È possibile una seconda portaerei per la Marina francese?

Se in Francia c'è un argomento controverso sia a livello di stato maggiore che di classe politica, è proprio la questione di una seconda portaerei per la Marina francese. La situazione è tuttavia paradossale, poiché esistono solo due Marine sul pianeta dotate di portaerei a propulsione nucleare, per di più dotate di catapulte e cavi di arresto che consentono l'implementazione di una vasta gamma di dispositivi.

Quanto alle altre marine, dovranno accontentarsi di portaerei o portaerei armate di aerei a decollo corto o verticale come l'F-35 e l'Harrier, o capaci di utilizzare un trampolino di lancio come il Mig-29 o il J-15, essendo questo a scapito del carico del dispositivo nonché del numero di rotazioni aeree sopportate dalla nave. I vantaggi della portaerei CATOBAR (CATapultes e Brins d'ARrêts) sono tali che Pechino ha compiuto sforzi colossali per acquisirla, mentre la nuova portaerei Fujian Type 003 è stata lanciata il 17 giugno di quest'anno.

Il sostituto di Charles de Gaulle sarà assicurato nella LPM

Nel 2020, il Ministro delle Forze Armate Florence Parly ha annunciato il lancio del programma volto a progettare e costruire la nave sostitutiva della portaerei nucleare (PAN) Charles de Gaulle, in servizio dal 2001, e che dovrà lasciare la linea nel 2038. Anche la nuova nave sarà a propulsione nucleare, come la precedente, ma molto più imponente, con una stazza stimata tra le 70.000 e le 80.000 tonnellate, quasi il doppio delle 45.000 tonnellate della il Charles de Gaulle, al fine di implementare il successore di Rafale M, anch'esso più imponente del dispositivo che andrà a sostituire.

Inoltre, la nave sarà dotata di catapulte, non a vapore come la Charles de Gaulle e prima delle portaerei Foch e Clemenceau, ma elettromagnetiche, che saranno acquistate negli Stati Uniti e dello stesso modello di quelle che equipaggiano le nuove super Portaerei nucleari di classe Ford della Marina statunitense.

Tuttavia, come la sua predecessore, la nuova portaerei francese soffrirà di un grave punto debole, quello di essere l'unica portaerei in servizio presso la Marina francese, non permettendo di garantire la permanenza aerea navale indispensabile e inseparabile dalla sua efficacia. per la sua natura dissuasiva.

PA Charles de Gaulle
La Charles de Gaulle è oggi l'unica portaerei CATOBAR a propulsione nucleare in servizio non appartenente alla Marina degli Stati Uniti

Tuttavia, anche se la costruzione del sostituto del Charles de Gaulle aveva già suscitato numerose proteste, è vero che proveniva in gran parte da un'unica fonte, lo sforzo di bilancio legato alla costruzione di un secondo edificio e del relativo gruppo aereo navale è attualmente in corso. ritenuto talmente elevato da non essere preso in considerazione, e rinviato a successiva decisione, ripetendo quanto fatto negli ultimi 20 anni per una possibile nave gemella della Charles de Gaulle.

Sebbene la situazione della sicurezza si sia evoluta notevolmente negli ultimi mesi, in Europa, come nel Pacifico e nel Medio Oriente, euna nuova legge di programmazione militare sarà progettata urgentemente questo autunno per rispondere a questi sviluppi geopolitici, è rilevante, o semplicemente possibile, procedere alla costruzione di una seconda portaerei destinata ad operare parallelamente alla sostituzione della Charles de Gaulle, mentre l'intero Esercito soffre di numerose carenze di capacità per far fronte a qualsiasi emergenza?

Punti di forza, debolezza e vincoli di una seconda portaerei per la Marina francese

Se la portaerei è popolare nella maggior parte delle principali forze armate del mondo, in Francia non mancano i detrattori. Secondo le argomentazioni più volte avanzate, questa nave sarebbe costosa e vulnerabile e consumerebbe crediti che sarebbero spesi in modo molto più efficiente per aumentare altre capacità, come la flotta di caccia, la flotta sottomarina o la flotta di superficie.

Una scelta complessa e difficile dei mezzi da raggiungere

Inoltre, la coppia formata dal Rafale e il nuovo velivolo per il rifornimento in volo A330 MRTT consentirebbe all'Aeronautica Militare di effettuare operazioni a lungo raggio, senza la necessità di schierare una portaerei, il cui vantaggio operativo sarebbe quindi, secondo i suoi detrattori, discutibile se non superfluo .

L'aspetto di bilancio è indiscutibile, poiché per il prezzo di una seconda portaerei nucleare e delle navi e degli aerei necessari per la sua realizzazione, l'Aeronautica Militare potrebbe acquisirne 80 Rafale aggiuntivi, ovvero cinque squadroni di caccia, nonché uno squadrone di A330 MRTT aggiuntivi, raddoppiando di fatto le sue dimensioni teoriche. E se la Marina francese rinunciasse alla sua prima portaerei, potrebbe acquisire sei fregate e tre ulteriori sottomarini d’attacco nucleare.

Rafale Aeronautica del cuoio capelluto
Armato con missili da crociera SCALP, il Rafale dell'aeronautica militare ha effettuato un raid su oltre 3000 km nell'aprile 2018 per distruggere installazioni chimiche siriane

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Analisi della difesa | Conflitto siriano

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

  1. Dobbiamo “coprire” tutti gli Oceani con i nostri beni, la questione non si pone nemmeno! È assolutamente necessario un ulteriore PAN e che le portaelicotteri occupino il terreno e affermino la nostra presenza all’estero. Non sarebbe peggio per la nostra “reindustrializzazione” promessa dal clown dell’Eliseo!

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli