La Corea del Sud è una minaccia per l'industria europea della difesa?

Negli ultimi anni, un nuovo attore è apparso sulla scena internazionale delle esportazioni di armi. Mentre la Corea del Sud ha esportato meno di 1 miliardo di dollari in attrezzature all'inizio degli anni 2010, nel 2021 ha registrato più di 10 miliardi di dollari di ordini e il 2022 sembra ancora più promettente, in particolare con una serie di importanti contratti con la Polonia, ma anche altri successi in Asia, Africa, Medio Oriente ed Europa. Il fatto è che oggi l'industria della difesa sudcoreana è diventata un partner forte, sia nella sfera occidentale, anche contro gli Stati Uniti e gli europei, sia...

Leggi l'articolo

Thales pronto a soddisfare le esigenze SHORAD/CIWS degli eserciti francesi

Diversi punti deboli critici che colpiscono gli eserciti francesi sono stati ripetutamente dettagliati su Meta-Defense. Nell'ambito della preparazione della Legge di Programmazione Militare 2024-2030, sembra, secondo informazioni filtrate di pubblico dominio, che se ne stiano prendendo in considerazione diverse, con soluzioni prospettate in tempi relativamente brevi. Questo è particolarmente il caso della capacità di distruggere le difese antiaeree nemiche e la guerra elettronica per il Rafale, il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica e dello Spazio avendo annunciato, durante la sua audizione presso il Comitato di Difesa dell'Assemblea Nazionale, che questa capacità , inizialmente previsto in…

Leggi l'articolo

Un senatore degli Stati Uniti suggerisce di creare un'alleanza tecnologica tra Stati Uniti, Francia e Canada ispirata ad AUKUS

La creazione, poco più di un anno fa, dell'alleanza AUKUS che riunisce Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti, ha gravemente danneggiato le relazioni tra Parigi e questi tre paesi, soprattutto perché ha comportato la risoluzione unilaterale del contratto SEA 1000 per la progettazione e la costruzione 13 sottomarini di classe d'attacco venduti dalla Francia nel 2015, per sostituirli con 8 sottomarini d'attacco nucleari di fabbricazione americana o britannica. Al di là delle difficoltà incontrate da Canberra nell'organizzare il passaggio a tale flotta, nonché dei costi aggiuntivi e dei ritardi che tale decisione genera, ci sono voluti molti mesi, e il cambiamento...

Leggi l'articolo

La guerra in Ucraina ha interrotto la programmazione militare russa

Dal 2012, il ritorno di Vladimir Putin al Cremlino e l'arrivo di Sergei Shoigu al Ministero della Difesa, la programmazione militare russa, organizzata attraverso programmi pluriennali denominati GPV, è al centro dello sforzo per ricostruire gli eserciti di Mosca . L'ultimo GPV, avviato nel 2017, doveva permettere agli eserciti russi di consolidare la propria ascesa digitale e tecnologica sui potenziali avversari, con un budget annuale di 2.000 miliardi di rubli, ovvero 30 miliardi di euro destinati ogni anno all'acquisizione di nuove attrezzature e all'ammodernamento delle apparecchiature in servizio. Quindi poco più di un anno fa, quando il...

Leggi l'articolo

Il Giappone vuole armare i suoi sottomarini con missili da crociera a cambio medio

Relativamente preservato durante la Guerra Fredda, il Giappone, a differenza della Germania, ha mantenuto fino ad oggi i rigidi vincoli della sua costituzione postbellica in termini di forze armate. Pertanto, per Tokyo, le forze armate giapponesi, designate sotto il titolo di forze di autodifesa, sono progettate solo per garantire l'immediata difesa del paese. Infatti, anche se le forze giapponesi sono tutt'altro che trascurabili, con in particolare una forza aerea che schiera 240 aerei da combattimento di cui 150 F-15J, e una forte forza navale di 20 sottomarini, 36 cacciatorpediniere (di cui 8 AEGIS), 8 fregate (22 alla fine) oltre a 2 portaerei leggere, queste non furono equipaggiate, fino a quando…

Leggi l'articolo

Il Giappone è sempre più vicino all'alleanza AUKUS

Creata nel settembre 2021, l'AUKUS Alliance (Australia, Regno Unito, Usa) mirava ad andare oltre il quadro degli accordi bilaterali di difesa tra gli Stati Uniti e i suoi alleati nel Pacifico. Infatti, per far fronte all'ascesa degli eserciti cinesi, a Washington è apparso subito chiaro che un'alleanza, se non paragonabile, comunque ispirata al principio della NATO, poteva costituire la migliore risposta per contenere e scoraggiare la Cina, soprattutto nei confronti nei confronti di Taiwan. Sfortunatamente per le ambizioni americane, la pietosa parte della cancellazione del programma di sottomarini a propulsione convenzionale Attack sviluppato dal 2015 da Canberra con il gruppo navale francese, al fine di ...

Leggi l'articolo

Nuovi cacciatorpediniere nucleari e sottomarini della US Navy molto più costosi del previsto

Nel luglio di quest'anno, mentre parlava al Vertice sui prezzi dei contratti governativi, l'Assistente Sottosegretario per gli Appalti dell'Aeronautica Militare Cameron Holt ha sbalordito il suo pubblico credendo che la Cina producesse le sue attrezzature militari "6 volte più velocemente e 20 volte più economiche" dell'industria della difesa americana . E sembra che questa traiettoria, per quanto insostenibile per Washington ei suoi eserciti, non sia destinata ad evolversi positivamente. Infatti, secondo le stime del Budgetary Committee del Congresso americano, le future navi che dovranno equipaggiare la US Navy nel prossimo decennio,…

Leggi l'articolo

La Marina francese vuole modellare la sua strategia di capacità sui programmi aeronautici

Quando è entrato in servizio nel 2002 all'interno della flottiglia 12F dell'aviazione navale per sostituire il suo F-8F Crusader antidiluviano, i primi Rafale Marines sono stati consegnati allo standard F1, che allora aveva solo capacità aria-aria. Ma fin dall'inizio del programma, la scalabilità del dispositivo e la pianificazione delle versioni sono state al centro della strategia perseguita dal Ministero della Difesa e dal Team Rafale. Così nel 2005, l'Air Force iniziò a ricevere i suoi primi Rafale B e C secondo lo standard F2, specializzati in attacchi Air-Ground per sostituire il ritiro dei SEPECAT Jaguar franco-britannici, seguiti nel 2009 dal Rafale...

Leggi l'articolo

Per il capo della deterrenza statunitense, un conflitto con la Cina sembra inevitabile

Solo una settimana fa, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, accompagnato da un aereo carico di imprenditori tedeschi, è volato a Pechino per incontrare il suo omologo cinese, il presidente Xi Jinping, appena rieletto alla guida del Paese per un mandato di 5 anni. Per il capo di stato tedesco si trattava soprattutto di rafforzare la cooperazione economica tra i due paesi, essendo la Cina un mercato critico per le esportazioni tedesche, e di un buon funzionamento sia della sua economia che della sua industria. In Europa, questa visita ha suscitato molte reazioni, con la preoccupazione di vedere Berlino aumentare la sua dipendenza economica rispetto a Pechino,...

Leggi l'articolo

Le molestie da parte della Cina nei confronti di Taiwan sono aumentate in modo significativo

Da 3 anni le manifestazioni di forza da parte di Pechino nei confronti del suo vicino taiwanese sono diventate all'ordine del giorno, in particolare quando si tratta di mostrare ostentatamente il dispiacere delle autorità cinesi nei confronti di alcune iniziative taiwanesi o degli Stati Uniti, come come la vendita di equipaggiamento militare o la visita di funzionari americani. Ma da 6 mesi a questa parte, le cose sono diventate notevolmente tese tra Taipei e Pechino e le manifestazioni delle forze cinesi hanno ampiamente guadagnato in intensità e regolarità. Questo 7 novembre segna una nuova tappa in questo aumento delle tensioni, poiché l'Esercito popolare di liberazione ha schierato non meno di 63...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE