La Gran Bretagna non avrebbe i mezzi per le sue ambizioni di difesa

In questi mesi le autorità britanniche hanno mostrato un volontarismo, o almeno una dichiarata ambizione, che alcuni hanno definito esemplare in tema di difesa. Così, a settembre, prima della partenza di Boris Johnson da 10 Downing Street, il segretario alla Difesa Ben Wallace ha annunciato con orgoglio che intendeva portare lo sforzo della difesa britannica a 100 miliardi di sterline entro la fine del decennio e mantenerlo al 3% del PIL. Del resto, almeno quello serviva per finanziare tutti i programmi promessi dal governo britannico, che si trattasse del caccia Tempest, delle fregate Type 31 e Type 32, della nuova classe...

Leggi l'articolo

Naval Group tornerà alla competizione sottomarina indiana P75i?

Nel 1997 New Delhi ha formalizzato l'ordine per 6 sottomarini a propulsione convenzionale del modello DCNS Scorpene, divenuto poi Naval Group. Il primo sommergibile, l'INS Kalvari, che darà il nome alla classe che verrà, è entrato in servizio nel 2017, apportando un notevole valore aggiunto operativo alla Marina indiana. Nel 2014 le autorità indiane si sono impegnate a lanciare un nuovo programma, sempre per 6 sottomarini d'attacco, ma questa volta dotati di un sistema di propulsione aerobica, o AIP per Air Independent Propulsion. Dopo una prima richiesta di informazioni nel 2014, poi una seconda nel 2017, sono stati selezionati 5 studi di progettazione per partecipare al concorso...

Leggi l'articolo

Giappone, Germania: si va verso la nascita di nuovi eserciti ipertecnologici?

A pochi giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato, davanti al Bundestag, la sua intenzione di portare lo sforzo di difesa del Paese "oltre il 2% del PIL", rompendo con 3 decenni di cronico sottoinvestimento da parte della Bundeswehr, che oggi è più simile a un'amministrazione che a un esercito operativo. Pochi mesi dopo, è toccato al Partito liberaldemocratico giapponese, che governa il Paese dal 2012, annunciare l'intenzione di aumentare considerevolmente lo sforzo di difesa del Paese, rompendo il soffitto di ferro che limitava il finanziamento dell'autodifesa giapponese forze all'1% del PIL, e per portare questo...

Leggi l'articolo

DARPA sceglie General Atomics per progettare il suo trasporto Liberty Lifter Ekranoplane

Lo scorso maggio, l'agenzia di ricerca e sviluppo del Pentagono, DARPA, ha annunciato il lancio di un programma destinato a progettare un nuovo dispositivo di trasporto strategico, basato sul concetto di Ekranoplan. Questi dispositivi anfibi sfruttano l'effetto suolo, ovvero la sovrapressione che si crea tra l'ala e il suolo quando un aereo sta volando a bassissima quota, per aumentare la loro portanza, permettendogli di trasportare carichi molto pesanti e importanti ad alta velocità, consumando meno carburante. Se il concetto fosse stato studiato negli anni '60 e '70, in particolare in Unione Sovietica, per progettare aerei d'attacco...

Leggi l'articolo

La Corea del Sud è una minaccia per l'industria europea della difesa?

Negli ultimi anni, un nuovo attore è apparso sulla scena internazionale delle esportazioni di armi. Mentre la Corea del Sud ha esportato meno di 1 miliardo di dollari in attrezzature all'inizio degli anni 2010, nel 2021 ha registrato più di 10 miliardi di dollari di ordini e il 2022 sembra ancora più promettente, in particolare con una serie di importanti contratti con la Polonia, ma anche altri successi in Asia, Africa, Medio Oriente ed Europa. Il fatto è che oggi l'industria della difesa sudcoreana è diventata un partner forte, sia nella sfera occidentale, anche contro gli Stati Uniti e gli europei, sia...

Leggi l'articolo

Thales pronto a soddisfare le esigenze SHORAD/CIWS degli eserciti francesi

Diversi punti deboli critici che colpiscono gli eserciti francesi sono stati ripetutamente dettagliati su Meta-Defense. Nell'ambito della preparazione della Legge di Programmazione Militare 2024-2030, sembra, secondo informazioni filtrate di pubblico dominio, che se ne stiano prendendo in considerazione diverse, con soluzioni prospettate in tempi relativamente brevi. Questo è particolarmente il caso della capacità di distruggere le difese antiaeree nemiche e la guerra elettronica per il Rafale, il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica e dello Spazio avendo annunciato, durante la sua audizione presso il Comitato di Difesa dell'Assemblea Nazionale, che questa capacità , inizialmente previsto in…

Leggi l'articolo

Un senatore degli Stati Uniti suggerisce di creare un'alleanza tecnologica tra Stati Uniti, Francia e Canada ispirata ad AUKUS

La creazione, poco più di un anno fa, dell'alleanza AUKUS che riunisce Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti, ha gravemente danneggiato le relazioni tra Parigi e questi tre paesi, soprattutto perché ha comportato la risoluzione unilaterale del contratto SEA 1000 per la progettazione e la costruzione 13 sottomarini di classe d'attacco venduti dalla Francia nel 2015, per sostituirli con 8 sottomarini d'attacco nucleari di fabbricazione americana o britannica. Al di là delle difficoltà incontrate da Canberra nell'organizzare il passaggio a tale flotta, nonché dei costi aggiuntivi e dei ritardi che tale decisione genera, ci sono voluti molti mesi, e il cambiamento...

Leggi l'articolo

La guerra in Ucraina ha interrotto la programmazione militare russa

Dal 2012, il ritorno di Vladimir Putin al Cremlino e l'arrivo di Sergei Shoigu al Ministero della Difesa, la programmazione militare russa, organizzata attraverso programmi pluriennali denominati GPV, è al centro dello sforzo per ricostruire gli eserciti di Mosca . L'ultimo GPV, avviato nel 2017, doveva permettere agli eserciti russi di consolidare la propria ascesa digitale e tecnologica sui potenziali avversari, con un budget annuale di 2.000 miliardi di rubli, ovvero 30 miliardi di euro destinati ogni anno all'acquisizione di nuove attrezzature e all'ammodernamento delle apparecchiature in servizio. Quindi poco più di un anno fa, quando il...

Leggi l'articolo

Il Giappone vuole armare i suoi sottomarini con missili da crociera a cambio medio

Relativamente preservato durante la Guerra Fredda, il Giappone, a differenza della Germania, ha mantenuto fino ad oggi i rigidi vincoli della sua costituzione postbellica in termini di forze armate. Pertanto, per Tokyo, le forze armate giapponesi, designate sotto il titolo di forze di autodifesa, sono progettate solo per garantire l'immediata difesa del paese. Infatti, anche se le forze giapponesi sono tutt'altro che trascurabili, con in particolare una forza aerea che schiera 240 aerei da combattimento di cui 150 F-15J, e una forte forza navale di 20 sottomarini, 36 cacciatorpediniere (di cui 8 AEGIS), 8 fregate (22 alla fine) oltre a 2 portaerei leggere, queste non furono equipaggiate, fino a quando…

Leggi l'articolo

Il Giappone è sempre più vicino all'alleanza AUKUS

Creata nel settembre 2021, l'AUKUS Alliance (Australia, Regno Unito, Usa) mirava ad andare oltre il quadro degli accordi bilaterali di difesa tra gli Stati Uniti e i suoi alleati nel Pacifico. Infatti, per far fronte all'ascesa degli eserciti cinesi, a Washington è apparso subito chiaro che un'alleanza, se non paragonabile, comunque ispirata al principio della NATO, poteva costituire la migliore risposta per contenere e scoraggiare la Cina, soprattutto nei confronti nei confronti di Taiwan. Sfortunatamente per le ambizioni americane, la pietosa parte della cancellazione del programma di sottomarini a propulsione convenzionale Attack sviluppato dal 2015 da Canberra con il gruppo navale francese, al fine di ...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE