Rafale contro il sottomarino nucleare: in Brasile E. Macron collega i due temi

Nel settembre 2009, durante una visita ufficiale in Brasile, il presidente francese Nicolas Sarkozy annunciò l'ordine di 36 caccia Rafale per le forze aeree del Paese, provocando lo stupore e poi la furia del presidente Lula. Sebbene fossero in corso discussioni sull'argomento, l'ordine per il nuovo caccia della Dassault Aviation era ancora lungi dall'essere ottenuto.

Lungi dallo forzare la mano ai brasiliani, questa manovra ha condannato le possibilità di Rafale in Brasile. Tre anni dopo, Brasilia annunciò che si sarebbe orientata verso il nuovo JAS 39 Gripen E/F della svedese Saab, per modernizzare le sue forze aeree, con un primo ordine di 36 velivoli, con produzione locale e significativi trasferimenti di tecnologia.

Da allora, le possibilità di vedere il Rafale volare sotto una coccarda brasiliana, sembrava spazzatura. Tuttavia, durante la sua visita ufficiale a Brasilia questa settimana, il presidente Macron ha fatto nuovamente riferimento ad una possibile cooperazione franco-brasiliana attorno all’ammiraglia dell’aeronautica francese.

E per una buona ragione, in un altro dossier, quello della costruzione del suo primo sottomarino d’attacco nucleare, il Brasile si troverebbe in un vicolo cieco tecnologico, che richiederebbe l’aiuto della Francia, mettendo Parigi in una posizione privilegiata, per tentare un nuovo negoziato, riguardante la Combattente francese.

Il sottomarino d'attacco nucleare brasiliano Alvaro Alberto è in un vicolo cieco?

Brasilia si è impegnata, infatti, a progettare e costruire il suo primo sottomarino d'attacco nucleare, l'Alvaro Alberto. Per fare ciò, il Brasile si è rivolto al know-how francese, ordinando per l'occasione quattro sottomarini convenzionali di tipo Scorpène.

sottomarino Tonelero Brasile
Il presidente francese ha partecipato all'inaugurazione del Tonelero, il terzo sottomarino di tipo Scorpene costruito in Brasile con l'aiuto di Naval Group.

È stato anche per partecipare all'inaugurazione della quarta unità di questa classe, il sottomarino Tonelero, che il presidente Macron si è recato in Brasile questa settimana, permettendogli anche di incontrare il presidente Lula.

Ma la visita di Emmanuel Macron sembra non essersi limitata a considerazioni di protocollo e diplomatiche. Il presidente francese, infatti, ha dichiarato in questa occasione che la Francia sarà “al fianco” del Brasile nella costruzione dei suoi sottomarini, mentre il presidente Lula ha più volte fatto riferimento in queste ultime settimane, alla necessità del sostegno del Brasile, riguardo il know-how della parte nucleare, del suo sottomarino.

Perché se la Francia, e Naval Group, sono già pienamente impegnati nella costruzione dell'Alvaro Alberto, iniziata lo scorso ottobre, hanno dovuto, fino ad ora, limitarsi alla progettazione e all'assistenza alla costruzione locale del sottomarino stesso. Il locale caldaia nucleare doveva essere progettato da ingegneri e industria brasiliani.

Il sostegno della Francia è stato aperto dall'iniziativa americana e britannica AUKUS

Questa divisione ha risposto, quando negoziata, alle tacite regole internazionali riguardanti la tecnologia dei sottomarini nucleari. Infatti, nessuno dei cinque paesi che padroneggiano questa tecnologia avanzata, i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, aveva finora accettato di vendere sottomarini a propulsione nucleare, e ancor meno di trasferire le tecnologie necessarie, ad un altro paese, anche se l'Unione Sovietica, e poi la Russia, avevano accettato di affittare un SSGN all'India per dieci anni.

AUKU SSN
Il programma SSN AUKUS che riunisce Stati Uniti, Regno Unito e Australia ha infranto l'accordo tacito sul divieto di esportazione di tecnologia sottomarina a propulsione nucleare che costituiva un riferimento tra i 5 membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Brasile

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

7 Commenti

  1. Buongiorno. L’industria degli armamenti non è un mondo di persone preoccupate, ma potrebbe esserci una cooperazione franco-svedese da sfruttare per collegare definitivamente la Svezia al programma FCAS. Questa volta potrebbe spettare alla Francia dimostrare la sua lealtà nella costruzione di un BITD europeo concertato...

  2. Consentitemi il mio stupore dopo questo articolo, 3 giorni fa avete scritto un articolo sulla possibilità di convincere la Svezia ad aderire allo FCAS e oggi uno dei contributori sta cercando di escluderli dal loro mercato principale. Questo non aiuterà...

    • Si tratta di due file separati. Non credere che Dassault o Emmanuel Macron siederanno su 7 o 8 miliardi di euro per 36 Rafale, per preservare Saab e i suoi buoni rapporti con Stoccolma. Poiché Stoccolma non esita a tentare di silurare la vendita dei quattro sottomarini francesi ai Paesi Bassi, due ore dopo l'annuncio ufficiale della scelta dell'Aia.

  3. Lo sento bene. Gli affari sono affari. Le grandi ambizioni politiche spesso si scontrano con le strategie molto razionali delle imprese. E quando i politici sfruttano le opportunità in accordo con queste aziende, si ottengono discorsi un po’ schizofrenici. Breve.

    • Come detto sopra, bisogna tenere presente anche la posizione dello svedese Kockums e del suo socio Damen, riguardo alla vittoria di Naval Group in Olanda. Quando ci sono miliardi e migliaia di posti di lavoro in gioco per diversi anni, non c’è più un partner che possa restare da una parte o dall’altra. Questo è il gioco...

  4. Sapevamo che dopo Aukus, Navalgroup si è ritrovata con una buona disponibilità di arsenali per la SSN dopo la produzione del nostro (anche questa avviene al rallentatore).
    Questa è un'ottima occasione per lanciare un sasso nello stagno.

    Soprattutto perché la nostra SSN ha un ENORME vantaggio rispetto alla concorrenza: opera con uranio arricchito a livello civile e non militare. È un dettaglio che cambia tutto.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli