-2, BMP-4 e altri BMD. Le numerose perdite registrate dagli eserciti russi durante queste due fasi abortite hanno portato lo Stato Maggiore Generale a cambiare strategia e rivedere i propri obiettivi, ma anche...

Leggi l'articolo

Di fronte agli europei, l'esercito russo nel 2030 sarà molto più potente di oggi

L'attuale crisi russo-ucraina, qualunque sia la sua conclusione, avrà consentito a Mosca di dare una straordinaria dimostrazione di forza in Europa, al punto che nessun Paese europeo, nemmeno quello più vicino a Kiev, intende impegnarsi militarmente a fianco degli eserciti ucraini in caso di conflitto. Ed è chiaro che questi eserciti russi sono riusciti a mobilitare, muovere e radunare un centinaio di battaglioni tattici ad armi combinate, l'equivalente russo dei gruppi tattici inter-armati francesi, ovvero il 65% della sua forza operativa terrestre, e questo tra i Novembre e inizio febbraio. Per fare un confronto, l'Armata di...

Leggi l'articolo

Il drone da combattimento russo S-70 Okhotnik-B sarà più furtivo del previsto

A differenza delle forze aeree europee che intendono fare affidamento, nei decenni a venire, su caccia con equipaggio e possibilmente su droni aviotrasportati Remote Carrier per missioni di caccia e attacco, la Russia ha scelto di sviluppare, al fianco dei suoi Su-57 e Su di nuova generazione -75 aerei da combattimento e droni aviotrasportati Grom, un drone da combattimento pesante destinato a prendere un posto di rilievo nell'inventario aereo, sostituendo parte dei caccia e degli aerei d'attacco leggeri, come il Mig-29 e il Su-25. Questo drone, designato S-70 Okhotnik B (caccia in russo), è stato presentato per la prima volta...

Leggi l'articolo

Di fronte alla minaccia occidentale, Vladimir Putin aumenterà le difese aeree russe

Tra il 2012 e il 2020 le forze armate russe hanno subito una fase di ammodernamento e preparazione operativa di eccezionale portata, vedendo in particolare il numero delle sue brigate da combattimento aumentare da 15 a 65, e il tasso di equipaggiamenti "moderni" nell'organico passare da meno di dal 50% a oltre il 70%. In particolare, misero in servizio quasi un centinaio di sistemi S-400 in venti reggimenti, oltre a più di 1200 carri armati T90, T72B3/M e T80BVM modernizzati. Quasi 250 nuovi aerei da combattimento Su-34, Su-35, Mig-35 e Su-30 si sono uniti alle loro unità, oltre a un gran numero di elicotteri, droni...

Leggi l'articolo

La Russia sviluppa una versione aerea "leggera" del missile ipersonico antinave Tzirkon

Dall'entrata in servizio del missile ipersonico Kh47m2 Kinzhal all'interno dell'aviazione russa alla fine del 2017, il paese ha preso un comodo vantaggio rispetto ad altre nazioni, e in particolare agli Stati Uniti, in questo settore. E i test conclusivi del sistema antinave ipersonico 3M22 Tzirkhon condotti negli ultimi mesi hanno solo rafforzato questo fatto, soprattutto perché a differenza del Kinzhal, lo Tzirkon utilizza un nuovo motore di tipo Scramjet per la sua propulsione. È proprio sulla base di un nuovissimo scramjet denominato “Object 70” (Izdelie 70), più compatto di quello utilizzato a bordo dello Tzirkon, che gli ingegneri…

Leggi l'articolo

Il ministero della Difesa russo potrebbe acquisire Checkmate sulla prossima legge sulla programmazione

Finora, la comunicazione delle autorità russe sul nuovo programma di caccia monomotore Checkmate di 5a generazione si era concentrata solo sugli aspetti industriali e di esportazione. L'acquisizione del dispositivo da parte delle forze armate russe è sempre stato un argomento da loro accuratamente evitato, tanto più che il Paese è già pienamente impegnato in una legge di programmazione militare, o GPV, progetto già molto ambizioso che si estende fino al 2027, e punta sull'acquisizione , in quest'area, dei caccia Su-57, Su-35 e Su-34 e del drone pesante S70 Okhotnik-B per modernizzare l'aviazione russa. Aggiungi a queste condizioni l'acquisizione di un nuovo dispositivo non pianificato...

Leggi l'articolo

Sukhoi sviluppa Su-57 a due posti in grado di controllare 4 droni S-70 Okhotnik B B

Fin dalla sua presentazione ufficiale, il drone da combattimento pesante S-70 Okhotnik B, sviluppato dalla casa aeronautica russa Sukhoi, è sempre stato presentato come un'estensione del caccia pesante Su-57, chiamato a sostituire il Su-27 all'interno delle forze aeree. russi e diventare la base tecnologica di un gran numero di dispositivi, come il suo predecessore. In effetti, l'annuncio di una versione biposto del dispositivo era atteso da tempo dagli specialisti del settore, in quanto sembrava opportuno aggiungere un membro dell'equipaggio per controllare diversi droni di questo tipo. Ormai è fatta, poiché l'Agenzia Tass, citando una fonte del Ministero della Difesa, ha pubblicato...

Leggi l'articolo

Cosa sappiamo del nuovo caccia leggero russo?

L'annuncio della presentazione di un nuovo modello di caccia leggero sviluppato dalla russa Rostec alla fiera MAKS 2021 di Mosca aveva già avuto l'effetto di una piccola bomba nel piccolo mondo dell'aeronautica militare mondiale. Ma le foto che mostrano un dispositivo che è visibilmente ben avanzato nello sviluppo anche se è coperto da teloni, e la lobby che mostra con orgoglio la parola "CheckMate" in inglese, Chess and Mat in francese, mostrano chiaramente che l'industria aeronautica russa intende segna gli spiriti con questo dispositivo durante questo spettacolo. Questa è quindi l'occasione per riassumere ciò che già sappiamo di...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE